Telematica, cosa chiedono le imprese

di Mauro Serena

Il futuro dell'auto autonoma e connessa ha ispirato diverse ricerche pubblicate recentemente. Ma come si sta evolvendo l'utilizzo della tecnologia telematica già disponibile? GR advisory, società leader nelle ricerche e nella consulenza sulle flotte aziendali, si è rivolta alle Pmi, attraverso una web survey condotta su un campione di 280 imprese. Il 70% delle aziende intervistate possiedono meno di 10 veicoli, mentre due terzi si occupano di attività di vendita, distribuzione e assistenza post vendita.

Quasi un terzo delle risposte sono state fornite direttamente dal titolare dell'azienda, che in oltre il 60% dei casi si occupa personalmente di gestire il budget per la telematica, mentre altre funzioni aziendali (come servizi generali e amministrazione) sono responsabili di queste decisioni in misura molto minore.

L'interesse manifestato per gli strumenti telematici in genere è piuttosto elevato: oltre il 66% dei rispondenti ritiene importante o interessante la telematica, tuttavia solo il 25% pensa che sia una priorità e sente di essere stato informato adeguatamente sulle sue possibilità di applicazione. Oltre il 35% delle aziende non ritiene di possedere un'adeguata informazione e familiarità con questi strumenti, mentre il 40% non li considera prioritari per la propria attività.

Esiste, perciò, una relazione diretta tra qualità dell'informazione ricevuta e possibilità di identificare opportuni ambiti di impiego della telematica nei veicoli delle Pmi. Che cosa cerca un piccolo imprenditore quando decide di accostarsi alla tecnologia telematica? La caratteristica più importante che un fornitore di questi servizi deve possedere, secondo quanto messo in luce dalla web survey, è l'affidabilità (citata dal 70% delle aziende), seguita dall'economicità (oltre 45%) e dalla facilità di comprensione (40%), mentre assistenza post vendita, facilità d'installazione e innovatività si posizionano intorno al 20%. Possiamo perciò concludere che, una volta installato il dispositivo a bordo, gli intervistati si aspettano continuità di servizio, affidabilità e facilità d'uso, senza la necessità di particolari interventi nel tempo. Tra i motivi che, invece, hanno impedito finora l'adozione della telematica, vengono citati soprattutto i costi e la scarsa conoscenza all'interno dell'azienda, sia tecnologica che normativa, con particolare riferimento alla normativa sulla privacy.

*Survey di GR advisory

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento