Savona, costituzionalista Onida critica Mattarella: "Andato oltre la Carta"

Le parole del costituzionalista Valerio Onida sulla decisione di Mattarella di dire "no" a Paolo Savona al ministero dell'Economia

La parola conclusiva, forse, la mette Valerio Onida, noto e stimato costituzionalista. La decisione di Sergio Mattarella dinon firmare la nomina di Paolo Savona all'Economia nell'ormai defunto governo M5S-Lega ha fatto discutere, e ancora fa parlare, giornalisti e costituzionalisti (veri o improvvisati). Molti si sono chiesti, a ragione, se era nei poteri del Capo dello Stato porre un veto "politico" sulla scelta del professore "eurocritico" in via XX Settembre.

Nei giorni scorsi erano emersi testi di Diritto Costituzionale citati a destra e sinistra (anche in maniera impropria). Anche il sito ufficiale del governo sembrava limitare il potere del Quirinale nella formazione dell'esecutivo, una volta trovato il premier incaricato (in questo caso il giurista Giuseppe Conte). Pd e sinistra si sono immediatamente schierati a difesa del Colle, difendendone le prerogative. Ma per Onida, autore anche di alcuni dei più utilizzati testi di diritto, "il presidente Mattarella ha esercitato al limite delle sue prerogative uno dei suoi poteri, arrivando a interpretazioni della Costituzione che secondo me non sono giuste".

L'inquilino del palazzo dei Papi sarebbe dunque andato oltre i suoi diritti e poteri. "La scelta di Mattarella di impedire la formazione di un governo dopo una lunga trattativa tra i due partiti - ha spiegato Onida in una intervista a Class Cnbc, riportata da Milano Finanza - mi ha sorpreso, mi sembra abbastanza impropria". La spiegazione è semplice: "Nel nostro sistema la formazione dei governi dipende essenzialmente dalla presenza o meno di una maggioranza in Parlamento. Il governo non è una dipendenza del capo dello Stato, bensì una dipendenza del suo Parlamento". Una maggioranza, fino a domenica, c'era. Ed era quella strana, variopinta e chissà quanto stabile, costruita da Lega e M5S. Sul percorso di Conte, però, si è inserito Mattarella e la sua avversione a un possibile ministro dell'Economia che per il Colle avrebbe portato ad una "probabile" se non "inevitabile" uscita dall'Euro. "Non dare vita a un governo per la presenza di una persona e le possibili idee politiche che potrebbe portare avanti - sentenzia Onida - mi sembra andare al di là di ciò che dice la Costituzione quando parla della formazione di governo".

Certo. Tecnicamente Mattarella poteva farlo. Per questo la richiesta di impeachment appare sinceramente assurda. "Ma - fa notare Onida - guardiamo alla logica del sistema: il presidente della Repubblica ha fatto un lungo giro di consultazioni per verificare l’esistenza di una maggioranza. Alla fine la maggioranza è emersa: i suoi esponenti hanno concordato una certa ipotesi di governo, invocando rigidamente la necessità di nominare Savona. Di fronte a questo il capo dello Stato si è opposto per ragioni politiche, non personali. A mio parere Mattarella è andato contro l’idea che il nostro sistema è un sistema parlamentare". Se il problema fosse stato il programma di governo, infatti, il Colle avrebbe potuto farlo presente prima "rilevando aspetti di incostituzionalità". ma non lo ha fatto. Si è invece "opposto solo a una persona, temendo che potesse mettere in pericolo la stabilità dei mercati finanziari, e la difesa dei risparmiatori". Un grave errore, per Onida, che rischia di consegnare la volontà popolare nelle mani dei creditori dello Stato. I quali così assumono "un potere immenso, che va al di là delle obbligazioni di un debitore. Un debitore non può diventare così politicamente asservito da accettare ingerenza sulla maggioranza. In questo caso mi sembra sia andato un po’ troppo oltre".

Commenti

tormalinaner

Mer, 30/05/2018 - 12:40

Mattarella non è all'altezza di gestire il suo ruolo, non è questione di tradimento ma di limiti dell'uomo, non è Einaudi ne Cossiga che avrebbero risolto la questione senza creare conflitti.

accanove

Mer, 30/05/2018 - 13:12

è un funzionario di partito, messo li per non nuocere, non possiamo neppure accusarlo di nulla, quando il ruolo necessitava di far uscire "risorse personali" i suoi limiti li ha dimostrati, sangue dai sassi non ne tiri fuori....

hectorre

Mer, 30/05/2018 - 13:14

veramente?????.....non serve un costituzionalista per capirlo, a prendere le difese del narcolettico solo pd, germania e bruxelles.....a volte il caso....

davide campa

Mer, 30/05/2018 - 13:24

Domande a test (forse senza nomi è pià facile). nell anno A il PdR X incontra il Premier incaricato C e boccia dalla sua lista di governo non 1 ma 2 nomi si può? si-no: nell anno B il PdR X incontra il Premier incaricato D e boccia dalla sua lista di governo non 2 ma 3 nomi si può? si-no: nell anno Z il PdR C incontra il Premier incaricato F e boccia dalla sua lista di governo non 15 ma 16 nomi si può? si-NO: (vi ho dato un aiutino!!)

davide campa

Mer, 30/05/2018 - 13:25

....sarà allora logico fissare un numero minimo di nomi che il PdR è abilitato a cassare che chiameremo "luna nera" senza rischiare l'impeachment, ma essendo difficile da scrivere, chiameremo "fermo un turno"....prima o poi il costituzionalista ("fatina") si porrà il problema "ma un ministro dei trasporti non vale un ministro dell'economia?. ...no problem, ogni ministro in costituzione sarà seguito da un numero che indicherà la sua importanza all'interno di un governo che chiameremo "vita" (o forza).

diesonne

Mer, 30/05/2018 - 13:52

diesonne mattarella ha voluto escludere una a mmagioranza di elettoi che hanno votato la coalizione di centro destra maggioritaria.questo fatto ha creato l'ingorgo del quirinale-gli elettori vanno rispettati

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 30/05/2018 - 13:56

Mattarella non è un ingenuo, è stato giudice della Corte Costituzionale, sapeva benissimo di stare violando la Costituzione e nonostante il costituzionalista Onida dica che poteva farlo, solo per chiudere un occhio sullo sgarro evidente e far finire la cosa a tarallucci e vino, non ci siamo per niente. Mattarella deve essere messo sotto accusa davanti al Parlamento, già nel 2016 ha ricevuto al Quirinale la Trilaterale, un organizzazione finanziaria criminale che ha lo scopo di scalzare le democrazie e il suo veto a Savona aveva tale finalità di favorire questa organizzazione. I Ministri sono di sola competenza del Primo Ministro e non di Mattarella che ha messo il naso nella politica, quando non l'avrebbe dovuto fare, vista la sua carica di super partes. fuori dall'agone politica che gli impone la Costituzione. Mattarella deve essere incriminato perché altrimenti si crea un pericoloso precedente.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 30/05/2018 - 13:56

Guardate che sono stati quei furbacchioni dei cinque stelle a far saltare il tavolo. Erano loro che non volevano Savona e Salvini si è impuntato, non contro Mattarella, ma contro Di Maio, che gli voleva soffiare il ministero dell'economia...troppo elementare, Watson?

leopard73

Mer, 30/05/2018 - 14:03

POI VOGLIONO debellare la MAFIA e salvaguardare i risparmi dei cittadini strano però dov'era quando ce stata la truffa delle banche Etruria Vicenza ed altre!!!.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 30/05/2018 - 14:03

Onida, sul Campidoglio solo le oche venivano ingozzate a forza.

michettone

Mer, 30/05/2018 - 14:08

...che bella metafora: non si puo' tirare fuori sangue dai sassi!? Io, parlerei più dettagliatamente, indignandomi e preferendo, a tutti i Suoi colleghi, il caro Buon Cossiga (Pace all'Anima Sua!), che questa situazione l'avrebbe risolta al pari suo! Della pavidità e del perdurare al conformismo inutile, sono pieni i miei commenti per ogni dove e per ognuno dei politici, che passi da queste parti, mentre per i presidenti della repubblica, DEVONO SEMPRE E COMUNQUE PARLARE DAL PARLAMENTO, gli eletti veri del POPOLO ITALIANO! Nessun altro si può frapporre in mezzo e chiunque lo faccia o farà, merita riprovazioni e contumelie, a stretto giro verbale e/o di posta....

