Abete vuole Balotelli in azzurro, ma non può dirlo

Il presidente federale fa capire le sue idee, però deve rispettare le volontà di Lippi.« Mario è maturo, Marcello può contarci. Con l'under si è messo al servizio della squadra. Ma conta solo il giudizio del ct»

Abete vuole Balotelli in azzurro, ma non può dirlo

Entra in campo Abete, il presidente fedearle. Vista la brutta Italia di Lippi e visto il vento che spira nel caso Balotelli. Anche il presidente ha provato a dire la sua. Facendo capire e non capire. Ovvero decide Lippi, ma a me piacerebbe.... Tradotto in breve: vorrei Balotelli, ma non posso dirlo. E allora meglio girare intorno all'argomento: «Per l'Italia quello del gol è un problema reale. Manca un bomber alla Gigi Riva». Abete è preoccupato dalla scarsa vena realizzativa degli attaccanti azzurri a circa tre mesi dall'inizio dei Mondiali. E sul tormentone Balotelli gira la domanda a Lippi: «Le sue qualità sono indiscutibili, ma devo rispettare il ruolo del ct e la valutazione spetta a lui». Quanto al futuro del ct azzurro dopo i Mondiali, Abete ribadisce quanto detto in passato: «C'è l'impegno di fare chiarezza entro maggio e sarà rispettato».
Il presidente intanto ha promosso la retroguardia azzurra, in una intervista rilasciata a Sky sport 24: «Non è arrivato il gol, ma c'è stata una buona tenuta in difesa», dice Abete a Sky Sport 24. Il problema è il gol: «Non c'è stata continuità di quei giocatori che possono salire nei primi posti della classifica dei bomber della nazionale». E allora perchè non provare anche Balotelli? Abete si limita ad evidenziare le potenzialità dell'attaccante dell'Inter: «Da dirigente il mio primo dovere è quello di rispettare il ruolo del tecnico. Balotelli è maturo e Lippi può contarci, ma spetta a lui decidere. Le qualità del giocatore sono indiscutibili, ieri con l'Under 21 si è sacrificato anche nel gruppo. Era molto atteso alla prova e c'era il rischio che, non indovinando qualche giocata iniziale, potesse sentire la pressione. E invece è stato tutta la partita al servizio della squadra. Spero che Lippi si trovi di fronte a tante difficoltà nelle scelte a maggio».