Mediterraneo come la Somalia L'ipotesi missione militare Ue

Negli incontri con gli alleati l'Italia può proporre di guidare un'operazione come già fece contro la pirateria nel 2008

A Parigi, è evidente, tira pessima aria. Le inconsulte dichiarazioni del portavoce del partito di Macron sull'attività «rivoltante» del governo italiano sul fronte migranti fanno presagire momenti impegnativi per Giuseppe Conte chiamato a incontrare, tra venerdì e lunedì, il presidente francese e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Ma a decidere l'esito del doppio incontro non sarà l'umore dei due interlocutori quanto le idee e i progetti con cui il nostro governo dimostrerà di saper dare continuità all'azione fin qui svolta. La formula più efficace è offrire agli interlocutori il progetto di una missione militare capace di risollevare l'orgoglio di un'Europa messa all'angolo dall'America di Donald Trump. Una missione militare che permetterebbe a noi italiani di chiudere le acque del Mediterraneo ai trafficanti di uomini e agli europei di togliersi dall'imbarazzo di un'irrealizzabile riforma del trattato di Dublino ricomponendo così la frattura con il gruppo di Visegrad. Lo schema di quella missione risolutrice è semplicissimo. Anche perché la missione esiste già, si chiama Sophia e attende soltanto di venir traghettata nella sua fase finale. Una fase finale già sperimentata con successo durante Atalanta, l'operazione anti-pirateria avviata a fine 2008 nelle acque e sulle coste della Somalia, una nazione assai simile come tipologia di «stato fallito», alla Libia di questi giorni. In quelle acque tra il 2010 e il 2012 le forze navali europee, comprese quelle italiane, entrarono ripetutamente in azione colpendo i pirati che sequestravano petroliere e navi da carico tenendone in ostaggio gli equipaggi. Nel maggio 2012 le forze europee non esitarono a colpire anche le infrastrutture terrestri dei pirati attaccando con elicotteri e truppe da sbarco il porto di Harardhere. Tutto questo ha portato, di fatto, all'eliminazione della pirateria dalle coste somale garantendo alle forze militari europee il loro primo autentico successo. Per replicarlo è sufficiente portare alla fase finale la missione navale Eunavfor Med attiva dal giugno 2015 di fronte alle acque territoriali libiche e affidata per lunghi periodi al comando italiano. A differenza di Atalanta la missione Sophia si è limitata fin qui ad addestrare la Guardia Costiera libica e a portare soccorso ai barconi. Non è mai entrata, insomma, in quella fase finale che prevede l'attività all'interno delle acque territoriali libiche per fermare la messa in mare dei barconi e l'impiego di unità da sbarco per attaccare i centri operativi dei trafficanti di uomini. Per passare a quella fase è necessario che l'Europa ottenga il via libera del Consiglio di Sicurezza dell'Onu o, in alternativa, del governo di Tripoli. Due obbiettivi complessi, ma non impossibili. Soprattutto in un momento in cui Germania e Francia sono particolarmente sensibili alla necessità di dimostrarsi alternativi alla potenza americana e rafforzare la disintegrata compattezza europea. A favore dell'Italia giocano anche le evoluzioni d'una Germania dove il ministro dell'Interno Horst Seehofer pretende posizioni più decise sui migranti mentre la Merkel apre all'idea di un impiego di Frontex, la polizia europea, al di fuori dei confini dell'Unione. È l'occasione buona, dunque, per risvegliare dal letargo una missione Sophia che non ci consentirebbe solo di combattere i trafficanti di uomini. Grazie a Sophia arriverebbero sulle coste africane quelle forze di Frontex - evocate dalla Merkel - indispensabili per garantire la sicurezza dei campi in cui ospitare i migranti liberati dal controllo dei trafficanti. Campi da cui avviare veloci operazioni di rimpatrio volontario verso i paesi d'origine sulla falsariga di quanto si è tentato di fare dopo il ritorno delle Nazioni Unite in Libia. Conte e Salvini hanno una carta da offrire all'Europa. L'importante sarà sapersela giocare.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 14/06/2018 - 23:10

Basta che il comando non sia dato a Germania o Francia.

killkoms

Gio, 14/06/2018 - 23:41

sarebbe ora!

Gianni11

Ven, 15/06/2018 - 00:02

L'UE non ha nessuna intenzione di fermare l'invasione. L'UE vuole distruggere le nostre nazioni e i nostri popoli. Il piano Kalergi per la distruzione etnica dei nostri popoli e' la road-map dell'UE. L'UE non cambia. Pensare che l'UE coopera con l'Italia in un'azione militare per fermare l'invasione e' veramente sognare. Stessa cosa con la NATO. Difendere l'Italia tocca A NOI, e in questo abbiamo l'UE nemica. E la NATO pure. Accettiamo la realta' e andiamo avanti UNILATERALMENTE, come e' nostro diritto e dovere. Le NOSTE Forze Armate, Marina e Aeronautica possono benissimo fermare l'invasione. I barconi, navi ONG si abbordano e si rimorchiano con forza al bagno asgiuga libico o da dovunque siano salpati. In questo avremo l'UE contro di noi, e ce ne dobbiamo frexxre. Con i libici bisogna cooperare. I libici, come noi, non vogliono essere invasi da tutta l'Africa sub-shariana. Tra noi e i libici si risolve tutto. Guai pero' a introdurre l'UE o la NATO, o tantomeno l'ONU.

rise

Ven, 15/06/2018 - 07:48

Sono puri vaneggiamenti e panicelli caldi. Occorre rimandarli immediatamente nei paesi da cui si sono imbarcati, con le buone o con le cattive, attivare campi di accoglienza sotto egida ONU e procedere al rimpatrio con aerei militari, dal momento che alcuni stati non accettano il rimpatrio dei connazionali con i voli charter o convogli umanitari. I "buonisti" si ricordino degli ambigui dittatori del Congo, del Ruanda, della Somalia blanditi dalla stampa di sinistra. Troppi ricordi di brutalità perpetrate da questi popoli per poterli accogliere a braccia aperte e "in buona fede".

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 15/06/2018 - 08:44

Non la faranno mai. Al comando ci sono falsi intellettuali e falso-buonisti socialisti.

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 15/06/2018 - 08:55

onu? consiglio di sicurezza? l'onu è il primo trafficante, il primo fautore, uno della cupola dei movimenti migratori verso l'occidente, ancora a non capirlo...sono zitti fancazzisti, muti su questa storia, e si chiede il loro consenso?

perseveranza

Ven, 15/06/2018 - 10:02

L'opzione militare é da tempo l'unica possibile soluzione per fermare l'invasione immigratoria di clandestini dalle coste nord africane, bisognava metterla in atto già 4/5 anni fa. Spero si faccia davvero e che attui un vero e severo blocco navale e che non sia al contrario la solita operazione che poi diventa "a carattere umanitario" ossia di "salvataggi in mare" e quindi totalmente inutile anzi deleteria.

Jesse_James

Ven, 15/06/2018 - 10:24

Salvini potrebbe avere un asso nella manica: in questi casi un bel ricatto non guasta, visto che ce ne fanno tanti loro. "O mi date una mano tramite questa ipotetica missione, o tramite le forze Nato, oppure tolgo le sanzioni alla Russia e chiedo a Putin di schierare le sua navi difronte la Libia".

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 15/06/2018 - 10:49

Quante perifrasi per sancire l'impellente necessità di un blocco navale davanti a Libia e Tunisia!