Coronavirus, a casa fino a maggio? In giro ancora troppi furbetti

Solamente sabato sono state multate 5mila persone: 50 positivi al Covid-19 erano tranquillamente a spasso. E ora i posti di blocco vengono potenziati

L'aumento delle sanzioni pecuniarie da 400 a 3mila euro per chi viola i divieti di spostamento deciso dal governo per contenere la diffusione del Coronavirus evidentemente non è stato ben recepito da una parte della popolazione: solamente nella giornata di sabato, quindi a distanza di 4 giorni dall'entrata in vigore del decreto legge annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, sono state multate 4.942 persone poiché risultate non in regola. Ed emerge un dato preoccupante: nonostante siano stati effettuati meno controlli, i trasgressori sono risultati essere il doppio rispetto a venerdì. A questo si aggiunge che ben 50 positivi sono usciti di casa nonostante fossero in quarantena: ora rischiano di essere processati per epidemia colposa. Perciò l'esecutivo starebbe pensando di prolungare le chiusure fino al 18 aprile per poi prorogarle a maggio: il rischio di dare vita a una seconda impennata di contagi è davvero alto.

Non a caso Luciana Lamorgese si è adoperata per potenziare i posti di blocco, coinvolgendo anche gli agenti della polizia municipale con funzione di pubblica sicurezza: l'intento è quello di individuare e multare coloro che non rispettano le norme e approfittano della possibilità di fare la spesa per svolgere in realtà attività fisica o per portare a spasso il cane. La diffusa azione di verifica necessaria in questa fase di emergenza impegna non solo le forze di polizia, ma anche i Comuni, per il tramite dei corpi e servizi di polizia locale, "in un momento delicato per la vita del Paese in cui tutte le polizie, ivi comprese quelle locali, costituiscono risorse essenziali per garantire la sicurezza delle relative comunità, contribuendo altresì alla sorveglianza sul rispetto delle misure emergenziali adottate".

Il nuovo decreto

Come riportato dal Corriere della Sera, a partire da questa mattina il premier avvierà una nuova discussione con il comitato tecnico-scientifico per porre le basi per il nuovo decreto da far entrare in vigore il 4 aprile. Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali, ha fatto sapere che in questo momento parlare di riapertura "è inopportuno e irresponsabile": il ritorno alla normalità è sicuramente un obiettivo da raggiungere il prima possibile ma "prima dobbiamo riaccendere un interruttore per volta".

Del parere contrario Matteo Renzi, che invece spinge per un piano immediato per la riapertura: "Le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua. Poi il resto. I negozi, le scuole, le librerie, le Chiese". Il leader di Italia Viva ha trovato però la forte opposizione da parte della comunità scientifica, con Fabrizio Pregliasco che fa notare come sia "prematuro" pensare di riaprire il Paese. All'ex presidente del Consiglio è stato inoltre rivolto l'invito a moderare le ambizioni per evitare di dare "false illusioni e speranze" ai danni dei cittadini italiani.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

amicomuffo

Lun, 30/03/2020 - 10:26

come detto in questo giornale...gli italiani sono "caciaroni"...allergici a rispettare le regole imposte.....vedi gente anche di una certa età, più grandi di me ed anziane, irrispettose delle regole: come non rispettare la distanza di sicurezza, avere mascherine, anche auto costruite guanti ecc.. ecc.

trasparente

Lun, 30/03/2020 - 10:29

Conosco gente che è stufa di stare a casa, soprattutto in appartamenti di 50mq. Reprimete ancora di più, alla fine scenderanno tutti in strada.

veromario

Lun, 30/03/2020 - 10:36

Caro pinocchio Renzi è inutile che cerchi in tutti i modi di imbonire gli italiani con le tue strampalate idee ormai ti conoscono tutti non infinoccchi più nessuno.

lavitaebreve

Lun, 30/03/2020 - 10:38

NON CAPISCO. SE UNA PERSONA, USANDO MASCHERINA, GUANTI,MANTENENDO LA DISTANZA ED EVITANDO ASSEMBRAMENTI, PUO' USCIRE FUORI DAL PROPRIO COMUNE PER ANDARE A LAVORARE; PERCHÉ NON SI PUO' FARE ANCHE PER FARE LA SPESA ? NELLE CITTÀ E NEI PICCOLI PAESI DOVE NON È ARRIVATO IL VIRUS, SI POTREBBE COMINCIARE A FAR APRIRE ALCUNE ATTIVITÀ. SEGUENDO LE PRECAUZIONI CHE ORMAI TUTTI SAPPIAMO.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 30/03/2020 - 10:39

La salute va tutelata certamente e, a parte che una grandissima parte di italiani rispetta queste regole imposte per la sicurezza di noi cittadini, non a maggio ma ad aprile, se non si sbloccheranno aiuti per le famiglie meno abbienti, inizierà una corsa indiscriminata al saccheggio dei negozi e super market che sono pieni di derrate, mentre molti cittadini hanno pancia e tasche vuote. I servizi segreti lo hanno chiarito a chi si tiene stretta quella delega: alla Ue non 2 settimane ma una, al massimo, per decidere. Altro che aumento di popolarità per Giuseppi!

