Immigrati, Papa Francesco: "Respingerli in mare è atto di guerra"

Secondo il Pontefice "respingere in mare gli immigrati è un atto di guerra". Poi l'appello ai giovani: "Non andate in pensione a 20 anni"

Immigrati, Papa Francesco: "Respingerli in mare è atto di guerra"

Per Papa Francesco "respingere in mare gli immigrati è un atto di guerra". Lo ha affermato questa mattina nel dialogo a braccio con i ragazzi del Movimento Eucaristico Giovanile, prendendo spunto dal dramma che si sta consumando in Asia dove i "boat people" in fuga dal Myanmar sono respinti nell’Oceano.

"Pensiamo - ha detto il Papa - a quei fratelli nostri Rohingya che sono stati cacciatio via d aun paese da un altro e vanno sul mare e quando arrivano su un porto danno loro da manfìgaie e li cacciano di nuovo. È un conflitto non risolrtto: è guerra, si chiama violenza, è uccidere. Se ti uccido è finito il conflitto. Ma non è il cammino", ha detto ai 1500 ragazzi che lo ascoltavano nell’Aula Nervi. Per il Pontefice "quando identità diverse vivono insieme, sempre ci saranno i conflitti, ma - ha scandito - soltanto col rispetto dell’identità dell’altro si risolve il conflitto. Le tensioni si risolvono nel dialogo, i veri conflitti sociali e culturali si risolvono col dialogo ma prima con il rispetto dell’identità dell’altra persona". Poi il Papa ha poi parlato dei giovani e della disoccupazione giovanile, toccando anche il tema delle pensioni: "Ognuno deve individuare le tensioni della sua vita, che fanno crescere e ogni giovane deve avere la virtù del coraggio di affrontarle, un giovane senza coraggio è annacquato, va in pensione a 20 anni, se vede tutto sicuro e tranquillo nella vita". E al Pontefice ha risposto Matteo Salvini: "Con tutto il dovuto rispetto per Papa Francesco, respingere i clandestini non è un crimine ma, anzi, un dovere di qualunque buon amministratore, cattolico o no".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento