Atreju, dove le buone idee sono «giovani»

Atreju, dove le buone idee sono «giovani»

Enrico Ruggeri illumina l’undicesima edizione di Atreju. La festa, guidata dal ministro della Gioventù Giorgia Meloni, prende il via stasera e si conclude domenica (via di San Gregorio al Celio, nei pressi del Colosseo). Saranno cinque giorni di incontri, per «anticipare e raccontare idee, programmi, mode e suggestioni, travalicando i propri confini anagrafici e di partito». Oltre al dibattito politico e sociale, dunque, spettacoli e concerti a concludere ogni giornata. Enrico Ruggeri, fiore all’occhiello della manifestazione, sarà sul palco sabato 12 settembre. Il cantautore milanese, da sempre sostenitore dei diritti umani con l’associazione «Nessuno tocchi Caino», ha recentemente pubblicato All in (con esplicito sottotitolo «L’ultima follia di Enrico Ruggeri»): un triplo cd che contiene l’album Rock show riletto con ospiti internazionali, poi un intero disco di cover (dagli amati Queen, ai Beatles, a David Bowie), e la sua prima colonna sonora, per il film Volata finale. L’ennesima mossa controcorrente di un artista che, in occasione della pubblicazione del cofanetto, ha dichiarato: «mi accorgo che le rare volte che ascolto le produzioni altrui lo faccio per essere sicuro di andare dalla parte opposta. Da solo, come sempre, solo coi miei compagni di avventura pronti a nuove sfide verso destinazioni sconosciute».
Il primo appuntamento con la musica è stasera, con il concerto dei romani Lunatrash, che propongono un repertorio di grandi successi italiani degli anni ’80. Con l’esperienza di oltre 300 concerti in tutta Italia, offrono uno spettacolo divertente e trascinante. Domani saranno sul palco i Lost, beniamini dei ragazzi più giovani, capaci di aggiudicarsi il premio come «Best band» ai TRL Awards 2009, battendo addirittura Tokio Hotel e Jonas Brothers, in una sfida all’ultimo sangue tra acconciature estreme. Venerdì appuntamento con gli Zero Assoluto, tornati alla ribalta con il singolo-tormentone Per dimenticare, vagamente ispirato alla celeberrima Close to me dei Cure.
Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21.30 e l’ingresso sarà gratuito.