Bonaccini vuole imitare il capo Zingaretti e compra 5 milioni di mascherine fantasma

Il governatore dell'Emilia ha lo stesso fornitore del Lazio: ma almeno non paga

Bonaccini emula Zingaretti ma non paga tutti gli ordinativi. Cinque giorni dopo il via libera della Protezione civile del Lazio alla Eco.tech per la commessa di 7,5 milioni di mascherine anche l'Emilia Romagna contatta la Srl di Frascati e il 23 marzo ordina i dispositivi di protezione. La regione guidata dal dem Stefano Bonaccini è molto più parca quanto a numeri e cifre: l'ordinativo è di 24 milioni di euro tra mascherine e tute protettive. La garanzia per tale commessa è un acconto di 2,6 milioni (pari al 10,8%). Anche qui, come nel Lazio, delle mascherine neanche l'ombra; piuttosto in tempo utile vengono recapitate in sequenza successiva le 200 mila tute: il primo cargo è arrivato giorni fa, il secondo parte stamane da Shanghai. Cosicché l'intero carico di tute vale ben 4 milioni 320 mila euro (senza contare l'Iva). Vale a dire che, se il governatore del Lazio e segretario del Pd risulta creditore di Eco.Tech, quello dell'Emilia è invece debitore non avendo ancora saldato l'acquisto fatto. Guardando al dettaglio viene fuori che l'ordinativo di Bonaccini comprende: 200mila tute protettive Tyvek al costo di 21,6 euro ciascuna più Iva e per un totale di 5,2 milioni; 4,8 milioni di mascherine (di cui 800mila Ffp3 al costo di 3,90 euro l'una per 3,12 milioni complessivi più Iva e 4 milioni Ffp2 al costo di 3,90 l'una, per altri 15,6 milioni più Iva). La mancata consegna di mascherine a fronte degli altri prodotti a sentire il legale della Eco.Tech, l'avvocato Giorgio Quadri, è dovuto alla difficoltà di reperimento e produzione già in Cina: «ma è solo questione di tempo, l'azienda è certa che riuscirà a consegnarle. Stessa storia in Lazio. Se la Regione avesse atteso i tempi garantiti dalla clausola fideiussoria siamo certi che gli accordi sarebbero stati onorati». A oggi il governatore Bonaccini, malgrado i ritardi non ha revocato gli ordinativi e attende in buon ordine, tantomeno ha chiesto alla Eco.Tech una garanzia di pagamento.

Ed è ancora sulla garanzia di pagamento richiesta ad aprile dalla Regione Lazio alla Srl dei Castelli romani che saltano fuori altre novità contraddittorie. «La prima polizza assicurativa, procurata dal broker ingaggiato in fretta e furia per garantire la commessa si è dimostrata falsa chiosa l'avvocato Quadri - malgrado il funzionario degli uffici regionali avesse assicurato, e ovviamente abbiamo la documentazione, di aver effettuato un controllo dovizioso all'Isvap (l'istituto per la vigilanza sulle assicurazioni). Macché. Nulla di tutto questo è accaduto. Anzi, nessuno ha verificato. Solo successivamente siamo stati contattati dalla Seguros Dhi-Atlas, compagnia dominicana con sede a Londra che ha garantito l'anticipo. Fatti di cui la Regione Lazio era pienamente a conoscenza e sui quali ci sono stati ampi scambi di posta elettronica». Il legale della Eco.Tech è completamente certo delle bontà delle azioni del proprio assistito tant'è che rimarca la necessità di rendere alla Regione Lazio l'anticipo incassato. Non subito però perché quei denari sarebbero serviti alla Srl a pagare l'ordine di mascherine ai cinesi. Sarà solo questione di giorni per onorare l'impegno: non appena la Eco.Tech incasserà il dovuto dall'Emilia Romagna.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 28/04/2020 - 10:08

Circolo vizioso di incapacità sinistre. Ma tutto sotto silenzio, come d'abitudine.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 28/04/2020 - 10:09

solidarietà comunista

magnum357

Mar, 28/04/2020 - 10:16

Lupo che perde il pelo, ma non il vizio dell'incapacità di gestire le cose !!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 28/04/2020 - 10:22

ecco come fanno... :-) ma poi date le colpe a salvini, a meloni, a berlusconi, MAI a voi stessi!!!!! invece voi stessi, babbei comunisti grulli, siete i PRIMI colpevoli!!!!

27Adriano

Mar, 28/04/2020 - 10:30

.. La società fantasma sarà sempre di stampo komunista...

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 28/04/2020 - 10:45

@Giorgio5819 Ma quanto è facile prendere in giro gente come lei che legge solo il titolo? Se avesse letto anche l'articolo avrebbe scoperto che l'Emilia Romagna ha pagato un acconto di 2,6 milioni per materiale vario ed ha ricevuto materiale per un controvalore di 4 milioni 320 mila euro, quindi?

claudioarmc

Mar, 28/04/2020 - 10:48

Specialità della Ditta

papik40

Mar, 28/04/2020 - 11:00

Perche' in Italia abbiamo tanti amministratori cosi' incapaci che si fanno fregare da gente senza scrupoli quando specie in tempi di emergenza pagano milioni per avere merce che regolarmente non arriva mai o, nella migliore delle ipotesi, non corrisponde a quanto richiesto? Come si fa a pagare milioni di euro a degli emeriti sconosciuti utilizzando le garanzie assicurative che anche i bambini sanno essere soggette a diverse truffe? Perche' invece non vengono aperti degli "escrow account bancari" a favore del fornitore che garantiscono sia il venditore e sia il compratore? Perche' questi amministratori si arrabbiano se qualcuno sospetta che siano in combutta?

Giorgio5819

Mar, 28/04/2020 - 11:04

El Presidente, buon divertimento.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 28/04/2020 - 11:27

@Giorgio5819 La ringrazio, n effetti leggere gente come lei che si fa infinocchiare da questa testata è sempre un divertimento

Italianocattolico2

Mar, 28/04/2020 - 12:58

Se era uno della Lega aveva già addosso trenta denunce e GdF, Carabinieri, Magistratura, Travaglio, Saviano, Boldrini, Strada, Fiano, ecc. ecc. Siccome è il tirapiedi del capo del PD invece, nessuno fa una piega e poi LORO (!!!) sono gli unici autorizzati a non sapere e gli unici non tenuti a dare spiegazioni per gli appalti farlocchi dati senza regole ai propri tirapiedi ed ai loro amici e parenti. E le Procure... silenzio !!!

cgf

Mar, 28/04/2020 - 13:43

sempre avuto il sospetto che esiste più di un Consip, non aggiungo altro, ma nei fatti ci sono "coincidenze"...

buonaparte

Mar, 28/04/2020 - 18:19

questo è materiale vitale.. se nel contratto deve arrivare quel giorno deve arrivare quel giorno o non curiamo la gente perchè non ce il dpi? pazzesco e gravissimo... non sono forniture di palloncini e gessetti per le manifestazione dei centri sociali-forse quelli arrivano in tempo..nessun giudice indaga a fronte di case di riposo in emilia r. che dicono di non avere i dpi .. a piacenza ce il piu alto numero di morti ,ma i media di sinistra parlano solo della lombardia.. assurdo..