Cellulari Apple, Microsoft e Nokia. Tutti contro tutti

Uno, due, tre cellulari per ogni famiglia italiana. Altroché cabine telefoniche. I bimbi di tre anni non sanno cosa sono i gettoni ma sono già capaci di usare il touch screen dell’iPhone. Un mondo, quello della telefonia mobile e dei computer, che si muove alla velocità della luce. Il tempo di arrivare nelle vetrine dei negozi e nelle tasche dei trend setter ed ecco che l’oggetto del desiderio diventa subito un altro. Steve Jobs ha appena finito di presentare l’iPad dedicato ai melamaniaci ed ecco che il Wall Street Journal sposta i riflettori su Microsoft. Il primo telefono cellulare firmato da Bill Gates, prodotto da Sharp in Giappone, uscirà entro fine mese negli Stati Uniti. Ma arriverà in Europa? Microsoft non lo ha ancora confermato ma si sa che è pensato per una clientela giovane e votata al mondo dei social network: da Facebook a Twitter. Insomma dal computer al telefono e viceversa. Nokia, primo produttore di cellulari al mondo sta lavorando a un prodotto che vorrebbe oscurare l’ultima stella del firmamento Apple: un anti-iPad. La «tavoletta» targata Nokia dovrebbe arrivare nei negozi dopo l’estate, si parla di settembre-ottobre. Apple non sta certo a guardare e in questi giorni arrivano nei negozi gli iPhone dotati del nuovo sistema operativo. Chissà se i nove milioni di iPhone già commercializzati dal 2007 ad oggi potranno essere aggiornati? Lo scopriremo presto. Intanto se il sito internet ufficiale di Apple non dà dettagli sulla commercializzazione di iPad nel Bel Paese sui forum di appassionati si fa il toto uscita per indovinare il giorno in cui arriverà sugli scaffali dei negozi il «più desiderato del momento». Pare che Apple abbia sospeso le ferie ai dipendenti per il week-end del 24-25 aprile. Potrebbe essere...
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.