La bionda col registratore che ha preso solo 7 voti

nostro inviato a Bari

Una storia di donne, politica e registratori. La 42enne Patrizia D’Addario, candidata alle comunali di Bari per la civica di centrodestra «La Puglia prima di tutto», racconta al Corriere della Sera di essere stata ospite a palazzo Grazioli per una serata e di esserci tornata in una seconda occasione per passarci la notte. Il tramite con il premier, spiega, sarebbe l’imprenditore Giampaolo Tarantini, che l’avrebbe anche pagata mille euro per la presenza al primo cocktail. Tarantini, che è indagato in un’inchiesta della Procura di Bari che coinvolge la sua impresa di protesi sanitarie, fa spallucce e non commenta. Non dice nemmeno se davvero conosce Patrizia. Che dopo quegli appuntamenti romani si sarebbe ritrovata candidata come «premio di consolazione», visto che la stessa sostiene di aver chiesto direttamente al premier una mano per sbloccare una pratica edilizia che è invece ancora nei cassetti dell’assessorato all’Urbanistica di Bari.
Di certo, la sua esperienza elettorale non è stata esaltante: alle urne l’hanno votata solo in sette. Di questa vicenda non chiarissima, tra l’altro, la donna dice di avere le prove. Prove audio, «rubate» in occasione di entrambe le serate. Curiosamente, la passione della 42enne per il registratore è uno degli elementi che sembrano avere un riscontro. Infatti, tempo fa, interrogata dal capo della Mobile di Bari, la D’Addario avrebbe preteso di registrare la testimonianza, nonostante l’irritualità della pratica. Non è l’unico contatto con le forze dell’ordine della sua vita: l’ex questore di Bari le avrebbe notificato un avviso orale. E ci sarebbe uno scambio di denunce con un suo ex convivente: lui accusato di sfruttamento della prostituzione, lei di calunnia.
Altri riscontri sul racconto della donna che registra? Il responsabile di «La Puglia prima di tutto», Salvatore Greco, ex deputato Udc e nipote di Antonio Matarrese, citato dalla D’Addario come l’uomo che l’avrebbe contattata per proporle il posto nella lista, cade dalle nuvole. «Certo che me la ricordo, ma premetto: non la conoscevo fino a tre mesi fa, non me l’ha segnalata nessuno, non l’ho di certo chiamata io». Secondo Greco, «è arrivata a fine marzo in sede, presentandosi come imprenditrice e dicendo di essere stata per anni all’estero, prima di rientrare in Puglia, “in memoria di mio padre”, mi spiegò. Mi disse che voleva candidarsi e che era anticomunista, perché gli amministratori baresi la stavano vessando, ostacolandole un progetto edilizio. Le dissi di rivolgersi a un amministrativista. Ci lasciò un curriculum in cui accennava anche a un passato da indossatrice e, visto che avevamo qualche problema a raggiungere le quote rosa, accettammo la sua candidatura». Peccato che Patrizia fosse stata già candidata in precedenti elezioni amministrative proprio per la parte avversa, in una lista di sostegno dell’attuale candidato sindaco del Pd, Michele Emiliano. Quanto al fatto che Patrizia D’Addario sostenga di essere stata invitata a candidarsi, Greco allarga le braccia. «Non è vero. E tra l’altro lei dice che io le avrei proposto un posto nel partito “di cui era capolista mio zio”, ma mio zio ha accettato di fare il capolista molto tempo dopo, in extremis».
Ma che faceva Patrizia, l’imprenditrice o l’indossatrice? A Carbonara, il quartiere di Bari dove è cresciuta, un ex vicino di casa indica una terza possibilità. «Diciamo che era una mezza showgirl, una a cui piaceva farsi notare. È stata spesso in tv locali, ha fatto delle particine anche in un telefilm. Per noi tutti però non era Patrizia, qui la conosciamo con il suo soprannome: Coca». Strano nom de plume, ma le storie di droga non c’entrano. «Se lo portava dietro per via di una parodia, un po’ sexy, della pubblicità della famosa bevanda, che lei era bravissima a fare». Intorno alla via dove abitava, la gente ora racconta un sacco di cose sul conto suo e della sua famiglia. Alcune non sono buone: «Finivano in strane storie», spiega enigmatica una donna, che ricorda la misteriosa morte del padre. Qualcuno, invece, ci scherza su: «Coca D’Addario? La ricordo che giocava a tennis da sola contro il muro: era proprio un bel vedere. Strano che abbia preso solo sette voti».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.