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 10:40

Chi va a fare la spesa, chi va in farmacia, chi va in banca e chi ancora lavora rischia, chi svolge attivita' fisica all'aperto con coscienza non rischia e non fa rischiare nulla.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 30/03/2020 - 10:42

Positivi a spasso "rischiano" il processo? Niente se e niente ma. Processo per direttissima e collocamento nelle patrie galere per almeno 10 anni!

Pigi

Lun, 30/03/2020 - 10:47

I dati di ora sono l'onda lunga dei contagi nelle strutture comunitarie: ospedali, ospizi, cliniche per lungodegenti, conventi... che naturalmente non partecipano a nessuna movida. Facevo notare che dalle scarne statistiche, i positivi sono all'incirca il 60% uomini e 40% donne. Nel commeercio al dettaglio, gli addetti sono il 62% donne e 38% uomini, facendo capire che il commercio al dettaglio, massacrato dalla peggiore classe politica mai esistita, NON è un veicolo del contagio.

Ritratto di Gius1

Gius1

Lun, 30/03/2020 - 10:49

trasparente# io vivo in germania(purtroppo) e vedo che per strada non c´e´NESSUNO. Se la polizia ti trova in strada e dici che vai in farmacia, ti accompagnano per vedere se e´vero.Se mangi un kebab per strada vieni multato. Qui TUTTI RISPETTANO le regole. In italia NO.

Ritratto di faman

faman

Lun, 30/03/2020 - 10:51

trovo non sensato impedire alle persone di fare una passeggiata, che contribuirebbe notevolmente ad alleviare lo stress da "arresti domiciliari". Le persone sarebbero meno tentate ad andare spesso a fare la spesa come scusa per uscire e affollare i supermercati, che notoriamente sono ambienti a rischio contagio. Non vedo perchè impedire di prendere l'auto e andare in campagna a fare una bella passeggiata.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 30/03/2020 - 10:58

No, cari! Voi fate stare in casa fino a maggio proprio questo furbetti. Troppo comodo che per pochi defi.cienti paghino sempre tutti gli altri...e lasciate che li si chiamino “defi.cienti”!

Ritratto di massacrato

massacrato

Lun, 30/03/2020 - 11:02

Ma sì, non lavoriamo più, non facciamo più nulla... Eviteremo il coronavirus e moriremo d'altro, magari peggio. Ma qualcuno sarà meglio che cambi pianeta, abbandonando velocemente le stanze dei bottoni; quando i pacifici si muoveranno, i contenitori saranno inutili.

Rasko

Lun, 30/03/2020 - 11:04

Si sta costruendo un capro espiatorio: la gente che non sta a casa. In realtà il vero grosso ed unico problema è l'inadeguatezza del nostro sistema sanitario, che non è in grado di isolare gli infetti! Si prenda ad esempio gli operatori, medici ed infermieri delle delle case di riposo COSTRETTI a lavorare anche in presenza di anossia o altri sintomi evidenti della malattia, purché non abbiano la febbre. Sono migliaia di individui che loro malgrado ed incolpevolmente diffondono il contagio. Persone che da una parte ricevono il plauso ipocrita di una politica ed uno stato incapace, dall'altra vengono minacciati di licenziamento o peggio se non fanno finta di niente... ovviamente per loro tamponi neanche a parlarne...

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Lun, 30/03/2020 - 11:10

Dimostrateci che la chiusura è davvero utile: vogliamo numeri veri e un test di tamponi su "positivi" ed "ex positivi" su un campione della popolazione: ne vedremmo delle belle.. al nord siamo praticamente tutti contagiati da due mesi, queste restrizioni non servono più a nulla!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 30/03/2020 - 11:10

Stanne cercando di educare la popolazione all'obbedienza o di impedire la diffusione di una malattia? Dal tono non è chiaro.

Ritratto di Gianlo

Gianlo

Lun, 30/03/2020 - 11:13

Questi governanti sono criminali, perché è assurdo che si chiuda aree verdi e parchi gli unici luoghi salutari. Giovani che hanno bisogno di uscire segregati in casa. Cose da fuori di testa.

gpetricich

Lun, 30/03/2020 - 11:14

Potreste spiegarmi che cosa vi spinge a censurare le parole "Legge marziale" che chiariscono quale fosse, e quale ancora sia, la misura che avrebbe salvato, e può ancora salvare l'Italia e gli Italiani?

EnricoV8

Lun, 30/03/2020 - 11:14

Personalmente mi sono rotto! Questa commedia non serve a niente, ci stanno raccontando un sacco di panzane, non sanno da che parte cominciare, dai professoroni che sembra si preoccupino solo delle comparsate televisive per dire tutto ed il contrario di tutto ai politicanti del governo. Bisogna cominciare a mandarli dove devono andare.

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 11:14

faman 10:51: spesso e volentieri dissento da quello che scrivi. Non in questo caso, hai perfettamente ragione.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 30/03/2020 - 11:15

Per i portatori di coronavirus usciti di casa in barba alle restrizioni domiciliari,ai fini di prevenzione, non è sufficiente la multa,per questi bisognerebbe applicare immediatamente il penale per diffusione dell'epidemia colposa da usare come deterrente per gli eventuali furbetti untori. Per chi non ha colpe lasciare che la gente pian piano cominci a riprendere la libertà sottratta. Obbligare le famiglie numerose in 50 metri quadri per settimane senza avere possibilità di una boccata d'aria,per chi non ha un giardino e nemmeno un balcone equivale a detenerle a casa ingiustamente con possibilità di contagiare maggiormente i familiari per lo spazio ristretto. Moderazione dello stato di polizia e il buonsenso dei cittadini dovrebbero prevalere da una parte all'altra.

baio57

Lun, 30/03/2020 - 11:16

Ruggerobarretti ,concordo in toto, hanno fatto passare chi svolge attività fisica all'aperto come untore o delinquente .Immagino chi abita in palazzo di una grande città ed è abituato ad allenarsi più volte la settimana,alla fine semmai ci sarà una fine,dovrà recarsi dallo psicologo per curarsi dalla depressione.

Ritratto di Gianlo

Gianlo

Lun, 30/03/2020 - 11:17

Impossibile far contenti tutti , basta leggere i comemnti in qualsiasi discussione sul virus, ognuno la pensa a suo modo, sbagliato o giusto che sia.

Lucmar

Lun, 30/03/2020 - 11:19

"50 positivi al Covid-19 erano tranquillamente a spasso"? Bene, multate i positivi; ma non prendetevela con gli altri.

Ritratto di Mary_22

Mary_22

Lun, 30/03/2020 - 11:21

Nessuno parla dei consumatori abituali di droghe varie e di come devono raggiungere i loro pusher...ma si, continuiamo a far finta di niente, come se non si sapesse dell'enorme quantitativo di droga che gira(girava) liberamente. Ma quando li fermi i drogati??? impossibile

steluc

Lun, 30/03/2020 - 11:22

Tenere un paese in detenzione non può non avere conseguenze e sociali ed economiche, ieri tutti a cantare dai balconi, domani a tirare roba contro i” secondini” , ad un certo punto fateci uscire, magari vestiti come quelli del CdC di Atlanta, ma fuori, o il paese imploderà

leococojane2

Lun, 30/03/2020 - 11:24

Trasparente : se in 50mq stanno stretti dovrebbero ricordarsi che in una bara sarebbe anche peggio.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 30/03/2020 - 11:28

Ehm....se non è chiedere troppo,sarebbe possibile sapere dove sono concentrati i furbetti? Solo per pura curiosità....

Gianca59

Lun, 30/03/2020 - 11:28

Io comincio ad essere d' accordo con Renzi. Se continuiamo così ci ritroviamo con le pezze al cxxx. Conviene pensare a come cominciare a riaprire, gradualmente, prima di Pasqua. Fossi in Conte convocherei una tf per cominciare a pensarci.

marinaio

Lun, 30/03/2020 - 11:31

Da molti commenti, capisco che noi italiani siamo ancora un popolo incivile. Si critica quello che invece si dovrebbe elogiare e si cerca ogni giustificazione per poter aggirare gli obblighi. Ma si, andiamo ai giardinetti, nei parchi,facciamo le gite fuori porta. Lo capite o no che non siamo in vacanza, ma in piena emergenza? Razza di scellerati!!!

baio57

Lun, 30/03/2020 - 11:32

@ Quintus...la prima ,l'ho pensato fin dall'inizio. Le prove ci sono tutte ,dalle imposizioni stile Stasi ,comprese le sentinelle sociali che dai balconi fotografano chi sgarra l'uscita anche solo di 10 metri, ricordiamo che dette sentinelle sono quelle che vanno al Super due volte al giorno.Poi abbiamo i nuovi Vopos,che ti fanno sentire un delinquente se vai al supermercato del paese vicino( si e no 2 km.) perchè nel tuo non c'è un Discount ,e ti appioppano una multa dopo averti fatto perdere mezz'ora nel compilare moduli assurdi....

gjallahorn

Lun, 30/03/2020 - 11:33

Le cautele di Boccia, master alla Bocconi,nonché di Speranza, ministro della misericordia (?), sono spiazzanti e tardive, forse strumentali per una questione di immagine compromessa gravemente da precedenti ritardi e precedenti esternazioni mediatiche pessime. Convengo parzialmente con Renzi, almeno per le regioni del nord che hanno già attuato i provvedimenti, che si organizzi la riapertura delle aziende, ma anche dei trasporti in sicurezza e rapidamente la piccola distribuzione. La riapertura comporterà certamente un aumento della mobilità collettiva, ma stare in fila al supermercato per ore a chiacchierare non è il massimo della prevenzione.

rickard

Lun, 30/03/2020 - 11:35

Io lavoro in una azienda romana che lavora nel campo della difesa. A parte un 40% dei dipendenti che lavorano a casa, l'altro 60% è qui. Uffici con due o tre persone, corridoi con gente che si incontra e parla e distributori del caffè più o meno affollati. Siamo furbetti anche noi? O ci sono due pesi e due misure?

