Sociale Le tecnologie rendono più facile la vita ai disabili

I disabili avranno una vita più facile a Nettuno, grazie a Ibm. Il Comune romano ha stretto un accordo con Big Blue per rendere la città più accessibile ai disabili attraverso l’utilizzo di tag (etichette elettroniche, ndr) e smartphone: potranno così accedere a negozi, uffici, ristoranti e stabilimenti balneari guidati nel percorso e contribuire a migliorare il servizio attraverso feedback diretti. Ibm, pioniere nel settore, ha sviluppato per Nettuno un progetto pilota, che durerà fino all’inizio dell’estate, chiamato Act! (Accesibility City Tag database). Act! è un’applicazione per smartphone sviluppata sull’architettura «I’m Smart», basata sui software Ibm Websphere Process Server e Db2, messa a punto da Ibm in collaborazione con il business partner Neotilus. È supportata dall’Ibm Innovation Center di Milano e utilizza il sistema di traduzione multilingua Ibm n.fluent. Dopo aver scaricato l’applicazione sul proprio smartphone, personalizzabile in base alla propria disabilità, l’utente che arriva a Nettuno è localizzato tramite il Gps: scarica le informazioni via wi-fi o rete 3G sulla struttura (bar, ristorante, stabilimento balneare) più vicina accessibile e viene guidato per raggiungerla. Può lasciare un feedback, contattarla via telefono e memorizzarla tra le destinazioni preferite.VGi

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti