Cipro, bloccata nave di destra: "Ong hanno corrotto marinai”

Arrestati a Cipro il comandante della nave C-Star di Defende Europe e il suo vice. L'accusa: "Documenti falsi". La replica: "Le Ong hanno corrotto i marinai"

Cipro, bloccata nave di destra:  "Ong hanno corrotto marinai”

Dopo il rallentamento al canale di Suez, ora il blocco a Cipro. Quello della nave anti-Ong messa in mare da Generazione Identitaria è un viaggio pieno di incognite, con controlli e sgambetti forse inattesi (e politicamente sospetti). Le agenzie di stampa scrivono che C-Star, il natante di 40 metri affittato per 60mila euro da Gi, è stata bloccato dalle autorità turco-cipriote e il capitano arrestato nel porto di Famagusta.

"Non ci fermeranno", fanno sapere immediatamente gli attivisti di Defend Europe, la missione degli identitari italo-franco-tedeschi che ha l'obiettivo di raggiungere il mare della Libia per "bloccare l'immigrazione massiva". La C-Star era partita alcune settimane fa da Gibuti alla volta di Tripoli. Il primo inconveniente si era materializzato nel canale di Suez. Il passaggio della nave era stato rallentato dai controlli delle autorità egiziane, forse imbeccate dalle Ong che accusavano C-Star di portare armi a bordo. Armi che gli egiziani non hanno trovato.

La navigazione era ricominciata in questi giorni e ieri sui suoi canali social Defend Europe aveva mostrato la posizione dell'imbarcazione al suo ingresso nel Mediterraneo. Diversi attivisti attendono l'arrivo di C-Star a Catania per partire verso il mar della Libia e ostacolare il lavoro delle imbarcazioni umanitarie.

Oggi però una nuova interruzione. La nave è stata bloccata a Cipro: comandante e vice-comandante sarebbero stati arrestati con l'accusa di avere documenti falsi. "A bordo - scrivono gli attivisti - vi erano 20 apprendisti marinai. I suddetti hanno pagato per fare miglia su quella nave al fine di conseguire il loro diploma. Una banale pratica del tutto legale. Questi marinai dovevano inizialmente sbarcare in Egitto, ma non è stato possibile. Dunque hanno approfittato del fatto che la nave passasse a Cipro per lasciare la barca definitivamente e tornare a casa. Da cosa ci è stato riferito dall’aeroporto, gli apprendisti stavano per tornare nel proprio Paese d’origine quando delle ONG gli hanno offerto di restare in Europa e di richiedere asilo a Cipro facendo loro promesse e donandogli soldi. Quindici apprendisti hanno rifiutato, tornandosene a casa, mente altri cinque si sono fatti corrompere ed ora stanno costruendo false accuse contro il proprietario della nave. Queste pratiche scandalose confermano che le ONG sono pronte a qualsiasi cosa al fine di non permetterci di far luce sulla situazione nel Mediterraneo. Purtroppo queste manovre ritarderanno ulteriormente la partenza e l’arrivo della C-Star da Cipro, ma non ci tratterranno mai dal recarci nei pressi della costa Libica al fine di svolgere la nostra missione.
Ricordiamo inoltre che metodi calunniatori e diffamanti di questo genere sono già stati utilizzati per impedire alla C-Star di passare il Canale di Suez. Tutte le accuse erano ovviamente false e la barca era stata solamente ritardata dal tempo che ci è voluto per dimostrare la falsità di tali e prevedibili calunnie. Noi vogliamo muoverci in accordo con la legge, attendere il risultato delle investigazioni e nel frattempo ci prenderemo il tempo necessario per far partire la missione nel migliore dei modi.”.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti