Si complica il pasticcio dei rimborsi L'ipotesi: azioni in cambio del debito

L'esecutivo cerca di tenere buoni i risparmiatori ma si è incartato Domani nuovo summit per uscire dall'impasse. L'incognita Bruxelles

Gian Maria De FrancescoRoma Delusi i risparmiatori, deluse le autorità competenti e deluso pure il governo. La norma, inserita in Stabilità, che apre a un ristoro parziale degli obbligazionisti subordinati delle quattro banche salvate è in attesa dei decreti attuativi. Domani è prevista una nuova riunione fra ministero dell'Economia, l'Authority anti-corruzione (che si occupa degli arbitrati), Bankitalia e Consob. Per rasserenare gli animi il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti ha affermato che «in linea di principio non è da escludere l'ipotesi» di rimborsi totali in alcuni casi. Tenendo aperta la possibilità di convertire parzialmente il debito in azioni.Si tratta di una mossa per superare un impasse che, giorno dopo giorno, è sempre più evidente. Un pasticcio, vale la pena ricordarlo, nel quale il governo di Renzi e Padoan si è ficcato da solo. In primis, sbagliando tempi e modi della trattativa con Bruxelles e subendo il penalizzante bail in per le quattro banche territoriali (Banca Marche, Banca Etruria, Carife e Carichieti). Poi, inserendo intempestivamente un comma ad hoc in Stabilità senza la necessaria riflessione. Si è stabilito, infatti un tetto di 100 milioni da «prelevare» dal vecchio Fondo interbancario di tutela dei depositi (dunque interamente a carico del sistema bancario) e di definire solo successivamente i criteri per accedere al beneficio.La fretta è stata cattiva consigliera. L'azzeramento dei subordinati vale circa 330 milioni e ha coinvolto oltre 10.500 risparmiatori. L'idea di base, infatti, era «indennizzare» i circa 1.500 clienti con patrimonio inferiore a 100mila euro e concentrazione degli investimenti sui subordinati superiore al 50% del totale. In questo modo, Renzi ha aperto due nuovi fronti che complicano il quadro anziché semplificarlo. In primo luogo, la Commissione Ue avrà da ridire in ogni caso perché lo Stato, ancorché non intervenendo finanziariamente, farà da regista in un'operazione che interviene sul recepimento di una direttiva europea. In seconda istanza, in base a questo schema, si apre una questione di legittimità costituzionale perché, comunque la si metta, saranno discriminati coloro con patrimonio inferiore a 100mila euro ma con concentrazione sui subordinati inferiore al 30% (8mila clienti coinvolti per 208 milioni) e quelli che, sebbene godano di una maggiore ricchezza, abbiano investito cospicuamente in titoli sottoposti al bail in. Sono mille persone che hanno perso 27 milioni.I risparmiatori riuniti sotto l'ombrello dell'associazione «Vittime del Salva-banche», infatti, si aspettavano un intervento su base volontaria degli istituti. O quanto meno che eventuali plusvalenze sulla cessione dei crediti incagliati (finiti nella bad bank unica e svalutati al 17% del loro ammontare totale) potessero utilizzarsi per i rimborsi. Quello che si è capito in questi giorni di incontri, riunioni frenetiche e contatti telefonici è che non si può muovere foglia che Bruxelles (e Berlino) non voglia. Ma tutto questo Matteo Renzi lo sa benissimo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

un_infiltrato

Dom, 10/01/2016 - 09:37

Non si azzardassero a proporci soluzioni fantomatiche di rimborso. Vogliamo indietro i nostri stessi soldi: in valuta legale. Punto fermo.

Blueray

Dom, 10/01/2016 - 09:49

L'art.2 c.1 p.to 3 e succ. della DIRETTIVA 2014/49/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014, relativa ai sistemi di garanzia dei depositi (SGD), esplicita cosa deve intendersi per deposito e cosa viene tutelato. Ovvio che la strada di imporre al FITD (che è un consorzio obbligatorio di diritto privato la cui attività è disciplinata dallo Statuto e dal Regolamento), con legge dello Stato, di coprire obbligazioni subordinate sia tutta in salita! Anzi direi che è quasi fantascienza!

blackbird

Dom, 10/01/2016 - 10:58

Il "risparmiatore" mette i soldi sul conto corrente o sul libretto di risparmio. Al massimo compera titoli di Stato o Buoni Postali (garantiti dallo Stato). Chi compera azioni, obbligazioni, derivati, integrali, e radici quadrate, è un "investitore", se non uno "speculatore", e sa di correre il rischio di perdere interessi e capitali. Questi hanno acquistato titoli che offrivano un interesse maggiore che il semplice deposito, ci saranno stati dei rischi maggiori, ovviamente! Adesso si lamentano che hanno avuto delle perdite, e vorrebbero che qualcuno li rimborsasse. E gli azionisti Alitalia, Telecom, Parmalat, ecc. ecc. allora? Anch'essi hanno perso dei soldini, chi li rimborserà?

unosolo

Dom, 10/01/2016 - 13:15

mettiamoci in testa che la banca deve tacitare gli animi dei truffati per evitare cause che aprirebbero il carcere a molti personaggi a tutti i livelli , cadrebbe anche il governo , ed ecco la corsa a trovare una soluzione entro il 19 di codesto mese a parole ma nei fatti sarà un'altra fregatura come sui furti e risarcimenti ai pensionati.