Così funziona l'intervento a cui sarà sottoposto Silvio Berlusconi

Ecco come si struttura l'intervento di sostituzione della valvola aortica a cui dovrà essere sottoposto domani il presidente di Forza Italia

Dovrebbe iniziare alle 8 di domani mattina l'operazione al cuore a cui sarà sottoposto Silvio Berlusconi e che sarà condotta dal primario di cardiochirurgia Ottavio Alfieri.

L'intervento chirurgico di sostituzione della valvola aortica che dovrà affrontare il presidente di Forza Italia durerà all'incirca quatto ore. Si tratta di un intervento a cuore aperto che con circolazione extracorporea: durante l'operazione, infatti, il sangue viene spinto verso un macchinario che di fatto sostituisce cuore e polmoni per poi rientrare nel corpo del paziente. In questo modo si può intervenire senza pericoli sul cuore e sostituire la valvola "difettosa" con una protesi di tipo biologico, cioè realizzata con tessuti di origine animale.

È un intervento considerato ormai di routine e a basso rischio (si parla di un tasso di mortalità del 2%). Durante l'operazione, comunque, l'ospedale dovrebbe emettere dei bollettini medici.

Berlusconi e il decorso post-operatorio

Dopo l'operazione Berlusconi dovrà trascorrere un paio di giorni in terapia intensiva, quindi avrà bisogno di circa un mese di riabilitazione prima di tornare alla politica. E il Cavaliere potrebbe scegliere di restare proprio al San Raffaele, ospite di una suite al sesto piano del palazzo Diamante. "Le opzioni sono tante", ha detto il suo medico di fiducia, Alberto Zangrillo, "L'ospedale è comodo, con una sede di riabilitazione a cento metri da qui".