Pensioni, allarme rimborsi: "Gli arretrati saranno bassi"

Ancora tensione nel governo sul fronte pensioni. I rimborsi che il governo dovrà erogare a milioni di pensionati dopo la sentenza della Consulta sarebbero a rischio

Pensioni, allarme rimborsi: "Gli arretrati saranno bassi"

Ancora tensione nel governo sul fronte pensioni. I rimborsi che il governo dovrà erogare a milioni di pensionati dopo la sentenza della Consulta sarebbero a rischio. La cifra che il Teosro pagherà a chi ne avrà diritto potrebbe essere inferiore a quella promessa nel decreto varato dal governo. ll decreto per ripristinare una quota della perequazione è allo studio della Commissione Lavoro della Camera. La relatrice, la deputata del Pd Anna Giacobbe, ha chiesto al governo di “fornire una conferma in ordine al concreto funzionamento dei meccanismi di rivalutazione, eventualmente anche attraverso la messa a disposizione di elementi di maggior dettaglio”.

Secondo la Fondazione Studi dei consulenti del lavoro "gli importi netti dei rimborsi risulterebbero più bassi di oltre il 20% rispetto a quelli di cui hanno parlato sia il presidente del Consiglio sia lo stesso ministro Padoan in Parlamento. Così una pensione da 1.700 euro lordi mensili (ai valori del 2011) il primo agosto avrebbe un rimborso arretrato netto di 575 euro, invece di 750, una da 2.200 di 361 invece che 460, mentre chi aveva un assegno da 2.700 euro otterrebbe 216 euro e non 280".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti