Gabetti elogia John Elkann Ifil sonda l’Asia

Milano. «Il lavoro svolto da John Elkann in questi mesi è stato molto positivo, ma come ha dichiarato lui stesso: è troppo presto per parlare di presidenza della Fiat». Gianluigi Gabetti, a capo delle holding di casa Agnelli, risponde così all’Ansa sulla possibilità di un incarico di vertice per Elkann al Lingotto, come era stato ipotizzato da alcune fonti di stampa. «Il presidente Montezemolo l’abbiamo molto apprezzato nel suo ruolo - ha aggiunto - così come l’amministratore delegato Marchionne: i risultati della Fiat sono stati addirittura sorprendenti anche per i concorrenti e il mondo industriale. Con Elkann costituiscono un trio molto ben collaudato». Gabetti ha poi aggiunto che il lavoro di Elkann sulla governance «ha avuto una vasta eco sulla stampa internazionale. Di ciò sono molto contento. È evidente che quest’uomo ha attitudine per essere chiamato, come si dice, ad alti destini. È iniziato quel passaggio graduale delle deleghe di cui avevo parlato all’assemblea Ifil e proseguirà con l’impegno di Elkann nello sviluppo del Gruppo». Intanto l’ad dell’Ifil, Carlo Sant' Albano, si trova in Asia per sondare il terreno in vista di futuri investimenti della holding.

Commenti