"Inquinò il mare americano", 8 mesi a marinaio italiano

Un marinaio italiano è stato condannato a 8 mesi di carcere negli Stati Uniti. Si chiama Giacomo Curatolo, 50enne di Custonacci in Sicilia.

L'uomo è capo ingegnere di bordo della petroliera M/T Cielo, battente bandiera Maltese ma di proprietà dell’Italiana d’Amico. Aveva confessato di di aver scaricato petrolio in acque statunitensi nel gennaio del 2015 e aveva ammesso di aver falsificato il registro di bordo e mentito alla Guardia Costiera Usa. Per questo è stato condannato dal tribunale americano alla reclusione e a una multa di 5mila dollari per aver violato le leggi ambientale. Anche il vice di Curatolo, Danilo Maimone, si è dichiarato colpevole: per lui una condanna dovrebbe arrivare il 18 gennaio 2017.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Happy1937

Mar, 22/11/2016 - 08:15

La condanna e' stata troppo mite.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Mar, 22/11/2016 - 08:42

Chi inquina è giusto che paghi, ma questo dovrebbe valere anche per gli americani che hanno ridotto il mar Mediterraneo in una discarica radioattiva!

killkoms

Mar, 22/11/2016 - 11:04

chissà perché gli americani quando inquinano a casa d'altri,non pagano mai!