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Lun, 30/03/2020 - 11:35

Ci sono dati che dicono che chiudendo un paese intero e portandolo vicino alla rovina economica si hanno meno morti?

POKER70

Lun, 30/03/2020 - 11:36

Ma si proroghiamo la chiusura fino a Settembre, così avremo salvaguardato le fasce più deboli della popolazione dal coronavirus e poi cominceranno a crepare di fame un po' tutti.. Non si sta cominciando a esagerare forse?

Ilsabbatico

Lun, 30/03/2020 - 11:37

50 positivi da coronavirus in giro? Penale immediatamente...neanche da pensarci

Ritratto di .coviDEL.pd...

.coviDEL.pd...

Lun, 30/03/2020 - 11:38

i SUDDITI SEQUESTRATI IN CASA PER MESI, purtroppo NON SONO MIGRANTI... li TaGlietta NON RIAPRE PIU'

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Lun, 30/03/2020 - 11:44

Penso che molta gente ancora trasgredisce perché ritiene, a torto o a ragione, che quando tutto sarà finito, come spesso succede in Italia anche in considerazione dell'alto numero di trasgressori tutto finirà con un gigantesco condono.

Ritratto di Adespota

Adespota

Lun, 30/03/2020 - 11:45

Mi pare che tutti concordino che esistano anche i danni causati in via indiretta da questo maledetto virus: quelli fisici e quelli psichici. Mi chiedo per quali motivi non sia possibile contingentare a rotazione le uscite dei cittadini per poter fare sano esercizio psico fisico individuale e far prendere un po' d'aria ai bambini. Esempio: oggi possono uscire a passeggiare quelli col cognome xy, domani quelli zk ecc. Ovviamente i controlli, visto i tassi di furbetti, dovrebbero continuare come ora, con la richiesta di mostrare il cognome su carta d'identità anzichè un'autocertificazione. Ormai dovremmo aver capito che gli assembramenti o i contatti ravvicinati sono pericolosi.

Ritratto di cicopico

cicopico

Lun, 30/03/2020 - 11:50

basta tenerci chiusi in casa e poi fanno sbarcare il mondo intero,ci prendono per i fondelli.a noi italiani ci terrorizzano e tutta l'africa arriva gia con la mascherina.e ora che scendiamo in piazza a protestare contro questo governo che pensa solo a se stesso.

antonioarezzo

Lun, 30/03/2020 - 11:51

ma cosa avete nella testa ? una passeggiata ? se permetti a tutti una passeggiata ti ritrovi con assembramenti. tanto semplice mi pare. in Italia poi ?? permetti la passeggiata e ti ritrovi capannelli di persone da tutte le parti. io credo che fino a che non vi muore un parente non vi renderete conto..... mah'....

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 30/03/2020 - 11:52

leococojane2 Lun, 30/03/2020 - 11:24 Chi le da la certezza che dentro la bara non ci si finisce lo stesso stando in 50 metri quadri? Le ricordo che tutti gli operatori sanitari,a partire dai medici e a finire con le OSS e con gli addetti alle pulizie sono quelli più a rischio,proprio loro potrebbero portare in giro il coronavirus,magari stando a casa in 50 metri quadri;non tutti abbiamo il giardino o il balcone. Quindi moderazione ed elasticità nelle restrizioni e non rigidità assunta dallo stato di polizia. La prudenza ed il rispetto verso il prossimo si equivalgono e non si sopprimono,pena la rivolta sociale come stiamo vedendo ultimamente.

Rasko

Lun, 30/03/2020 - 11:54

Personale sanitario a cui si rifiuta la domanda di tampone nonostante i sintomi. Nel frattempo multe e denunce a poverelli a spasso con il cane a 100 metri da casa! Ma il buon senso?!!

jaguar

Lun, 30/03/2020 - 11:55

Vorrei capire dove sono i furbetti, a parte quei pochissimi che lavorano in giro non c'è anima viva, per non parlare poi del weekend, strade e autostrade deserte, un silenzio agghiacciante.

cir

Lun, 30/03/2020 - 11:57

Quintus_Sertorius Lun, 30/03/2020 - 11:10 : lo penso anche io . troppo can can per qualcosa di incerto . e' una prova generale ?

