La renziana e l'audio-fake del ministro

Il messaggio allarmante: «Il virus muta». Bufera su Daniela Sbrollini

Su WhatsApp circola un audio allarmante: «Il Coronavirus può trasformarsi in ceppi più gravi ed è certo che non ci sono più fasce di età immuni. I nostri bimbi non sono più esenti dal contagio quindi vanno protetti e tutelati» si sente nell'audio. La tesi viene attribuita alla senatrice Elena Cattaneo, in un discorso che la biologa avrebbe tenuto in Senato. Peccato sia tutto falso. Il problema è che l'autrice dell'audio fake, inizialmente attribuito alla ministra Lucia Azzolina, sia in realtà una senatrice della Repubblica, Daniela Sbrollini, renziana di Italia Viva. La diffusione dell'audio ha provocato la reazione della ministra Azzolina, tirata in ballo per errore: «È grave e irresponsabile far circolare notizie che generano solo confusione - scrive la ministra Cinque stelle -. In queste ore sta girando un audio che mi viene attribuito. È un fake, come altri documenti falsi e inventati sulla didattica a distanza. Le informazioni attendibili sono quelle del governo». Ma ben più grave di questo è l'aver coinvolto, nel messaggio sulla mutazione del virus, la scienziata Elena Cattaneo, costretta a smentire tramite il suo ufficio stampa, che a proposito delle «affermazioni mai formulate, invita chiunque ad attingere esclusivamente alle fonti ufficiali» reperibili sul sito del Senato. Nel discorso effettivamente tenuto dalla Cattaneo in aula non c'è la minima traccia degli scenari apocalittici trasmessi nell'audio dalla senatrice renziana Sbrollini. La quale si giustifica dicendo che il messaggio audio era «destinato ad una chat alla quale partecipano diversi amici e simpatizzanti di Vicenza» e che è quindi era «sostanzialmente privato» mentre «è stato divulgato e utilizzato strumentalmente da taluni che, evidentemente, intendono generare e diffondere confusione e timori». Peccato che le informazioni riportate nel messaggio siano state smentite proprio dalla senatrice Cattaneo.

Sul pericolo di fake news che aumentino il panico da virus si muove anche la Procura di Bari, che ha aperto un'indagine per procurato allarme con riferimento ad alcune fake news diffuse su whatsapp e su un sito on line su falsi casi di coronavirus. L'inchiesta è al momento a carico di ignoti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 07/03/2020 - 10:49

La confusione è totale. Il Coronavirus è una minaccia. Il governo Conte, con il suo auriga, deve andare a casa. Hanno già contribuito abbastanza ai guai del bel paese, in tutti i settori.

Renadan

Sab, 07/03/2020 - 11:49

Governo di Merda

krgferr

Sab, 07/03/2020 - 17:10

Ricordo di aver imparato a leggere su un "sillabario" che un'anima buona mi regalò nel lontano 1946; 'sta genìa pero è stata ben più fortunata di me: per laurearsi ha potuto disporre di tutti gli stupidari scritti sin dalla proclamazione dell'unità d'Italia e, per di più, completi degli aggiornamenti sessantottini; beati loro che così son divenuti politici di vaglia e, sopratutto di "stipendio". Saluti. Piero

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 07/03/2020 - 18:44

Stanno fuori dalla realtà. Del resto abbiamo Conte al volante. Un disastro incombe e la sinistra è contenta, mentre in M5S sono tutti felici di continuare a mangiare, gratis.