Adesso l'Italia tratta segretamente con i libici per fermare l'immigrazione

Da Roma sarebbero state avviate trattative con Tripoli per le modifiche da apportare al memorandum, ma l'impressione è che il governo voglia capire meglio dai libici come fermare la nuova impennata di flussi migratori

I numeri preoccupano, una potenziale situazione di crisi inizia a far sentire il fiato sul collo di un Viminale in cui, per adesso, si monitora il contesto senza però eccessivi allarmismi.

In Italia in questo mese di gennaio sono sbarcate quasi 1.300 persone, nello stesso periodo del 2019 il conteggio si era fermato a 155. L’aumento c’è, non è più soltanto un “lieve trend in rialzo” come nella parte finale dell’anno appena trascorso. Adesso si viaggia a ritmi che, in termini percentuali, parlando di un’impennata del 1.000%, troppo per non lasciare indifferenti responsabili politici e tecnici del ministero dell’interno.

Il nodo principale è rappresentato, come spesso da qualche anno a questa parte, dal dossier libico. Dal paese nordafricano si è tornati a partire e questo per via di tante convergenze. In primis, questo mese di gennaio da un punto di vista climatico è stato piuttosto mite, il mare ha presentato condizioni più favorevoli che in passato, dunque tanti trafficanti ne hanno approfittato per tirare fuori dai magazzini barconi e gommoni.

Ma il vero problema è l’instabilità che attanaglia la Libia. Pochi giorni fa nella foto ricordo della conferenza di Berlino, quella dove Giuseppe Conte cercava invano un posto in prima fila, i vari capi di governo europei sembravano soddisfatti. Si parlava di raggiungimento di una tregua, la stessa che non solo non è mai stata raggiunta, ma che dal punto di vista politico ha significato un congelamento delle posizioni in grado di dare tempo alle due controparti principali, ossia il governo di Al Sarraj e l’esercito di Haftar, di riorganizzarsi militarmente.

E mentre nel vecchio continente si discute ancora di politica e diplomazia, in Libia si spara ed il conflitto sta assorbendo tutte le forze in campo. Anche quelle addette, all’interno del governo di Al Sarraj, a sorvegliare le coste. La Guardia Costiera libica, questo viene ammesso a denti stretti dal Viminale, non funziona più come prima. Ammesso che prima funzionasse ovviamente. Di certo, se dal 2017 in poi comunque ha contribuito a riportare indietro centinaia di migranti, adesso non fa più nemmeno quello.

Nell’ultimo fine settimana, per intenderci, almeno 13 barconi sono partiti nel giro di 48 ore dalla Tripolitania. Più di 600 migranti sono stati raccolti dalle navi Ong, in 403 sono entrati in Italia a bordo della Ocean Viking, 282 si trovano sulla Open Arms. I numeri preoccupano doppiamente il Viminale: non solo la situazione potrebbe diventare complicata da gestire, ma a rischio c’è anche la tanto decantata solidarietà europea.

E qui occorre fare un passo indietro, a settembre: il governo giallorosso appena insediato, ha puntato molte sue fish, per quanto concerne l’immigrazione, sul vertice di Malta. Una passerella e poco più, in cui è stata stilata una bozza di cinque punti dove si parlava soprattutto di “redistribuzione”. Il premier Conte ed il ministro Lamorgese in quell’occasione hanno esultato: “Finalmente la solidarietà europea”, si diceva. Poi la doccia fredda l’8 ottobre successivo: la riunione dei ministri dell’interno dell’Ue ha registrato diverse defezioni dall’accordo di Malta, mai entrato in vigore. Ma non solo: la Germania, che ha sponsorizzato l’incontro a La Valletta, ha detto a chiare lettere che la solidarietà si potrà applicare solo se il numero di migranti arrivati in Italia si mantiene basso.

Adesso che la soglia psicologica di 1.000 è stata superata anche a gennaio, ora che gli aumenti superano il 1.000%, cosa si fa? Al ministero dell’interno si è preoccupati che, per via dell’attuale impennata, da Berlino e da Parigi arrivi il dietrofront sulla redistribuzione. Scoprendo dunque definitivamente le carte sul bluff operato a Malta.