Ritratto di faman

faman

Lun, 30/03/2020 - 11:58

veromario-Lun, 30/03/2020 - 10:36: pinocchio Renzi e il pifferaio Salvini formano una bella coppia.

rasiera

Lun, 30/03/2020 - 12:01

concordo con ruggerobarretti, faman e altri. È veramente una vergogna

cir

Lun, 30/03/2020 - 12:02

con il commercio fermo ,lo stato non incassa l'IVA: le multe compensano il mancato introito.

Ritratto di faman

faman

Lun, 30/03/2020 - 12:03

Mary_22-Lun, 30/03/2020 - 11:21: i luoghi di spaccio sono noti alle forze dell'ordine, stesso discorso vale per la prostituzione,notevole veicolo di contagio. Nessuno ne parla, questi luoghi sono zona franca?

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 12:09

marinaio: spiegaci in maniera convincente perche' stare all'aria aperta, intendo dire fare una corsa al parco o ai giardinetti, nel rispetto delle regole, quindi distanze interpersonali e non aggregazione, comporti dei seri rischi. Leggevo ieri, cronache locali umbre, di una persona seguita e fermata in mezzo ad un bosco. Se per te e' normale???

Lucmar

Lun, 30/03/2020 - 12:13

Se uno sta leggendo qui, significa che crede più nell'informazione televisiva. Ora, non essendoci ancora il decreto di proroga al 18 aprile, voi già congetturate di maggio... A questo punto neppure voi siete più credibili.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 30/03/2020 - 12:15

Quintus_Sertorius Lun, 30/03/2020 - 11:10 Stanno cercando di imporre la cittadinanza all'obbedienza! Siamo in uno "stato di fatto! " In parte concordo con le regole ed essere responsabile verso gli altri,per contenere l'epidemia,già diffusa ampiamente in seno alla popolazione da dicembre. A questo punto il buon senso dovrebbe prevalere,e far si che le regioni obblighino la popolazione a fare test di massa per rilevare la positività o la negatività nella popolazione:fare tamponi a tutti e fare i test anticorpali per vedere chi ha formato gli anticorpi;chi risulta positivo si obbliga alla quarantena e chi non lo è sarà libero di circolare con le dovute cautele e non di essere arrestato in casa.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 30/03/2020 - 12:15

Obbligare una famiglia e gli anziani in pochi metri quadri equivale a detenerle ai domiciliari con gravi ripercussioni fisico/psichiche.La frase detta tempo fa da Conte "Io sto a casa" ,e usata come slogan, è stata valida per i primi tempi.Se si dovesse prolungare lo stato di emergenza,e così sarà, obbligando la cittadinanza ai domiciliari,fino al 18 aprile come preventivato,la frase da adottare dovrà essere corretta con :"Io sto ai domiciliari altrimenti scattano le pene".

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 30/03/2020 - 12:15

La reclusione agli ARRESTI DOMICILIARI, senza trascrizione sulla fedina penale, forse è la pena che gli italiani devono scontare per avere votato PD e 5S.

kyser

Lun, 30/03/2020 - 12:16

il corvo infatti il condono già c'è stato, si è passato da violazione penale a multicciola da 280€ se pagata nei 5 giorni, e alcuni dicono chiaramente per 280 € il rischio se lo prendono e si vanno a fare un giro. ieri il mio vicino ha organizzato un pranzo con amici, e se sono positivi? e se sono positivi? Io sono da inizio emergenza che non vado nemmeno a fare la spesa (grazie a abitudine mia di avere sempre grosse scorte dell'orto e della carne comprata in blocco macellando animale), mi muovo solo per lavoro e siccome ho a che fare col pubblico faccio di tutto per evitare di essere/diventare veicolo di contagio. poi questi magari mi portano il virus nella tromba delle scale e io inconsapevolmente lo spargo a lavoro con reazione a catena (le mascherine non filtrano il 100%, aiutano ma non danno certezze) se ne fregano tanto succede sempre agli altri.

Davide10

Lun, 30/03/2020 - 12:17

Ci sono dati che dicono che chiudendo un paese intero e portandolo vicino alla rovina economica si hanno meno morti? QUA SI STA ANDANDO CONTRO OGNI LOGICA, MEGLIO MORIRE A TESTA ALTA CHE STRISCIANDO

caren

Lun, 30/03/2020 - 12:20

La tela di Penelope. Almeno chi è positivo al virus non deve andarsene in giro come se niente fosse.

giovanni951

Lun, 30/03/2020 - 12:23

oltre il 18? credo che la gente scenderà in piazza; a tutto c'è un limite.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 30/03/2020 - 12:24

@faman - forse non capisci ancora che la gente sta morendo, pur stando tappati in casa. Se vuoi uscire econ te uscirann otutti gl ialtri, altro che pandemia, sarebbe uan carneficina. No nsono d'accordo con Renzi. Meglio stare abbottonati di più ora e non avere la carneficina un domani. FOrse non vi è ancora chiaro come si diffonde questo virus.