elpaso21

Mer, 30/05/2018 - 14:33

Mi pare chiaro che il Governo Lega-5stelle non può essere messo "sotto tutela" in quanto responsabile politicamente verso gli elettori. Mentre il Presidente della Repubblica non è in alcun modo responsabile.

elpaso21

Mer, 30/05/2018 - 14:34

"A mio parere Mattarella è andato contro l’idea che il nostro sistema è un sistema parlamentare": ragion per cui ritiri il veto verso Savona.

km_fbi

Mer, 30/05/2018 - 15:49

Molti si sono chiesti, a ragione, se era nei poteri del Capo dello Stato porre un veto "politico" sulla scelta del professore "eurocritico" in via XX Settembre. Perché allora, caro De Lorenzo, scrivere: "Certo.Tecnicamente Mattarella poteva farlo" quando tutto l'articolo, suffragato dal parere d'uno dei maggiori costituzionalisti, dice e spiega che quello di Mattarella è stato un errore, o peggio una voluta forzatura di quelle che sono le prerogative del PdR, e che pertanto TECNICAMENTE NON avrebbe dovuto porre veti su Savona?.

Jon

Mer, 30/05/2018 - 15:59

Il P.d.R. ha fatto capire a tutti che il problema non è l’euro, ne' il debito pubblico: è la libertà. Ha reso consapevoli milioni di italiani, che ancora si illudevano, che viviamo sotto una dittatura oligarchica. Una presa di coscienza che avrà strascichi per i prossimi decenni. Non solo Onida, ma tanti i giuristi non a libro-paga hanno ripetuto che ha abusato dei suoi poteri. Economisti Nobel come Paul Krugman si sono dichiarati orripilati di come ha calpestato il voto democratico. E non lo ha fatto per i risparmi dei cittadini, ma per le speculzaioni dei Bankieri Tedeschi.

ginobernard

Mer, 30/05/2018 - 16:06

qui si apre un problema non da poco. Doppio turno no e governo del presidente si ? e poi da uno specialista in materia. Quando era stato eletto ero sinceramente entusiasta. Un Presidente con background costituzionalista era il massimo per la elaborazione di una nuova legge elettorale. Tra l'altro una nuova legge elettorale era una priorità del governo. Invece il favoreggiamento della immigrazione clandestina ha preso il sopravvento. Speriamo che Salvini riporti la legalità in Italia.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Mer, 30/05/2018 - 16:11

Una lezione quella di Onida a tanti "costituzionalisti” pieni di deferenza e sottomissione verso Mattarella. Quello che ha detto Onida è la sintesi che scaturisce dalla dottrina e dalla lettura, alla luce del buon senso, dell’articolo 1, dell’articolo 92 e dell’articolo 95 della costituzione. Molti dei famosi costituzionalisti anti-Salvini, servitori del potere di Mattarella e occhieggianti a sinistra, dovrebbero fare un bagno di umiltà. Probabilmente preferirebbero che Mattarella si auto-proponga, al governo, i personaggi come Cottarelli e i ministri, che Cottarelli sceglierà, per formare ill suo governo-fantoccio.

setfree

Mer, 30/05/2018 - 16:17

mi permetteri umilmente di dire che Onida ha ragione, al contrario di tanti costituzionalisti improvvisati ed ideologizzati.

kobler

Mer, 30/05/2018 - 16:29

E se lo dice un costituzionalista indicato da due forze differenti tra loro... HA fatto male Mattarella a respingere ante elezioni la richiesta del M5S di azzerare le coalizioni. Ora sono quelle che mettono i pali perché ogni partito al loro interno vuole avere una fetta di torta nazionale... e intanto ci smena la popolazione!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 30/05/2018 - 16:36

Ormai è lapalissiano che l'uomo non è idoneo al ruolo assegnatogli dai sinistri. L'arroganza e la stupidità dei sinistri s'estrinseca in ogni loro atto.E' altrettanto chiaro che sia Mattarella che non rappresenta altro che se stesso e altri 4 suoi simili, con tutto lo staff del Quirinale devono dimettersi oppure essere perseguiti per danni enormi agli italiani.

ciruzzu

Mer, 30/05/2018 - 16:37

Una mossa inutile e dannosa che non ha risolto nulla,Ha creato solo caos e non ha vie d' uscita.

rossini

Mer, 30/05/2018 - 16:47

Che altro aggiungere a questa analisi lucida e spietata? Forse una cosa e cioè che di fatto la nostra repubblica è stata trasformata da PARLAMENTARE in PRESIDENZIALE. E questo non è forse un attentato alla Costituzione?

salvatore40

Mer, 30/05/2018 - 16:48

Andare un po' troppo oltre; poi altri costituzionalisti dicono l' esatto contrario. Poi c' è La Sfinge della Costituzione, quella che dà ragione a tutti, che fu scritta per dar ragione a tutti. E questa viene chiamata Costi. la più bella del mondo ! E meno male che passa per la più bella ! No, è la peggiore. E' un cartaceo su cui ognuno fonda il proprio impero. Basta interpretare. Siamo a questo punto per colpa di questa Carta !

stefano751

Mer, 30/05/2018 - 16:50

Caro Presidente il momento storico richiede un grande coraggio, quello di tornare sui suoi passi, pensi che lo ha fatto anche Kim e Trump, riprendere il dialogo con i vincitori delle elezioni, nell'incertezza di aver rispettato o meno la carta costituzionale le conviene non passare alla storia come colui che ha sbagliato. D'altronde visto il caos economico suscitato, conviene salvaguardare gli italiani. Questo passo indietro aumenterebbe enormemente la stiva verso di Lei.

stefano751

Mer, 30/05/2018 - 16:52

Troppi costituzionalisti dicono che Mattarella sta sbagliando, bisogna avere il coraggio di fare un passo indietro e riacquistare la fiducia di tutti.

stefano751

Mer, 30/05/2018 - 16:56

Il dialogo è più importante di tutto. Anche Trump e Kim tra alti e bassi stanno arrivando all'accordo. Riprendere il dialogo è segno di saggezza e intelligenza non di paura. Il popolo italiano ha bisogno di un governo politico subito. Anche il peggiore è sempre meglio che essere senza governo.

Ritratto di nordest

nordest

Mer, 30/05/2018 - 17:05

Sono convinto che questo signore deve ritornare in Sicilia ,coltivare arance non è all’altezza sta facendo grossi danni al nostro paese e alle prossime generazioni.

honhil

Mer, 30/05/2018 - 17:08

Le parole di Onida, costituzionalista colto e preparato e mai sopra le righe quali che siano le sue argomentazioni, aprano le porte dell’Inferno a Mattarella. Poiché, essere “andato oltre la Carta”, questo significa. Con tutto quello che segue. Anche perché, contrariamente a quanto ha affermato il commissario Ue Oettinger, Mattarella, sa, e ne ha piena consapevolezza, che, al punto in cui si è arrivati, "I mercati” non condizioneranno il voto degli italiani. E da ciò la sua mossa disperata del cavallo.

baio57

Mer, 30/05/2018 - 17:21

Nella penosa conferenza stampa a reti unificate ,ha parlato di Spread e di tassi d'interesse,come un qualsiasi economista europeista azzeccagarbugli nelle trasmissioni di Vespa,Fazio e Berlinguer. Paradossale .

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mer, 30/05/2018 - 17:22

La conoscete la poesia di Giuseppe Giusti: "Il re travicello"? Ecco!

paci.augusto

Mer, 30/05/2018 - 18:45

Assolutamente del parere di Onida!!! Non solo Mattarella è andato oltre le proprie prerogative ma non ne ha proprio indovinata una!! Impedire la formazione di un governo con maggioranza parlamentare, dopo una crisi così lunga e deleteria, non solo non ha rappresentato ALCUNA 'TUTELA' ( sic????!!!!) dei risparmiatori italiani ma, dopo due giorni, ha causato perdite alla borsa di oltre TRENTAMILA MILIARDI di euro!!Rifiutare il prof. Savona, insigne economista e già ministro di Ciampi, è stata una ingiustificata prepotenza!! Eppoi, proporre un Cottarelli, un illustre sconosciusto senza ALCUNA possibilità di venir accettato dal Parlamento, con oltre il 70% di oppositori, è stata l'idiozia finale!!!! E' riuscito addirittura a far peggio di Scalfaro!!!

Ezeckiel

Mer, 30/05/2018 - 19:16

La democrazia ha fallito il suo compito questa è l'unica verità, il resto chiacchiere.

rudyger

Mer, 30/05/2018 - 19:31

non vorrei essere nei panni di Mattarella. Si è affidato a Renzi e ha fatto un capolavoro.

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Mer, 30/05/2018 - 19:32

Mi chiedo quali demeriti avesse un professore stimato a livello europeo, e quali meriti i signori nominati, sempre dal prof. Mattarella, agli Esteri alla Giustizia, all'Istruzione, per esempio.

bundos

Mer, 30/05/2018 - 19:42

presidente pasticcione

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 30/05/2018 - 20:02

Il para massone ha spalle molto robuste

brunog

Mer, 30/05/2018 - 20:18

Mattarella non e' all'altezza di fare il PdR e spero che che non ci sia malizia nel suo operato, comunque dubitare e' lecito.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mer, 30/05/2018 - 20:35

La famosa frase di Emilio Fede, ai giorni nostri, sarebbe: "Che figura di Mattarella"!

cangurino

Mer, 30/05/2018 - 21:19

In questi giorni abbiamo sentito un mare di costituzionalisti schierato intervistati da giornalisti schierati (quasi tutti), che affermavano delle corbellerie assurde: scelta costituzionale ecc.. Ogni tanto qualche docente con la schiena diritta lo si trova, ma bisogna andare in alto, Savona, Onida ... Mattarella ha giustificato la sua decisione, con la finalità di tutela del risparmio (degli investitori italiani ED ESTERI!) e di affermazione di un principio, ossia il MANTENIMENTO in capo al PDR di poteri di veto verso i ministri. Così facendo, invece, ha sdoganato il principio, assolutamente inaccettabile, secondo cui il pdr possa porre veti per SUE scelte personali o POLITICHE, in un non meglio precisato interesse della nazione. L'atto d'accusa ci sta, anche se Mattarella è solo un politico di secondo livello in una partita più grande di lui.

Antonio Chichierchia

Mer, 30/05/2018 - 21:28

Crespatina?

Ritratto di romoloromaniko

romoloromaniko

Mer, 30/05/2018 - 21:49

la kostituzione piu' bella del mondo? è come la Bibbia che intorno ad essa esistono millantatori che sostengono di avere la verità assoluta sulla sua interpretazione o di avere rapporti diretti con questo o l'altro profeta? Solo che si scannano (letteralmente) da millenni - come faremo noi tra non molto. il pdr è stato scelto e messo lì a difesa di interessi e per scopi specifici che non sono quelli degli interessi degli itagliani. E' stato molto maldestro nella pretesa di difendere i risparmiatori nostrani, quando andarano per aria migliaia di poveracci solo perchè i suoi komparucci di merende fecero fallire una mezza dozzina di banke con prelievi/donazioni milionari, colcazzoresituiti, non mi sembra che si stracciò le vesti. Anzi, se non ricordo male, non gliene fregò una beata mazza! Inoltre ha la piena responsabilità di questa scellerata legge elettorale da lui firmata, sicuro di metterla nel koolo ai grulli o cdx che tutti davano come vincitori delle elezioni!

Ritratto di romoloromaniko

romoloromaniko

Mer, 30/05/2018 - 22:13

il pdr è stato scelto e messo lì a difesa di interessi e per scopi specifici che non sono sicuramente quelli degli itagliani. E' stato molto maldestro nella pretesa di difendere i risparmiatori nostrani, quando andarano per aria migliaia di poveracci solo perchè i suoi komparucci di merende fecero fallire una mezza dozzina di banke con prelievi/donazioni milionare(colcazzoresituite), non mi sembra che si stracciò le vesti. Anzi, se non ricordo male, non gliene fregò una beata mazza! Inoltre, ha la piena responsabilità di questa scellerata legge elettorale da lui firmata, i suoi konsigliori avevano anzitempo previsto che grulli o cdx avrebbero vinto le elezioni!

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 31/05/2018 - 00:08

-----il punto è un altro---mattarella è come quel bambino che gioca con la sabbia al mare---ad un certo punto vede uno di quegli scarafaggi neri della sabbia che procede spedito--prende uno stecchino di gelato e lo infila sulla linea di passo dell'insetto--l'insetto arriva in prossimità dell'ostacolo e si arresta --annaspa contro l'ostacolo--quando avrebbe chilometri di sabbia libera a destra ed a manca per superarlo---quell'insetto è salvini--solo che salvini sa benissimo come aggirare quell'ostacolo e procedere oltre--ma non vuole farlo--i sondaggi gli dicono che è meglio un'altra tornata elettorale per trattare coi gialli da una posizione di dominanza--

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 31/05/2018 - 01:29

Gira che ti rigira, professor Onida, il pres. Mattarella ha fatto il passo più lungo della gamba. Nel citare l'art.47 della costituzione a difesa delle sue tesi, secondo me ha fatto una mossa debole. Infatti in occasione della faccenda bail in afferente note 4 banche e delle conseguenze su 130mila risparmiatori che si son trovati carta straccia in mano in poco tempo, dopo le dimissioni di Renzi ha confermato nel successivo governo, proposto da Gentiloni, Padoan al Mef. Colui che, di concerto con Bankitalia e Consob avrebbe dovuto salvaguardare il risparmio ma che non ha operato in modo efficace, tutt’altro. Visco e Vegas sono rimasti al loro posto. Il colpevole chissà chi sarà stato, forse Fr@@@@@o da Velletri....

diwa130

Gio, 31/05/2018 - 03:19

A tutti questi esperti costituzionalisti veri e presunti vorrei dire che il PdR non e' solo un mero applicatole della Costituzione, un notaio che macchinalmente prende un input e genera un output prevedibile. Il PdR deve garantire la nazione anche secondo la sua coscienza. Avreste voi Signori, firmato ed approvato un ministro che ha un piano per uscire dall'euro ? Dopo che il ministro e' nominato e' indipendente anche dal PdC , ve lo siete dimenticati. Mattarella ha difeso gli Italiani da quello che lui ha ritenuto una minaccia ed un pericolo. Quindi cari Costituzionalisti veri, mettevi un attimo nei suoi panni e pensateci bene a cosa avreste fatto voi. A voi Costituzionalisti falsi. State zitte che fate una figura migliore, perche' appena aprite bocca si capisce subito di che pasta siete!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 31/05/2018 - 09:46

diwa130 - 03:19 Avere un piano è reato? Tra l'altro Savona in un comunicato ha ribadito la sua fedeltà all'euro e alla Ue. Il suo intento è quello di riportare l'Italia alla pari dei paesi fondatori, non fare la serva di Francia e Germania. Non mi sembra un atteggiamento sconveniente. Eviti di atteggiarsi a morigeratore, che titoli ha per farlo? E' lei un costituzionalista uber alles, che "palmares" ha? Meglio volare basso, esprimere le proprie opinioni - cosa più che lecita - e non fare discorsi supponenti.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 31/05/2018 - 11:40

---diwa130--guardi--ho studiato la costituzione italiana su un bignami da un euro--e le dico che gli estremi per l'impeachment ci sono --ad essere zelanti e pedissequi--il niet di mattarella è stato un fatto politico e ciò non si può fare---ma per mettere un presidente in stato d'accusa occorre pure la maggioranza assoluta dei voti a camere congiunte--senza l'apporto della lega non si sarebbe mai arrivati a procedere--(a parte il fatto che poi la corte costituzionale avrebbe aggiustato tutto a favore del presidente)--ma mi dica --caro diwa---perchè salvini si è rifutato di procedere con l'impeachment vanificando il tentativo di di maio e della meloni?--basta rispondere a sta domanda e lei è un politico di razza--

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 31/05/2018 - 14:56

diwa 130 - Aggiungo: A parte considerazioni di carattere personale, il pensiero di Onida non mi sembra campato in aria e non mi avventuro in giudizi su cui non ho preparazione adeguata (non soffro di pi o meno velata presunzione come altri personaggi che vagolano nei blog) - solo quello che ho paventato nel mio precedente commento, tuttavia passare da un impeachment a un inchino al P.d.R. del ragazzo lavato con olà è veramente un salto di grande qualità politica. Ironicamente da "statista campano"..