Sondaggi, boom dei 5 Stelle. Lega in calo di quattro punti

Il possibile governo con il Pd fa bene al Movimento 5 Stelle che in pochi giorni, secondo l'ultima rilevazione Swg, guadagna il 4% e supera i dem (21,4% contro il 21,1%). La Lega ancora primo partito, ma perde più di quattro punti (33,6%)

Sondaggi, boom dei 5 Stelle. Lega in calo di quattro punti

Il Movimento 5 Stelle cresce di quattro punti e supera il Pd, mentre la Lega si conferma primo partito (pur perdendo una piccola-grande fetta di consensi). L'ultimo sondaggio Swg, diffuso dal tg de La7, conferma le impressioni delle ultime settimane. Dopo che Matteo Salvini ha staccato la spina al governo Conte, una parte dell'elettorato leghista ha preso le distanze dal ministro dell'Interno uscente.

A beneficiarne sono i 5 Stelle, impegnati da giorni in un'estenuante trattativa con i dem per avviare il Conte-bis. Rispetto all'ultima rilevazione datata 29 luglio, il partito guidato da Luigi Di Maio è dato in crescita di 4,1 punti, attestandosi al 21,4%. Un vero e proprio boom compensato dal leggero calo del Pd (21,1%, -0,9%). Per quanto riguarda le forze del centro-destra, la Lega si conferma primo partito con il 33,6% dei consensi (-4,4%). Fratelli d'Italia stabile al 6,9%, Forza Italia al 6,2%. Gli altri partiti: +Europa si colloca al 3%, guadagnando lo 0,3%. La Sinistra al 2,7% (+0,3%), mentre i Verdi si piazzano al 2,4% (+0,1%).

L'inciucio piace più agli elettori Pd che M5S

Oltre alle intenzioni di voto, il sondaggio Swg ha misurato anche il gradimento degli elettori di Movimento 5 Stelle e Pd rispetto a un ipotetico governo insieme. A favore dell'esecutivo giallorosso si sono dichiarati il 51% degli elettori pentastellati e il 69% di quelli dem. Il 40% degli elettori M5S ha dato parere negativo, mentre il 9% non si è espresso. Decisamente più favorevoli i sostenitori del Pd. A parte il 69% di "sì", solo un elettore dem su quattro (25%) si è detto contrario all'inciucio, mentre il restante 6% ha preferito non esprimersi.