geronimo1

Lun, 30/03/2020 - 12:24

L' isolamento sociale cosi' come impostato non serve. Si contagia l' intero nucleo familiare, il condominio, cosi' via. Siamo troppi e troppo densi: non si possono rendere ermetiche quelle scatole chiamate appartamenti, e sarebbe controproducente: i nostri bisnonni aprivano le finestre "per fare uscire i microbi", forse non avevano studiato ma erano piu' intelligenti dei geni che passa il convento ora...... Se abitassimo in case molto distanti l' una dall' altra forse avrebbe senso cosi' no. Si da' solo la caccia all' "untore" (o presunto tale..) Se il virus dura circa tre ore fuori dal corpo nell' aria, se uno tira uno starnuto con una brezza di 10 km/h "copre" circa trenta chilometri. Dove esistono in Italia zone non abitate con un cerchio di diametro (2 x R) sessanta chilometri?????

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 30/03/2020 - 12:24

marinaio Lun, 30/03/2020 - 11:31 Concordo con lei di limitare le distanze,come in una città;ma una famiglia che abita in campagna o in una zona isolata che probabilità ci sono che questi infettano i cittadini? Forse ci siamo dimenticati della TBC e delle numerose vittime che ha mietuto nel secolo scorso:le autorità sanitarie hanno sempre detto di areare i luoghi ove hanno dimorato i malati per ricambio d'aria. Mi dica lei dove sta la differenza.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Lun, 30/03/2020 - 12:26

ruggerobarretti - Avresti parzialmente ragione se nel parco ti ci paracadutassero partendo dal tuo salotto. Ma nelle grandi città si vive in grandi condomini e poi si percorrono strade, sottopassi, incroci e poi si arriva finalmente al parco, poi bisogna fare il tragitto inverso.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 30/03/2020 - 12:26

@ruggerobarretti - avresti ragione, ma in parte. Se lasci la libertà di uscire agli italiani, li troveresti in ogni dove, e la pandemia si allarga. Meglio farsi due settimane ancora chiuso che andare al creatore. Non concordi?

kyser

Lun, 30/03/2020 - 12:27

leggere e analizzare i commenti: siccome lasciano andare a lavorare alcune persone e andare a fare la spesa, bisogna lasciar circolare tutti per le scampagnate. Siccome l'economia rallenta, aprire tutte attività produttive. Secondo alcuni il contagio si diffonde soprattutto nelle strutture mediche e è colpa esclusiva loro. Secondo altri nei paesi dove non ci sono contagi si dovrebbe riaprire tutto. In pratica riapriamo tutto. Ovunque. E puntiamo il dito contro il sistema sanitario e quelle persone che stanno lavorando contro questa epidemia. Sicuramente in breve tempo il problema rientrerebbe comunque da sé, quando il 100% delle persone saranno contagiate e i morti impressionanti. Solo che una società civile dovrebbe evitare come cura alle malattie la selezione naturale.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 30/03/2020 - 12:31

Per l'irresponsabilitá di pochi imbecilli paghiamo tutti e speriamo non la vita. Portate guanti e mascherina.

kyser

Lun, 30/03/2020 - 12:32

ruggerobarretti quando corri, sputi per terra, fai cadere gocce di sudore, poi sopra quel sudore ci passa la seconda persona, magari madre con un bambino, che poi si tocca le scarpe, il contagio ci può essere ugualmente. Inoltre se tutti uscissero di casa per correre i parchi sarebbero pieni, e non veniamo a raccontarci che la distanza di un metro è sufficiente, schizzi di sudore in movimento vanno ben oltre. Il problema maggiore però è che se autorizzi la corsa/camminata diventa impossibile riconoscere chi corre da chi si sposta per andare a trovare amici/parenti, chi si sposta per aggregarsi in altri luoghi. Anche a me piacerebbe uscire ma non è cosa giusta al momento, non si mette a rischio inutilmente la vita della gente

pardinant

Lun, 30/03/2020 - 12:33

Inutile lamentarsi! Questo è lo strano Paese ove prima era considerata un'influenzetta ridicola e poi "quando tutti i buoi sono scappati dalla stalla" si burocratizza l'epidemia con regole assurde come evitare di uscire di casa per camminare, correre o fare sport, mantenendo una congrua distanza di sicurezza, sicuramente ben maggiore di quella che si ha in fila davanti ai negozi o supermercati ove misteriosamente certi prodotti in questo periodo, non possono essere venduti. Inoltre mentre ormai bisogna dire "pare" si possa uscire nei 200 metri da casa da soli o con l'animale, con i bambini no.

