Milano, immigrati aggrediscono coi coltelli un poliziotto che spara

Un poliziotto ha sparato un colpo in aria per evitare di essere linciato da un gruppo di egiziani che si stavano picchiando in una violenta rissa

Milano, immigrati aggrediscono coi coltelli un poliziotto che spara

Una volenta rissa, con coltelli e catene. Poi gli immigrati, sei egiziani residenti a Milano, hanno aggredito e picchiato il poliziotto che era intervenuto per sedare la rissa. L'agente ha dovuto sparare un colpo in aria per evitare di essere linciato.

La rissa tra immigrati

I sei egiziani, scrive Repubblica, si stavano fronteggiando con delle catene e molti di loro erano armati di coltello. La rissa ha avuto luogo tra via Solaroli e via Pasinetti a Milano. Durante le violenze, una pattuglia della polizia che passava lì vicino si è fermata per sedare gli animi bollenti. Nonostante la presenza delle forze dell'ordine, gli immigrati hanno continuato a picchiarsi. Poi si sono scagliati contro il poliziotto, che non ha potuto far altri che estrarre la pistola e sparare un colpo in aria. Con grande freddezza.

Il colpo in aria del poliziotto

Dopo aver premuto il grilletto, il poliziotto è riuscito a portare la calma tra i sei immigrati. Che sono stati arrestati. uno di loro, un 33enne, è stato ricoverato in codice rosso, avendo subito coltellate al fianco, alla testa e alla mano. Era disteso in una pozza di sangue. Ora al Policinico è in prognosi riservata ma non dovrebbe morire.

Un altro degli egiziani è stato portato al San Carlo per la ferita subita alla testa. Per gli altri gli investigatori stanno indagando per valutarne le responsabilità nella rissa. Che poteva finire in tragedia.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento