Cronache

Lo 007 più famoso del mondo risarcisce Roma, ma ai residenti non basta

I soldi offerti dalla produzione non sono sufficienti. I cittadini vogliono di più

Lo 007 più famoso del mondo risarcisce Roma, ma ai residenti non basta

Risarcisce il quartiere Monti ma i residenti di via Panisperna vogliono di più. Terminate le riprese di Spectre, la produzione dell'ultimo film di James Bond ha pagato Roma per il disturbo: 500 euro a ogni condominio, 100 a ogni famiglia e altrettanti ad ogni attività commerciale di via Panisperna nel rione Monti.

Le riprese della nuova pellicola, ieri sera, hanno paralizzato completamente il quartiere: traffico bloccato, divieto di sosta a oltranza e negozi costretti a restare chiusi.

La Capitale, già da qualche giorno, è alle prese con le spettacolari scene del nuovo film dello 007 più famoso del mondo. Per molti dei residenti però non sarebbero sufficienti le proposte di risarcimento, come ha spiegato la consigliera del I Municipio Nathalie Naim a Roma Today: "Avevo chiesto al responsabile della produzione, visti i disagi al traffico per i residenti, se potessero riparare i paletti rotti da tempo all'incrocio tra via Panisperna e via del Boschetto, come regalo- risarcimento al rione. Oggi arrivo e vedo che con il piccone avevano tolto entrambe le file di parapedonali su via del Boschetto. Mi hanno chiamato residenti e commercianti allarmati dicendomi che sono arrivati e li hanno proprio abbattuti, rovinando anche i sampietrini. Mi è sembrato veramente esagerato. Li hanno tolti tutti e quindici per parcheggiare i camion e le luci per il set, è troppo. Mi hanno assicurato che all'incrocio ci pensano loro, ma sembra che l'impegno a ripristinarli valga solo per i paletti sull'incrocio e non per quelli su via del Boschetto".

Commenti