Ecco perché dunque si inizia a parlare di trattative segrete con la Libia. Lo ha fatto il ministro degli esteri Luigi Di Maio ieri in parlamento, facendo riferimento a colloqui in corso con la controparte libica. Il problema è adesso capire di che tipo di trattative si parla. Come fatto notare da La Stampa, in un articolo di Francesco Grignetti, i dialoghi sono al momento “segreti” ed in questa fase questa circostanza è normale.

Infatti, la base delle trattative consiste nelle modifiche da attuare al memorandum tra Roma e Tripoli, rinnovato il 2 novembre scorso e che il prossimo 2 febbraio partirà automaticamente per altri 3 anni. Il governo, proprio a novembre, ha chiesto delle modifiche adesso in discussione con la controparte libica e, vista la delicatezza degli argomenti, non è inusuale che le trattative non vengano rese pubbliche. C’è da chiedersi però con chi si sta trattando. Il governo di Al Sarraj è retto solo da milizie, pronte a saltare il fosso per ragioni meramente economiche.

Lo stesso Viminale nei giorni scorsi, in un articolo di Alessandra Ziniti su Repubblica in cui sono state tirate in ballo fonti del ministero dell’interno, ha ammesso che è difficile trovare una controparte in Libia in questo momento. C’è la guerra, c’è il caos, c’è una situazione di totale destabilizzazione, le autorità libiche sono fragili già in tempi di (pseudo) pace, figurarsi quando a 15 km da Tripoli corrono le linee del fronte. Con chi si sta trattando dunque? E quali azioni verranno messe in campo?

L’impressione è che, dall’altra parte del Mediterraneo, hanno intuito una situazione di potenziale difficoltà dell’Italia sul fronte migratorio. E c’è chi già, sia all’interno del governo di Al Sarraj che tra le milizie, potrebbe aver iniziato a pensare di alzare la posta in gioco.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

marinaio

Ven, 31/01/2020 - 12:33

Se davvero si vuole fermare il flusso migratorio c'è una sola soluzione. CHIUDERE I PORTI!!! E poi coinvolgere l'Europa ad attuare il blocco navale. Il resto sono solo parole e nient'altro.

lorenzovan

Ven, 31/01/2020 - 12:49

non dovrebbe essere troppo difficile..visto che siamo tra i pochi ancora ad appoggiare Al Serraj..non penso che voglia perdere anche gli ultimi appoggianti chiudendo gli occhi come ha fatto sinora...sulle attivita' delle bande di traghettatori..Haftar e' alle porte....

Reip

Ven, 31/01/2020 - 12:56

Con quello che ci costano le forze armate, sarebbe ora di utlilizzarle!!!

mozzafiato

Ven, 31/01/2020 - 12:58

La morale è sempre la medesima: Colpa esclusiva dei beccamorti rossi e soprattutto dei rinnegati grillini I QUALI NEL LORO PROGRAMMA ELETTORALE AVEVANO CHIARAMENTE APPOGGIATO LA TEORIA SALVINIANA DELLA ASSOLUTA CHIUSURA DEI PORTI. La squallida realtà è che ora è il risorto PCI a dettate le regole ed i 5 st pur di non rinunciare alla dorata poltrona parlamentare, si sono vergognosamente appecoronati buoni buoni ai loro piedi.Ma lo stupore estremo lo si prova nel constatare che ancora una discreta quantità di italiani da credito a questa congrega di bandoleros, accordando loro la propria fiducia!!!! E questa è davvero una roba da non credersi!

Altoviti

Ven, 31/01/2020 - 13:26

Sciopero generale per mandare a casa questo governo e per riportare la legalità in Italia.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 31/01/2020 - 13:29

anvedi lo sgoverno pidiota grullo si comporta come un normale fassista oltre che rassista!!!VERGOGNAAAAAAA

machimo

Ven, 31/01/2020 - 13:47

Sciopero generale per mandare a casa sto governo non eletto. E via anche mattarella che la colpa di questa situazione è sua. Elezioni subitoooooooo

kennedy99

Ven, 31/01/2020 - 13:50

trattative segrete ho palesi non importa l'importante è che fermino questa immigrazione illegale.ma la vedo dura con le ong che fanno di tutto per importare clandestini in italia. queste sanno benissimo che se anche il governo chiude i porti e vieta lo sbarco interviene la magistratura ha farli sbarcare. tutte cose che trafficanti ong e gli stessi africani sanno benissimo.

