Mondo

Usa: nuove sanzioni contro Mosca. Quanto sono costate all'Italia?

La Casa Bianca adotta nuove sanzioni economiche contro Putin. L'Ue ne discuterà il 12 febbraio. Coldiretti: l'Italia ha perso nel 2014 oltre 1,25 miliardi di export in Russia

Putin incontra la comunità ebraica di Mosca
Putin incontra la comunità ebraica di Mosca

Gli Stati Uniti annunciano nuove sanzioni economiche alla Russia: lo ha reso noto la Casa Bianca, dicendo che potrebbero arrivare già oggi. Ad anticipare le imminenti nuove sanzioni è il portavoce presidenziale, Josh Earnest. Le nuove restrizioni potrebbero andare di pari passo con quelle che l’Ue intende varare al Consiglio europeo del 12 febbraio, per le quali si parla anche di un’esclusione di Mosca dal circuito internazionale Swift di pagamenti interbancari (che metterebbe in gravi difficoltà le imprese russe esposte all’estero) e di nuove limitazioni per persone e società di muoversi e operare sul territorio dell’Unione.

Intanto gli Stati Uniti hanno firmato un accordo con l’Ucraina per 2 miliardi di dollari (un miliardo e 760 milioni di euro) in garanzie sui prestiti che dovranno servire a sostenere la spesa sociale nel breve termine. Dopo la firma con il ministro delle Finanze, Natalia Yaresko, il segretario al Tesoro Usa, Jack Lew, ha confermato la nuova tornata di sanzioni contro Mosca: "Continueremo a lavorare con i nostri alleati per aumentare la pressione sulla Russia".

Barack Obama ha parlato al telefono con la cancelliera tedesca Angela Merkel per discutere delle violenze in corso in Ucraina orientale. I due leader hanno espresso reciproche preoccupazioni circa il sostegno materiale dato dalla Russia ai separatisti e sul fallimento di Mosca nel rispettare gli accordi di Minsk sul cessate il fuoco. Obama e Merkel sono d'accordo sul punto di ritenere la Russia responsabile delle proprie azioni e "sull'importanza di finalizzare un robusto pacchetto di aiuti finanziari per l'Ucraina, che permetta a Kiev di stabilizzare la propria economia mentre continua a implementare le riforme che porranno le basi per il ritorno alla crescita e alla prosperità".

La Russia risponde a muso duro, ricordando all'Ucraina di mantenersi neutrale se vuole impedire ulteriori divisioni in Paese già scosso dalla guerra. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, comeriporta l'agenzia di stampa Interfax.

Quanto sono costate all'Italia le sanzioni contro Mosca?

L'Italia ha perso nel 2014 oltre 1,25 miliardi di export in Russia per l'effetto dell'embargo e delle tensioni politiche che hanno frenato gli scambi. E' quanto emerge dal bilancio definitivo tracciato dalla Coldiretti in riferimento all'annuncio del possibile varo di nuove sanzioni contro il paese di Putin da parte dell'Unione europea, con il disaccordo della Grecia guidata dal nuovo premier Alexis Tsipras. Le esportazioni di made in Italy in Russia sono crollate dell'11,6 per cento rispetto all'anno precedente, secondo le elaborazioni Coldiretti sui dati Istat relativi al 2014.

"Se i settori più colpiti sono chiaramente quelli interessati dall'embargo che ha sancito a partire dall'8 agosto il divieto all'ingresso di una lista di prodotti agroalimentari che comprende frutta e verdura, formaggi, carne e salumi ma anche pesce, perdite di quote di mercato considerevoli - sottolinea la Coldiretti - si registrano anche in altri importanti comparti, dal tessile all'arredamento fino ai mezzi di trasporto".

"Nell'agroalimentare si sommano anche i danni indiretti dovuti alla perdita di immagine e di mercato provocata dalla diffusione in Russia di prodotti di imitazione che non hanno nulla a che fare con il Made in italy Lo stop alle importazioni di frutta, verdura, salumi e formaggi dall'Italia ha infatto provocato in Russia - conclude la Coldiretti - un vero boom nella produzione locale di prodotti Made in Italy

taroccati, dal salame Italia alla mozzarella "Casa Italia", dall'insalata "Buona Italia" alla Robiola Unagrande, ma anche la mortadella Milano o il parmesan Pirpacchi tutti rigorosamente realizzati nel Paese di Putin".

Commenti