Tutti gli spostamenti consentiti: ecco cosa si può fare e cosa è vietato

Passeggiate, attività motoria, uscita in macchina, utilizzo della moto, autocertificazione, giornali, sigarette e animali: i chiarimenti del governo

Sugli spostamenti consentiti ai tempi del Coronavirus continuano a esserci molti dubbi da parte dei cittadini: in molti si chiedono se possono uscire in compagnia del proprio cane, se possono praticare attività sportive all'aperto, se possono recarsi in edicola per acquistare un giornale, se è possibile uscire in macchina, in moto e in bicicletta. Per fare chiarezza una volta per tutte, il governo sul proprio sito istituzionale ha reso note le cosiddette Frequently asked questions (Faq) al fine di sciogliere definitivamente le ombre sui movimenti regolamentati dal decreto legge adottato l'11 marzo. Di seguito sono dunque riportate le precisazioni dell'esecutivo a partire dalle passeggiate fino ad arrivare agli animali domestici, passando per giornali e sigarette.

Le passeggiate

Il concetto base è stato ribadito nuovamente: si può uscire dalla propria abitazione "solo per andare al lavoro, per motivi di salute o per necessità ovvero per svolgere attività sportiva o motoria all’aperto". Le passeggiate sono pertanto consentite solamente se "strettamente necessarie a realizzare uno spostamento giustificato da uno dei motivi appena indicati". Ad esempio sono regolari le uscite per fare la spesa, per comprare un periodico, per andare in farmacia e per acquistare beni necessari per la vita quotidiana. Inoltre è stato chiarito che è giustificata "ogni uscita dal domicilio per l’attività sportiva o motoria all’aperto".

In caso di eventuali controlli, la giustificazione di tutti gli spostamenti ammessi "può essere fornita nelle forme e con le modalità dell’autocertificazione, ove l’agente operante ne faccia richiesta". Comunque per ogni scenario è valido il divieto generale di assembramento e quindi l'obbligo di rispettare la distanza di sicurezza minima di 1 metro tra le persone.

Attività motoria

L'attività motoria è consentita purché non in gruppo. Non è necessario avere con sé l'autodichiarazione in quanto si tratta di un caso espressamente previsto "dai decreti come consentito, quindi non è necessaria alcuna autodichiarazione". Le autorità di pubblica sicurezza potrebbero comunque richiedere di dichiarare la motivazione dello spostamento: qualora si dovesse fornire una dichiarazione falsa o mendace, si potrebbe incorrere nelle sanzioni previste.

L'accesso individuale a parchi e giardini pubblici è consentito per praticare sport e attività motorie; è vietato invece entrarvi in gruppo o per fare qualsiasi altro tipo di attività. Restano preclusi tutti gli sport di squadra che possano implicare contatti ravvicinati tra i giocatori. In caso di violazione si può incorrere nelle sanzioni previste: nei casi di ripetute violazioni del generale divieto di assembramento "può essere disposta la chiusura temporanea del parco, del giardino o dell'area pubblica ove la popolazione tenda ad assembrarsi".

Macchina e moto

Gli spostamenti in auto sono consentiti anche per più passeggeri solo se si rispetta la distanza minima di un metro; invece - proprio perché tale criterio non è rispettabile - non è possibile andare in due in moto. L'utilizzo della bicicletta è ammissibile per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza, i negozi di prima necessità e per svolgere attività motoria, mantenendo sempre la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Giornali e sigarette

Si può uscire di casa per comprare un giornale o delle sigarette? Sì, poiché l'acquisto "dei quotidiani e dei periodici è ritenuto una necessità, quindi anche gli spostamenti da e per le edicole, che li vendono". I tabaccai sono aperti, così come le erboristerie assimilate a negozi di prodotti per la cura personale.

Gli animali

Si può uscire con il proprio animale da compagnia per le sue esigenze fisiologiche, ma senza assembramenti e mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone. Gli animali domestici si possono portare dal veterinario per esigenze urgenti: "I controlli di routine devono essere rinviati. Visite veterinarie necessarie e non procrastinabili possono avvenire solo su prenotazione degli appuntamenti e comunque garantendo la turnazione dei clienti con un rapporto uno a uno, così da evitare il contatto ravvicinato e la presenza di clienti in attesa nei locali". Il professionista e il personale addetto dovranno comunque indossare idonei dispositivi di protezione individuale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Lun, 16/03/2020 - 10:27

I podisti farebbero bene a rassegnarsi ed interrompere le loro attività in questo periodo. Sono tra le maggiori categorie a rischio come ha dimostrato il misterioso manager Mattia di Codogno podista iperattivo che ha infettato decine di persone. Il freddo e la fatica attenuano le difese immunitarie e facilitano l'infezione soprattutto per i meno dotati, che sono la stragrande maggioranza.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 16/03/2020 - 10:38

".. Ad esempio sono regolari le uscite per fare la spesa, per comprare un periodico, per andare in farmacia e per acquistare beni necessari per la vita quotidiana. Inoltre è stato chiarito che è giustificata "ogni uscita dal domicilio per l’attività sportiva o motoria all’aperto"." Visto che risiedo a poca distanza dall'aperta campagna, quando possibile faccio attività motoria all'aperto su strade sterrate, rispettando le distanze previste ( nel caso specifico dalla consorte..) e portando al seguito il modulo di autocertificazione. Dalle mie parti i CC in questo periodo si fanno vedere con molta più frequenza rispetto al solito. E fanno benissimo.

compitese

Lun, 16/03/2020 - 10:47

Io ho un uliveto a qualche km. da casa. Ci posso andare per completare la potatura? Si o no? Nessuno sa dirmelo!