ItaliaSvegliati

Ven, 31/01/2020 - 14:06

Come fermare o come ORGANIZZARE?

McGeorge

Ven, 31/01/2020 - 14:41

Scusi, ma perché adesso? Durante la campagna elettorale in Emilia Romagna non aveva trattato?

Iacobellig

Ven, 31/01/2020 - 14:43

Questa gente di sinistra incompetente al governo ridurrà in braghe di tela il paese. Delinquenti!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 31/01/2020 - 14:43

Queste trattative, se davvero esistono, non devono esser segrete.

Iacobellig

Ven, 31/01/2020 - 14:47

Per fermare questa masnada rossa bisogna che il popolo italiano scenda in piazza e diventi finalmente francese! Solo così questa sinistra-M5S potrà essere fermata. Il momento è arrivato. Fuori dal governo questi incompetenti indegni, cominciando da Conte di maio e tutti gli altri.

OttavioM.

Ven, 31/01/2020 - 14:56

Salvini li aveva fermati i flussi, poi è arrivato il PD al governo e sono aumentati del 1000%.

renny__

Ven, 31/01/2020 - 15:12

Ma i libici non erano cattivi e massacravano i migranti? Sono diventati Buonisti??????

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 31/01/2020 - 15:24

Ma quali trattative! Il messaggio, ormai, è stato lanciato: "Venite pure. I porti sono aperti. E noi stiamo smontando, pezzo per pezzo, i decreti sicurezza di quel fascista!". Più chiaro di così...

fgerna

Ven, 31/01/2020 - 15:33

Con questo governo le ONG si sono trasformate in traghetti di linea tra la Libia e l'Italia. Raccattano cani e porci e ce li portano da noi. Questo governo è complice dei trafficanti di esseri umani e di fare affari loschi con le Coop= PD

lorenzovan

Ven, 31/01/2020 - 15:45

ottavio..fermato che ??? lolololo..li teneva una settimana sulle navi..e.poi sbarcavano...e voi grulli ci cadevate..era solo show per i minus habens mentali

Ilsabbatico

Ven, 31/01/2020 - 15:46

Ma cosa c'è da trattare??? Blocco navale e basta, la volete capire???

fjrt1

Ven, 31/01/2020 - 17:03

Nella Bibbia si parla delle 7 piaghe d'Egitto. Forse sono state solo 5 le altre due sono Pd e 5s

giancristi

Ven, 31/01/2020 - 17:52

Aveva ragione Salvini a chiudere i porti. Se si cerca di mitigare i provvedimenti, di "renderli più umani", si rischia di spalancare la porta alla invasione incontrollata. Non c'è via di mezzo! C'è troppa pressione alle spalle, perché la popolazione africana cresce in maniera insensata. Con la benedizione della Chiesa cattolica che continua a dire "crescete e moltiplicatevi". L'Islam poi è rimasto al Medioevo e non si evolverà mai. Una religione che cerca di prevalere grazie alla proliferazione incontrollata.

bernardo47

Ven, 31/01/2020 - 17:59

pd si riposizioni su linea minniti o perde voti a milionate e rilancia la destraccia peggiore....

stefi84

Ven, 31/01/2020 - 18:56

La chiusura di Salvini era importante perchè scoraggiava chi voleva venire in Italia, con conseguenti meno morti in mare e nel percorso. Poi se c'è il miele (cibo , alloggio e benefit vari) le formiche entrano lo stesso. Comunque li vedo felici, sempre a telefonare , in bicicletta o al caffè. Almeno per i primi tempi, perchè quando si scopre che non avevano alcun diritto di esser qui, allora le cose cambiano e molto, chi girovaga, chi ruba, chi è davanti ai supermercati tutto il giorno e a raccogliere pomodori , qualcuno che ha voglia di lavorare il lavoro lo trova, specie quello lasciato da quelli che prendono il reddito di cittadinanza.