Tumori, innovativo test ematico permetterà di rivelarne ben 10 tipi

Entro 5 anni in Italia disponibile un esame del sangue rivoluzionario, che sarà in grado di individuare ben 10 tipologie differenti di tumore con largo anticipo sugli sviluppi della malattia

Tumori, innovativo test ematico permetterà di rivelarne ben 10 tipi

Un’altra arma nella guerra contro i tumori è pronta a dare il suo contributo nel campo della prevenzione. Basteranno infatti delle semplici analisi del sangue per ricercare ed individuare i geni tumorali di ben 10 tipologie differenti di cancro, così da evitare che la malattia possa proliferare e mettere a rischio la vita dei pazienti.

La scoperta, ritenuta il Santo Graal della ricerca sul tumore, è opera di un gruppo di ricercatori del “Taussig Cancer Center” della Stanford University. L’esame funziona rilevando piccoli frammenti del Dna rilasciati nel sangue dalle cellule cancerose e potrebbe quindi permettere di individuare la malattia addirittura prima del suo manifestarsi: così hanno spiegato i ricercatori americani, i quali hanno poi aggiunto che il test potrebbe arrivare anche in Italia entro 5 anni.

Gli straordinari risultati dello studio sono stati presentati alla conferenza annuale dell’American Society of Clinical Oncologists a Chicago: l’esame è infatti risultato attendibile nel 90% dei casi analizzati, tanto che il Servizio Sanitario Nazionale inglese (l’NHS) ha deciso di farlo proprio nella sua campagna di prevenzione.

Suddetto studio ha riguardato 1600 individui (749 sani ed 878 a cui era stato da poco diagnosticato il male), ed è risultato maggiormente accurato nel rilevare il carcinoma delle ovaie e del pancreas; a seguire quello del fegato e della cistifellea, poi linfoma e mieloma, fino ad arrivare al tumore a intestino, polmone, testa e collo, prostata, stomaco e utero.

“La maggior parte dei tumori viene rilevata in una fase avanzata,ma questa “biopsia liquida” ci dà l’opportunità di trovarli mesi o anni prima che qualcuno sviluppi sintomi e venga diagnosticata”, ha rivelato il dr.Eric Klein del centro di Cleveland, “Speriamo che quest’esame possa salvare tante vite”.

Il test ha ancora un costo elevato, dato che si parla di una cifra compresa tra le 500 e le 1000 sterline (570-1140 euro circa); tuttavia grazie ad esso è possibile diagnosticare la malattia in modo precoce ed avere un risultato attendibile entro soli 15 giorni. Si eviterebbero così esami bioptici maggiormente invasivi e dolorosi, garantendo tra l’altro al paziente una tempestività d’intervento fondamentale per garantirgli una più alta possibilità di guarigione.

Commenti

Grazie per il tuo commento