La jihad trova un alleato in Messico: i Narcos

Così i tagliagole sconfinano negli Stati Uniti aiutati dai banditi

La jihad trova un alleato in Messico: i Narcos

«Il confine che separa il Messico dagli Stati Uniti è talmente zeppo di zone franche che potrei entrare con un drappello di uomini e uccidere in poche ore migliaia di persone in Texas o in Arizona». A parlare con spavalderia è lo sceicco 52enne Mahmood Omar Khabir, cacciato dal Kuwait una decina d'anni fa per le sue posizioni estremiste e oggi al soldo dell'Isis. Khabir in realtà è una sorta di «mercenario» della jihad: prima di stringere un patto con Al Baghdadi, e approdare in Messico, ha istruito centinaia di giovani guerriglieri alqaedisti in Pakistan, Afghanistan e nello Yemen per conto di Al Zawahiri (di cui è stato consigliere in Egitto). Da oltre un anno si troverebbe nello Stato di Chihuahua, a pochi chilometri dal confine con gli Stati Uniti. I jihadisti valicherebbero il confine con l'aiuto dei narcotrafficanti per esplorare obiettivi di attacchi futuri. Una delle basi dello Stato islamico si troverebbe a circa otto chilometri dal confine, in una zona conosciuta come Anapra, ad Ovest di Ciudad Juarez. Ad Anapra Khabir indottrina miliziani sostenendo di aver costituito una cellula di 200mila uomini pronti al martirio e in parte già introdotti nel tessuto sociale del Sud degli Usa. Sono per lo più siriani e yemeniti, ma ci sarebbero anche cittadini americani partiti per la Siria per combattere tra le fila del Califfato e poi rientrati illegalmente.

«L'amministrazione Obama e i media americani stanno trascurando colpevolmente il fenomeno - rivela il ministro degli Esteri Claudia Ruiz - non riusciamo a capire se si tratti di una strategia, ma questa nuova ondata di integralismo potrebbe riservare brutte sorprese agli Stati Uniti». Anche perché la cellula messicana è riuscita a importare armi leggere, munizioni e persino dispositivi per bersagli aerei direttamente dall'ex arsenale iracheno di Saddam Hussein. L'unico a manifestare una certa inquietudine è stato il governatore repubblicano del Texas, Greg Abbott, che ha informato il candidato alla Casa Bianca Donald Trump. Durante un discorso pubblico Abbott ha annunciato che i terroristi dell'Isis avrebbero già più volte varcato il confine in missione esplorativa. «Credo sia un possibilità molto reale», ha detto facendo riferimento all'ingresso di combattenti dello Stato islamico.

L'estremismo ha compiuto notevoli passi avanti nella società messicana, nonostante il Paese abbia una tradizionale componente cattolica. Predicatori e imam sono riusciti dal 2009 a oggi a convertire migliaia di persone. Secondo Khabir, che non fa mistero dei propositi bellicosi, «è più facile per noi trovare punti di convergenza con i messicani rispetto agli europei. Sono passionali come noi e sanno mantenere la parola data. Difficilmente tradiscono».

Il luogotenente di Al Baghdadi nel cuore del continente americano finanzia il suo gruppo con rapimenti, estorsioni, ma soprattutto raccoglie denaro attraverso il florido traffico della droga. Lo sceicco kuwaitiano è disposto a far patti con chiunque pur di dar vita ai suoi progetti criminosi, e non a caso i miliziani collaborano con Ismael «el Mayo» Zambada, il leader del cartello di Sinaloa, il gruppo di narcos messicani molto simile a Cosa Nostra. Un recente rapporto della Dea, l'agenzia federale antidroga statunitense, rivela un crescente numero di esecuzioni attraverso la decapitazione. Segnale rivelatore dell'influenza jihadista tra i boss della malavita messicana.

Commenti