Ritratto di Walhall

Walhall

Lun, 30/03/2020 - 12:34

I primi furbetti o come li chiamate, stanno in Parlamento. Non hanno rispettato ciò che il 31-01-2020 hanno pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, non danno a tutti le mascherine come elemento preventivo, non stilano dei dati statistici chiari sul contagio perché questi si possono fare solo se i tamponi sono effettuati su tutta la popolazione, non vogliono apertamente dichiarare con umiltà di essere incapaci di gestire questa situazione eccezionale né per il presente né per il futuro, si perdono nelle ore a fare retorica sul nulla. Da matematico non posso che permettermi di proferire una sola conclusione: l'Italia non è classificabile al momento né sotto il profilo sanitario, né economico, né finanziaro, perché la Nazione è in balia degli eventi per inerzia.

kyser

Lun, 30/03/2020 - 12:37

Rasko il cane si può portare fuori e nessuno dirà mai nulla per 100 metri. a meno che sti 100 metri in realtà siano venti volte tanto

Venditore

Lun, 30/03/2020 - 12:37

La vera libertà è il rispetto delle regole, per esempio pagare le tasse tutti.

EnricoV8

Lun, 30/03/2020 - 12:41

La libertà di circolazione è sancita dalla costituzione come il diritto alla sanità, in italia il diritto alla sanità non c'è mai stato per l'incapacità della classe medica ed il diritto alla libertà lo abbiamo perso oggi perchè siamo dei PECORONI!!! Comunque un plauso a quei sanitari che danno l'anima nelle corsie di ospedale, unici veri eroi che fanno il loro lavoro.

baio57

Lun, 30/03/2020 - 12:44

4942 persone multate ( vorrei vedere poi i singoli casi ...), in pratica una media nazionale di circa 0,5 persone per comune .Tutto questo basta per misure ancora più restrittive ? Al netto dei 50 dementi positivi al Covid-19 s'intende.

libertyfighter2

Lun, 30/03/2020 - 12:45

Sempre colpa dei FURBETTI. Finitela. Le misure non funzionano e basta.Sono 23 giorni che hanno chiuso tutto. Il Picco arriverà sempre LA PROSSIMA SETTIMANA, i morti non calano, i contagi nemmeno. Piuttosto che i furbetti, facciamo un bello e ampio PIAZZALE LORETO e impicchiamo tutti i governanti. #riapritelitalia

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 30/03/2020 - 12:54

@baio57 @cir @giùalnord Infatti. Sono intuibili alcune tecniche pubblicitarie (PNL) sfruttate da governo e media governativi, come l'utilizzo di termini con i quali il pubblico è già stato familiarizzato e condizionato ad associare a precisi sentimenti. Per esempio il termine "furbetti", già usato per dipendenti pubblici disonesti, truffatori di INPS e INAIL e altre categorie "antisociali", è ora esteso con nonchalance ai violatori del coprifuoco, come se rubare denaro pubblico e respirare senza permesso fossero paragonabili. E il generale vittimismo popolarizzato nell'ultimo decennio dona legittimità morale al pensionato-delatore che vive sul balcone, tenendo in mano il telefono e sperando che qualcuno osi mettere in pericolo la sua "sicurezza" (da notare il maiuscoletto nell'articolo) sfidando la quarantena.

POKER70

Lun, 30/03/2020 - 12:55

Antonioarezzo.Nessuno nega il rischio del contagio, ma ai possibili morti derivanti da una crisi economica devastante, qualcuno dovrà pur pensarci..

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 13:01

Il corvo-12.26: non si vive solo nelle grandi citta', per fortuna ci sono anche eccezioni. Leonida 55-12.26:"li troveresti in ogni dove", scusi ma per me non ha senso questa considerazione. Esco per correre/camminare/andare in bici e quello faccio e se lo faccio senza mettere a repentaglio l'incolumita' altrui me lo fai fare, nel momento in cui non rispetto mi castighi. Questo avrebbe senso e logica. Kyser-12:32 vale la stessa considerazione fatta per l'intervento di leonida 55. Sappiate che l'OMS nelle linee guida contro il coronavirus prevede l'espletamento della regolare attivita' fisica all'aperto. Per un semplice motivo: perche' fa bene. In conclusione o non ce la raccontano tutta e quindi e' in atto un verio attacco NBC, in questo caso B, per cui effettivamente ti puoi contagiare anche attraverso l'aria che respiriamo, oppure secondo me si sta agendo senza un minimo di buon senso. Mi dispiace ma questo penso e questo dico.

tatoscky

Lun, 30/03/2020 - 13:09

Ognuno dice la sua, ma se molte aziende nel settore alimentare e altri settori, lavorano a pieno ritmo, non vedo perché non possano lavorare tutte le aziende manifatturiere, con le dovute precauzioni, mascherine, distanze, ecc. O aspettiamo che falliscano migliaia di fabbriche?

rasiera

Lun, 30/03/2020 - 13:10

comunque in italia e spagna dove non si può correre non mi sembra che ci si contagi di meno che negli altri paesi. W la scienza fatta in casa, della serie: 1. faccio un'ipotesi, 2. non la verifico perché mi sta bene, 3. è Verità

marinaio

Lun, 30/03/2020 - 13:14

Ruggerobarretti. Te lo spiego subito. Se diamo la possibilità di fare la cosetta, allora sarà una scusa per farla tutti. Quindi vedremo milioni di italiani a fare la "corsetta". Capito? E poi se restare a casa sul divano a leggere o guardare la TV ti sembra un grande sacrificio vuol dire che sei messo male. Saluti

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 14:24

marinaio: mi spiace ma fai un discorso veramente sensa senso ed alquanto limitato e non aggiungo altro, anche perche' credo sarebbe comunque tempo sprecato interloquire. Saluti. p.s. in questo momento sono in pausa lavorativa, da casa, piu' tardi se il tempo lo permettera' stai certo che una mezzoretta in campagna, solo soletto la faro' ben volentieri, poi magari piu' tardi mi siedero' sul divano, di certo non per guardare i bollettini o le altre trasmissioni terroristiche che stanno lessando completamente il cervello degli italiani.

Ritratto di faman

faman

Lun, 30/03/2020 - 14:58

Leonida55, io sono d'accordo nel rimanere in casa e con la chiusura di tante attività, dico solo che per attenuare lo stress da "arresti domiciliari" non ha senso impedire alle persone di fare una passeggiata, in particolare nei centri medio-piccoli, naturalmente nel rispetto delle regole, o prendere l'auto per andare a fare una passeggiata in campagna. Molte meno persone con la scusa di fare la spesa, affollerebbero i centri commerciali, molto più a rischio che stare all'aria aperta.

Ritratto di faman

faman

Lun, 30/03/2020 - 15:05

Marinaio - una valvola di sfogo è necessaria, fa bene alla salute e allo spirito, basta rispettare le regole. È vero, siamo in emergenza, ma è il buon senso che manca.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 30/03/2020 - 15:16

Francamente credo che nei piccoli centri o nei paesi piccoli come quello in cui abito da .. una vita, fare quattro passi specie in aperta campagna adottando qualche precauzione non sia una regola inattuabile. Il limite dei 200 mt. è veramente oppressivo, ma da questo a credere che vi sia un'imposizione tipo quella che subirono gli antichi egizi dalle eltie del tempo, mi sembra un tantino esagerato. Sonjo limitazioni che non ci sono solo in Italia oltretutto. Comunque io a farmi un giro in campagna ci vado lo stesso: un pò di aria salubre non fa male e, spesso o sono solo oppure accompagnato dalla consorte tenendo una distanza ragionevole. Se poi, specie in questo periodo di lutti infiniti, non posso neanche andare in cimitero a dire una preghiera per i defunti della mia famiglia e di quella della consorte è un atto barbarico che non sopporto.

buonaparte

Lun, 30/03/2020 - 15:39

PASSA IL MESSAGGIO SBAGLIATO -IL GOVERNO DOPO AVER FATTO LA CAVOLATA INSIEME AI SUOI VIROLOGI DI DIRE DI NON PORTARE LE MASCHERINE E CHE I SOLI A CONTAGIARE ERANO GLI AMMALATI ORA NON HA IL CORAGGIO E LA FACCIA DI DIRE CHE VANNO MESSE SEMPRE LE MASCHERINE,GUANTI E DISTANZE E NON SI DEVE FARE VITA SOCIALE FINO ALL'ARRIVO DEL VACCINO O DI UNA CURA FORTE-STOP A FESTE ,CENE,PIZZE,STADIO, CHIACCHIERE VARIE ,BALLI SPRTIZ E ECC. MA SI PUO USCIRE ED ANDARE A LAVORARE , CORRERE,FARE PASSEGGIATE E SPORT ,MA DA SOLI TENENDO MASCHERE, GUANTI E DISTANZE -LE PERSONE CONTAGIATE HANNO FREQUENTATO PERSONE INFETTE NEL TEMPO LIBERO . I CASI SUL LAVORO SONO RARISSIMI .. SI DOVRANNO USARE TV , TELEFONINI E PC PER STARE IN COMUNICAZIONE AL POSTO DI FESTE E ALTRO SIMILE.. IL VIRUS SI EVITA CON GLI INCONTRI SE VOGLIAMO PROTEGGERE I PIU DEBOLI DELLA SOCIETà--

baio57

Lun, 30/03/2020 - 17:01

@ buonaparte ,per cortesia la prossima volta scrivi minuscolo,mi bruciano gli occhi .Se poi non ti interessa che ti leggano ,fai un po' te...

rasiera

Lun, 30/03/2020 - 17:53

sì, un messaggio tutto in maiuscolo non si può leggere

Ritratto di faman

faman

Lun, 30/03/2020 - 18:33

Buonaparte, mi associo, scrivi minuscolo come tutti noi

buonaparte

Mar, 31/03/2020 - 11:20

scusate ,scrivo in maiuscolo per non usare gli occhiali ..

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 31/03/2020 - 12:04

buonaparte - 11:20 In gergo informatico scrivere maiuscolo significa urlare..