Gli estremisti rossi urlano e minacciano ma nell'aula di Curcio ora vince la libertà

Il nostro giornalista è riuscito a parlare all'università di Trento

Gli estremisti rossi urlano e minacciano ma nell'aula di Curcio ora vince la libertà

Violenza, intolleranza, insulti, cagnara hanno trasformato una conferenza sulla Libia alla facoltà di Sociologia a Trento in un caos. Alla fine nessuno ha piegato la testa davanti agli squadristi rossi, che volevano, ancora una volta, cacciarmi dall’ateneo. L’unica etichetta che riconosco è quella di giornalista “libero”, ma per i nipotini di Curcio sono un pericoloso fascista iscritto oltre quaranta anni fa al Fronte della Gioventù e critico delle Ong sulle colonne del Giornale.

Questa volta, seppure con grande difficoltà, ha vinto la libertà di parola. Una vittoria, però, triste, di Pirro, dove i finti democratici, in gran parte estremisti di sinistra estranei all’università, hanno potuto fare quello che volevano dentro l’ateneo “delle porte aperte” in totale impunità. La neonata Commissione per il no all’antisemitismo e al razzismo si batterà contro “l’intolleranza, l’istigazione all'odio e alla violenza” si spera senza distinzione di parte. Lo farà a Trento dove una banda di squadristi rossi mi ha impedito di parlare la prima volta e ha reso un caos la seconda con urla e messaggi di odio, intolleranza e violenza?

Mercoledì sera sono tornato a Sociologia su invito del rettore, Paolo Collini e di un gruppo di studenti di centro sinistra, nonostante collettivi minoritari si ostinassero a non volere che parlassi nell’aula Kessler, da sempre chiamata “rossa” dove Curcio teneva i suoi sermoni negli anni settanta. Quando ero ancora in viaggio è scoppiato un tafferuglio fra opposte fazioni all’ingresso di sociologia. Gli squadristi rossi hanno addirittura sostenuto che lo scontro, sedato subito dalla polizia, di cui non sapevo e non c’entravo nulla, conferma la mia “appartenenza all’estrema destra”. Per essere chiari la conferenza di un giornalista non vale, in nessun caso, un solo punto di sutura sia per un ragazzo di sinistra, che uno di destra.

Però la libertà, compresa quella di parola, non ha prezzo e per questo non ho girato i tacchi trovandomi di fronte alla prevaricazione e intolleranza di chi continuava a volermi negare un diritto sancito dalla Costituzione. Una quarantina di squadristi rossi, solo 15 dell’università e meno di 5 studenti di sociologia hanno cominciato a sbattere i pugni contro le porte dell’aula Kessler urlando slogan e insulti. Ad un certo punto hanno rotto anche un’anta e il rettore, stoicamente in prima fila, ha rischiato di beccarsi un ombrello in testa lanciato come un dardo mentre cercava di calmare i facinorosi (guarda il video sul Giornale.it). Diversi giovani sono rimasti fuori grazie al caos e pure un generale degli alpini in congedo, che ha scritto in un messaggio: “Trento tornata agli anni ’70… è stato impossibile entrare…Alla faccia della libertà di parola!”.

All’inizio mi sono lanciato nella mischia cercando di convincere gli squadristi a entrare, ascoltare e intervenire anche duramente, ma sempre in maniera civile. Niente da fare, sembrava di parlare ai sordi. Allora si è deciso di tenere lo stesso la conferenza cercando di urlare al microfono più forte dei nipotini di Curcio. Il direttore dell’Adige, Alberto Faustini, che faceva da moderatore e l’altro relatore, Raffaele Crocco, giornalista della Rai, responsabile dell’Atlante dei conflitti, sono stati eroici. Nonostante le urla, gli insulti, l’assordante battere dei pugni sulle porte di legno non ci hanno tolto la parola. Ovviamente la conferenza si è trasformata in un caos. Gli intolleranti non hanno neanche avuto il buon gusto di smetterla per vedere e ascoltare i video reportage che avevo realizzato in Libia sulle sofferenze dei migranti nei centri di detenzione. Gli stessi migranti di cui si fanno paladini.

In questo clima da anni di piombo qualcuno di destra in sala ha preso a male parole un ragazzo di sinistra su una sedia a rotelle. E l’assessore provinciale della Lega, Mirko Bisesti, che aveva studiato a Sociologia è entrato indenne per miracolo. Alcuni facinorosi l’hanno riconosciuto cercando di prenderlo per il collo. Follie, che sembrano non interessare i giornaloni, ma pensiamo cosa poteva accadere se un gruppo di estrema destra avesse fatto tutta questa cagnara per un giornalista di Repubblica appiattito sulla linea delle Ong. Come minimo sarebbe stato chiesto l’intervento dei caschi blu. Il dorso trentino del Corriere ha addirittura cercato di derubricare il fatto come banale scontro fra opposti estremismi puntano sulla paiuzza nell’occhio. Peccato che la trave sia l’enclave dei nipotini di Curcio a Sociologia totalmente impuniti, che volevano negarmi la libertà di parola e sono riusciti a provocare il caos. Nella foto impaginata sembrava quasi che fossi io il brutto e cattivo, che urlando assalivo i poveri agit prop di estrema sinistra.

Il rettore ha scelto, a torto o ragione, di non fare intervenire la polizia dentro l’università che dovrebbe essere il tempio del sapere, della tolleranza e della libertà. Forse si poteva trovare almeno il modo di evitare l’ingresso a chi non aveva nulla a che fare con l’ateneo diminuendo la confusione. L’importante è che gli studenti che hanno partecipato civilmente all’incontro, nonostante la gazzarra, il rettore, i docenti schierati in prima fila, noi giornalisti che ci siamo sgolati, non abbiamo piegato la testa. Il messaggio di odio e intolleranza trasmesso da un gruppetto minoritario che fa quello che vuole è il contrario di un sano e normale dissenso. Purtroppo significa solo prevaricazione ideologica, che in un’aula universitaria lascia doppiamente l’amaro in bocca.

L’ateneo ha fatto bene a ricordare con uno striscione appeso fuori Sociologia una frase di Norberto Bobbio valida per tutti: “Ho imparato a rispettare le idee altrui, a capire prima di discutere, a discutere prima di condannare”.

Commenti

Grazie per il tuo commento