Pjanic e Dzeko regalano alla Roma la vittoria sulla Juve

Grande prestazione dei giallorossi. Dominano la gara e vanno in vantaggio per 2-0. Negli ultimi minuti Dybala accorcia e la Juve va a un soffio dal pari

Pjanic e Dzeko regalano alla Roma la vittoria sulla Juve

Che fossero le due squadre più forti del campionato si sapeva. E la partita che si è vista all'Olimpico l'ha confermato. La Roma ha dominato per quasi tutta la gara. E nel secondo tempo è passata in vantaggio grazie a una magia di Pjanic su punizione. Poi, quando Dzeko ha preso l'ascensore ed è salito in cielo, scaricando alle spalle di Buffon la rete del 2-0, qualcuno avrà pensato che fosse finita. Invece no. La Juve ha avuto una reazione rabbiosa che l'ha portata ad accorciare le distanze, nel giro di pochissimi minuti, con Dybala. E per poco non acciuffava il pari, in extremis, con il portiere giallorosso Szczesny che ha fatto una parata formidabile in risposta alla zuccata di Bonucci. Per la Juve è il secondo k.o. consecutivo. Zero punti in classifica e apprensione, con una squadra chiamata a ripetere i fasti del recente passato (quattro scudetti di fila) con tre campioni in meno in rosa, del calibro di Tevez, Pirlo e Vidal.

La cosa che deve preoccupare di più Allegri, al di là del risultato, è che la sua squadra per 87 minuti ha subito nettamente la manovra giallorossa. Poi, dopo l'espulsione di Evra per doppia ammonizione, la Juve resta in dieci e la Roma ne approfitta mettendo a segno il 2-0, con un micidiale colpo di testa di Dzeko. La reazione finale dei campioni d'Italia è micidiale. La Roma paga a caro prezzo l'unico errore commesso a centrocampo da Keita: la Juve parte in contropiede e Dybala realizza regalando un finale caldissimo ma senza la grande sorpresa, complice una parata di Sczesny che vale, da sola, i tre punti.

Daniele De Rossi è al settimo cielo dopo la gara. "Credo che la Roma abbia dominato per 80 minuti - dice ai microfoni di Sky Sport - per essere grandissimi non dobbiamo addormentarci come negli ultimi dieci minuti. Abbiamo fatto una partita incredibile, mi è piaciuto lo spirito della squadra, dobbiamo mantenere questa mentalità". Il mediano della Nazionale ha aggiunto: "Se giochiamo così anche con Carpi e Frosinone forse siamo i più forti di tutti. Come ho visto la Juve? Hanno fatto un ciclo, ma uno come Pirlo non esiste. Sono bravi a ricrearsi e rimangono molto forti". De Rossi quest'oggi è stato schierato come difensore centrale da Garcia: "Io leader dietro? Mi metto a disposizione, per me non cambia nulla: sono contento che abbiamo vinto".

L'Olimpico a fine gara è letteralmente in visibilio per la grandissima prova della Roma e i tre punti, contro i campioni d'Italia, dopo lo stentato pareggio della prima giornata. Ma guai a fare voli pindarici, sarebbe pericoloso. Il campionato è ancora lungo, siamo solo alla seconda giornata. E tutto può succedere. In una giornata così, per la Roma, anche le due gare di campionato senza un minuto giocato da parte di capitan Francesco Totti passano in secondo piano.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti