La televisione è sempre la regina dei media

Per il 2011 Deloitte prevede un aumento dei telespettatori e il quinto anno consecutivo di crescita dei ricavi pubblicitari.

ROMA - Altro che declino! La «vecchia» tv non ha nessuna voglia di finire in soffitta. Il rapporto «Tmt Predictions 2011» di Deloitte prevede che la televisione, nei prossimi 12 mesi, rafforzerà ulteriormente la propria posizione a discapito dei profeti del sorpasso dei «new media».
I numeri sono eloquenti: nel 2011 i telespettatori mondiali guarderanno la tv per 140 milioni di ore in più rispetto al 2010, le pay-tv incrementeranno il loro fatturato del 20% nei mercati emergenti e i ricavi da pubblicità in tv aumenteranno di 10 miliardi di dollari.
Deloitte prevede che, sommando i ricavi da pubblicità, abbonamenti, fatturato da pay-per-view e licenze, la televisione manterrà la propria leadership tra tutti i media in termini di ricavi. La televisione come veicolo di pubblicità vedrà il secondo anno di crescita solida e il quinto di seguito di incremento della quota di ricavi da vendita pubblicitaria, che sono passati dai 174 miliardi di dollari del 2007 ai 191 miliardi del 2011, in netto contrasto con il declino della carta stampata che nello stesso periodo è scesa da 126 miliardi a 93 miliardi di dollari.