Rezza (ISS): “Lombardia arancione perché ha corretto dati reinviandoli il 20 gennaio”
Caos dati Lombardia, Moratti furiosa: “Errore del governo, danno enorme per noi”
Fontana: “Indignato da polemica su dati, zona arancione solo perché abbiamo contestato conteggi”
Ricorso Tar Lombardia, Fontana: “Non ci fermiamo, vogliamo verità appurata anche in tribunale”
Ricci (sindaco Pesaro): “Lunedì anche le superiori tornano a scuola. Screening per tutti”
Covid, Johnson: "La variante inglese è più mortale del ceppo originario"

Ecco come cambiano i nomi dei carburanti

Dal 12 ottobre sono in vigore le nuove etichette dei carburanti in virtù del regolamento Ue 2014/94 approvato anche in Italia lo scorso anno. Queste etichette renderanno più semplice l'identificazione dei carburanti all'interno dei paesi che hanno adottato tale regolamento. Le associazioni di categoria hanno precisato che non ci saranno cambiamenti nella composizione dei carburanti. Queste servono solo a fornire un supporto visivo e in questa fase iniziale affiancheranno le diciture tradizionali (super, diesel e gpl).