Coronavirus, contagiato il figlio della coppia di Taiwan

I genitori erano stati in Italia con i 2 figli. Il 20enne ha iniziato con tosse secca il 27 gennaio. Il ricovero il 7 febbraio

Coronavirus, contagiato il figlio della coppia di Taiwan

Contagiato anche il figlio della coppia che era rimasta contagiata dal coronavirus. Marito e moglie 50enni erano risultati positivi dopo essere tornati a Taiwan, in seguito a un soggiorno nel nostro Paese. Adesso, l’agenzia sanitaria taiwanese ha fatto sapere che anche il figlio della coppia è stato contagiato. La famiglia, padre, madre e i due figli, avevano soggiornato quattro giorni in Toscana, dal 26 al 29 gennaio, toccando città come Firenze, Pisa e Siena. Insomma tra le mete principali scelte dai vacanzieri stranieri. La Regione Toscana, allertata dal ministero, ha provveduto subito di attivare la Asl che ha immediatamente inviato degli operatori presso la struttura alberghiera dove la famiglia aveva soggiornato, al fine di effettuare i controlli necessari al personale dell’hotel entrato in contatto con i quattro turisti. Circa dieci giorni dopo la loro partenza, le procedure del caso hanno dato esito negativo. Il viaggio si è verificato alla fine di gennaio.

Il 18esimo caso di coronavirus a Taiwan

Il ragazzo avrebbe iniziato con i primi lievi sintomi quando si trovava ancora in Italia, il lunedì 27 gennaio, giorno in cui è stato improvvisamente colpito da una tosse secca. La famiglia era arrivata su suolo italiano il 22 gennaio con un volo via Hong Kong ed era poi ripartita il 1° febbraio. A riportarlo l'agenzia di stampa cinese Xinhua, citando l'agenzia di monitoraggio delle epidemie di Taiwan. Questo sarebbe anche il primo caso di paziente asintomatico registrato a Taiwan. I suoi genitori erano stati trovati positivi al coronavirus quando erano ormai rientrati nel loro Paese, e mostravano sintomi come tosse e febbre. Al 20enne è stato fatto il test solo venerdì 7 febbraio, giorno in cui è stato messo in quarantena. Il giorno dopo, sabato 8 febbraio, è risultato positivo all’esame. Si tratta del 18esimo caso a Taiwan.

Intanto le autorità taiwanesi hanno fatto sapere che 78 persone sono state identificate. Tutte avevano avuto contatti con la famiglia in questione. Genitori e figli erano anche stati a Roma. Di certo c’è che Taiwan ha pochi rapporti con la Cina e quindi, secondo quanto concluso dal Ministero della Salute di Taiwan, il contagio dovrebbe essere avvenuto a bordo dell’aereo che ha portato la famiglia in Italia via Hong Kong. Il 17esimo caso a Taiwan è invece un altro 20enne, anche lui ricoverato dopo aver passato giorni di vacanza in Italia. Quando è ripartito il ragazzo già presentava sintomi febbrili. Nonostante questo, nessun controllo all'aeroporto lo aveva bloccato e trasferito allo Spallanzani per accertamenti.