"Vuoi cashback di Stato? Non scordare questo" Nuove istruzioni per l'app Io

Il login va effettuato ex novo dopo 30 giorni dal primo accesso: lo strumento di sicurezza è stato studiato con lo scopo di proteggere i dati dei contribuenti

"Vuoi cashback di Stato? Non scordare questo" Nuove istruzioni per l'app Io

Per poter tenere sotto controllo la propria situazione ed i crediti accumulati, oltre che dover accedere alla App Io, i contribuenti italiani che hanno scelto di aderire alla campagna del cashback di Stato dovranno adeguarsi al nuovo strumento di sicurezza, che prevede l'immissione delle proprie credenziali ogni 30 giorni.

È quello che hanno scoperto di recente alcuni utenti interessati allo stato di avanzamento del proprio cashback, i quali si sono venuti a trovare dinanzi alla necessità di effettuare da zero un nuovo login, pur avendo concluso la medesima operazione di verifica senza che ciò fosse mai stato chiesto. In effetti, i contribuenti che nei giorni scorsi hanno effettuato l'accesso sulla App Io per poter verificare lo stato di progresso del credito accumulato, pur avendo fatto la stessa verifica in più di una circostanza, non si erano mai trovati costretti a immettere nuovamente le proprie credenziali od a passare le operazioni di sicurezza annesse, come accaduto solo durante il primo accesso.

La spiegazione di quella che era parsa fin da subito come un'improvvisa modifica è stata fornita direttamente via Twitter proprio tramite l'account ufficiale della App Io, a cui gli utenti accedono in particolar modo proprio al fine di controllare il livello del cashback."I tuoi dati su #IOapp sono connessi alla tua identità digitale. Per garantire la tua sicurezza, Io ti chiederà un nuovo login tramite Spid o Cie ogni 30 giorni, indipendentemente dall’ultima volta in cui hai aperto l’app con il codice di sblocco o biometrico".

Alla base ci sarebbero pertanto questioni di sicurezza, studiate per garantire una protezione ulteriore dei dati forniti dai contribuenti al momento della creazone dell'account. Ogni mese, pertanto, il login viene resettato e si chiede una nuova immissione dei dati connessi all'identità dell'utente. Per i 30 giorni successivi, fino quindi al blocco seguente, bisognerà invece digitare il codice di sblocco o attivare la procedura di verifica biometrica (come ad esempio il rilevamento delle impronte digitali). Chi si è quindi trovato a scaricare la App Io fin dal primo giorno di vita del cashback di Giuseppi ha già avuto modo di scoprire questa procedura di sicurezza.

Come riferito da Punto Informatico, nelle scorse settimane la App Io ha registrato 9 milioni di download, con una media di circa 12mila al giorno, la maggior parte dei quali connessi proprio al cashback. Dopo le fiammate iniziali, tuttavia, il ritmo è già rallentato parecchio. Ad essere in aumento, rispetto agli standard di Io pre-cashback, è invece il numero quotidiano di login.