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 16/03/2020 - 10:55

compitese - 10:47 E' un lavoro, non è una perdita di tempo, pertanto è lecito quello che lei vuole fare. In aperta campagna, poi, il virus non si radica da nessuna parte. Finora non ci sono controindicazioni, salvo che non vada con altre persone e non rispetti la distanza minima.

cecco61

Lun, 16/03/2020 - 11:08

Informazioni inutili. In molte città le Forze dell'Ordine hanno contestato, e sanzionato, l'uscita per il giornale non ritenendola una necessità. I cardiopatici, tutti, se non critici, dovrebbero fare 30-45 minuti di camminata al giorno e se da soli, sani e ben coperti, non aiutano il contagio. In due in moto, se già conviventi, non creano alcun problema mentre il metro in auto è poco praticabile (pensando alle piccole utilitarie). Le solite interpretazioni ondivaghe, prive di senso e illogiche tanto per affibbiare più sanzioni. E i giornalisti le ripetono senza neppure farsi qualche domanda?

rodi48

Lun, 16/03/2020 - 11:28

SAREBBE IMPORTANTE SAPERE SE LE ATTIVITA' MOTORIE ALL'ARIA APERTA POSSONO ESSERE PRATICATE ANCHE USCENDO DAL PROPRIO TERRITORIO COMUNALE DI RESIDENZA

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 16/03/2020 - 11:28

"Il concetto base è stato ribadito nuovamente: si può uscire dalla propria abitazione "solo per andare al lavoro. E qui sta la paraculaggine di questo governo". Se tutti possono andare al LAVORO dove sta la differenza fra la SOLITA vita lavorativa e quella di adesso? E' sul posto di lavoro che incontri tanti colleghi che, a loro volta, incontreranno altra gente. Siccome ogni imprenditore è arciconvinto che il suo prodotto è neccessario all'umanità tutta, anche se fabbrica lingue di Menelike, ecco che la disputa si sposta fra il datore di lavoro e il dipendente che magari fa il pendolare in autobus o treno. Il governo DEVE dire quali sono i lavori INDISPENSABILI o dobbiamo tutti morire sul pezzo per salvare l'economia?

amedeov

Lun, 16/03/2020 - 11:43

magari le persone che oggi si lamentano perchè non possono uscire e fare ginnastica, fino ad ieri non si sino mosse dal divano

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Lun, 16/03/2020 - 12:21

No_sinistri L'attivita' sportiva FORTIFICA le difese immunitarie , per favore la smetta di scrivere falsita' , se non sa le cose , grazie. Magari c'e qualche BABBEO che le crede.

manson

Lun, 16/03/2020 - 12:42

Tutto questo lassismo prolungherà solo i disagi. Chiudere tutto tranne supermercati e farmacie e anche li chi ci va a fare il giretto tutto i giorni deve essere denunciato. Tenere aperte solo fabbriche medicinali e alimentari e forse ce la faremo

jaguar

Lun, 16/03/2020 - 12:51

Divieto di assembramento, sarà difficile rispettarlo nelle aziende.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 16/03/2020 - 13:15

cecco61 - 11:08 Basta non pagare e eventualmente far ricorso. Strano che chi deve vigilare non conosca tutte le modalità previste nel decreto: figura un pò magra!

david de martini

Lun, 16/03/2020 - 14:28

difatti il capitano è andato a fare la spesa ...peccato che era con la compagna e invece bisogna andarci uno alla volta . ordine e disciplina capitone .....si ma per gli altri -.... ovvio

amedeov

Lun, 16/03/2020 - 15:14

david de martini infatti zingaretti ha partecipato ad un party con i militanti del pd in lombardia e diceva che non vi era nessun pericolo

Sessantottino

Lun, 16/03/2020 - 15:55

L'altro giorno mi è stata posta questa domanda: "posso raggiungere il carcere dove è detenuto mio figlio per portargli, senza incontrarlo causa interruzione dei colloqui, un pacco pieno di generi di prima necessità tra cui biancheria pulita e qualche genere alimentare? Il carcere dista dalla mia abitazione 100 chilometri ed è raggiungibile solo con mezzi propri". Ovviamente non ho saputo rispondere! Qualche "Eminenza" è in grado di erudirmi e di rispondere a quella persona?

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 16/03/2020 - 15:56

Egregio vince 50, lei afferma: "rispettando le distanze previste (nel caso specifico dalla consorte), e ciò che vuol dire? Poi torna a casa e con la consorte mangia, dialoga, dorme, e altro, presumo, sempre alla distanza prevista?

Fuori-dal-coro

Lun, 16/03/2020 - 17:01

Le folte capigliature sono l'ambiente ideale per i germi. Tra i capelli i piccoli coronavirusetti si danno alla pazza gioia... e non c'è mascherina che tenga. Sarebbe opportuna una disposizione che obblighi le persone a coprirsi la testa in pubblico. Io mi lavo spesso i capelli.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 16/03/2020 - 18:40

navajo - 15:56 Dice bene, fuori di casa stiamo a distanza, in casa questo non avviene. Se vado a braccetto con mia moglie prendo la multa, in casa se le siedo a fianco, dormo nello stesso letto etc.! A questo punto non viene che dire "Io speriamo che me la cavo!!!"