Il buon senso, Elettra, il metaverso: le sette parole più belle della settimana

Buon senso ad Est, equilibrio per gli alpini, autonomia energetica, il futuro di Elettra Lamborghini, la magnanimità di Jason Momoa, la normalità degli Internazionali di Roma, l'arrivo del metaverso

Il buon senso, Elettra, il metaverso: le sette parole più belle della settimana

Google usa i numeri per costruire le classifiche delle sue ricerche. Noi vogliamo usare un criterio diverso: la poesia, l'arte, insomma la bellezza. E queste sono le parole più belle di questa settimana:

Cronaca internazionale: buon senso

Con la guerra in corso, mentre leggiamo cronache di torture, minacce atomiche e guerre del gas, sotto la pelle - per chi la vuole ascoltare - continua a germogliare una speranza, che spazza via queste atrocità: in fondo sapiamo che, riconoscendoci tutti umani, ritroveremo con buon senso la pace. Che è ciò verso cui andremo. Parola di poeta.

Cronaca interna: equilibrio

Se alcuni partecipanti al raduno degli alpini hanno commesso molestie – reato disgustoso – vanno perseguiti con severità. Ma non trasformiamo ogni battuta in una molestia, né ogni alpino in un molestatore. Non si risolve un estremo, come la violenza della molestia, con un altro estremo, come la violenza del femminismo radicale. Serve equilibrio, solo lì c'è la pace.

Economia: autonomia

La guerra in Ucraina sta fortemente velocizzando i processi di autonomizzazione dell'energia europea. L'accelerata sulle rinnovabili e la costruzione di altre soluzioni è la naturale conseguenza della guerra e dello stop, per ora paziale, dei flussi di gas russo. Anche la notte più cupa è una promessa di alba.

Spettacolo: futuro

Nel futuro della nostra Italia non ci si ricorderà dei personaggi delle risse in tv o dei virologi, ma di qualcosa di bello come Elettra Lamborghini. La diva nostrana infatti è entrata nelle cronache questa settimana non per esser stata molestata dagli alpini, ma per essere il primo personaggio italiano ad esser stato immortalato nella cera al Madame Tussauds di Amsterdam. E il resto scompare.

Arte e letteratura: magnanimità

E così Khal Drogo è entrato nella cappella Sistina. I suoi Dothraki per fortuna non sono stati avvistati e il sovrano si è limitato ad alcune foto, senza scatenare la sua forza distruttiva. Anzi, ha pure commentato “I love you Italy”. Mentre molti fan hanno polemizzato con l'attore per aver avuto il privilegio di scattare foto là dentro, a me viene da dire: grazie Jason Momoa per aver risparmiato la Cappella Sistina.

Sport: normalità

Gli Internazionali di tennis a Roma segnano il ritorno alla normalità, se mai è esistita. I grandi del tennis mondiale si incontrano nella nostra capitale, Djokovic non ha avuto problemi di “green pass” e Fognini ha rotto una racchetta per rabbia (Fabio, non è mai troppo tardi per trovare l'equilibrio, anche se non sei un alpino). Tutto come sempre. Il tennis, con la sua leggiadra bellezza, ci distende sul viso un sorriso di pace.

Tecnologia e scienza: metaverso

La mente umana si esternalizza sempre più, e dalle ombre di questa caverna costruisce nuove ombre di una nuova caverna. Tanti i timori che accompagnano questo parto, ma all'occhio aperto al futuro appare chiara una cosa: il mondo si allarga e i suoi confini diventano potenzialmente infiniti. Arrivano i metaversi. C'è tanto spazio in questi nuovi mondi nascenti. Forse non dovremo emigrare tutti su Marte.

Le parole più cercate

Per la cronaca, negli ultimi sette giorni tra i principali termini ricercati secondo Google Trend ci sono invece stati: Terremoto a Firenze, Palermo-Triestina, Achille Lauro Eurovision, Juventus-Inter, Milan, Roger Isola dei Famosi, Gianluca Vacchi.

Commenti