Albanese la stupra in discoteca. Le amiche ridono e filmano tutto

La vittima della violenza ha 17 anni e la mattina dopo lo stupro ha ricevuto su whatsapp il video girato dalle amiche

Albanese la stupra in discoteca. Le amiche ridono e filmano tutto

L'orrore è accaduto in una discoteca in provincia di Rimini, a Sant'Arcangelo di Romagna. Una ragazzina di 17 anni è stata violentata nel bagno di una discoteca e le amiche, tra le risate, hanno filmato la scena. Il tutto finisce su whatsapp della vittima, e forse non solo.

Come racconta il Resto del Carlino, i fatti risalgono a un sabato sera di qualche tempo fa. La ragazzina si trovava in discoteca insieme alle sue amiche. Nonostante l'età è completamente ubriaca tanto che dell'accaduto non ricorda nulla. Incontra un ragazzo albanese, che forse conosceva già di vista. Lui la trascina in bagno e le amiche la vedono ma, nonostante sia chiaro che la ragazzina non riesce a stare in piedi a causa dell'alcol ingerito, non fanno nulla per fermarla. Anzi, fanno peggio.

Perché proprio mentre si consuma la violenza, riescono ad arrampicarsi nella toilette di fianco e riprendono la scena con il cellulare. Un video in cui non si vede la vittima in volto, ma che dimostra come la 17enne fosse completamente inerme. Come sottofondo, le risate di chi sta filmando, come se si trattasse di uno scherzo di poco conto. Ma non finisce qui.

Il giorno dopo, al suo risveglio, la ragazzina si trova il filmato della violenza su whatsapp: un regalo delle amiche. Non sapendo a quante persone fosse stato inviato quel video, la 17enne non può far altro che rivolgersi alla madre che denuncia immediamente l'accaduto.

Le indagini, coordinate dal pubblico ministero di Rimini Davide Ercolani, hanno visto l'apertura in un fascicolo per violenza sessuale. Il ragazzo è stato identificato ma non ancora iscritto nel registro degli indagati.

Commenti