Vacanze prenotate ad agosto: cosa si rischia?

Per chi ha già le vacanze prenotate per agosto, la paura di eventuali annullamenti dovuti alla variante Delta si inizia a far sentire; ma cosa si rischia veramente?

Vacanze prenotate ad agosto: cosa si rischia?

Molti italiani hanno già prenotato le vacanze in riva al mare o in montagna e iniziano a temere che queste possano essere annullate a causa dell’avanzata dei contagi e dell’introduzione di nuove restrizioni più severe in Italia e all'estero, soprattutto se ti tratta della seconda metà del mese di agosto. Da giorni il governo e le Regioni sono a lavoro sulle modifiche dei parametri e sull’inserimento di regole più stringenti per evitare una nuova ondata di contagi, ma chi ha prenotato le vacanze ad agosto cosa rischia?

Stando ai dati attuali e alle previsioni sui contagi è possibile pensare che vi saranno nuovi picchi di contagi in diverse zone dell’Italia, in particolare dalla seconda metà del mese di agosto. In alcune Regioni, complici anche i focolai legati agli Europei di calcio, la diffusione del virus ha segnato un nuovo aumento e molti già temono un passaggio dalla zona bianca alla zona gialla.

Questo passaggio alla zona gialla, come spiega Money.it, non dovrebbe mettere a rischio le vacanze prenotate ad agosto, quantomeno sul territorio nazionale, poiché i viaggi tra regioni sarebbero consentiti. Inoltre le dichiarazioni del Ministro della salute, Roberto Speranza, sul cambiamento dei paramenti in base ai posti occupati negli ospedali - sia in terapia intensiva che nei reparti Covid-19 - piuttosto che sul numero di contagi per abitanti, lasciano sperare in un’estate all’insegna delle vacanze. Per il momento, quindi, le vacanze prenotate ad agosto non sembrerebbero correre nessun rischio annullamento.

Tutto questo è valido per i viaggi nazionali. Per i viaggi all’estero, la situazione è più complessa e la Farnesina ha invitato gli italiani, dove possibile, a evitare gli spostamenti dato il considerevole aumento di contagi causati dalla diffusione della variante Delta. Molti italiani, infatti, sono rimasti in quarantena o hanno ritardato il rientro dopo viaggi all’estero, già nei mesi di giugno e luglio.

Chi avesse bisogno di informazioni o assistenza per viaggi annullati in Europa può consultare il sito web di riferimento del Centro Europeo Consumatori, un servizio che permette ai consumatori di risolvere problemi legati a rimborsi o cancellazioni inattese.

Commenti