Ecco la nuova autocertificazione per gli spostamenti

Sarà possibile spostarsi senza giustificazione all'interno dei confini della propria regione di residenza: permane l'obbligo di indicare motivi di lavoro, salute o necessità per chi invece si sposta al di fuori di essi

Ecco la nuova autocertificazione per gli spostamenti

Nuovo allentamento delle misure di lockdown e nuovo modulo di autocertificazione preparato dal ministero dell'Interno e pronto da scaricare, anche se ormai sarà necessario esclusivamente in determinati casi. (CLICCA QUI PER IL MODULO)

A partire da domani, lunedì 18 maggio, non sarà infatti più necessario esibire il documento per spostarsi entro i confini della propria regione di appartenenza nè fornire alcuna giustificazione a riguardo. Permane tuttavia l'obbligo di munirsi della nuova autocertificazione per tutti coloro che avranno invece intenzione di effettuare spostamenti interregionali. I cittadini che si troveranno in una condizione del genere dovranno quindi scaricare il nuovo modulo messo a disposizione sul sito del Viminale: un documento decisamente più semplificato rispetto a quelli precedentemente adottati, ma che segue, grossomodo, la linea tracciata durante le fasi dell'epidemia. Quantomeno relativamente alle motivazioni riconosciute dal governo per giustificare uno spostamento. Per chi vorrà uscire dal territorio della propria regione di residenza saranno da indicare come condizioni necessarie comprovati motivi di lavoro, di salute o di improrogabile necessità ed assoluta urgenza.

Nonostante questa apertura, tuttavia, continuano ad essere vietati gli spostamenti interregionali per motivazioni di altro genere, comprese le visite a parenti e congiunti: per queste ultime resta come data di riferimento, almeno per il momento, il prossimo 3 giugno.l

Per quanto concerne invece i positivi al Coronavirus rimarrà, ovviamente, un livello massimo di allerta da parte delle forze dell'ordine preposte alle verifiche. Nessuna concessione è prevista per questi ultimi, che dovranno restare in isolamento domestico, qualora non necessitino di ricovero in ospedale. Vietati anche gli spostamenti per coloro che si trovano in quarantena preventiva. La situazione, ovviamente, potrebbe rapidamente mutare nel caso di un ipotetico nuovo incremento di contagi, anche se le misure conseguenti saranno adottate solo su base locale: vale a dire che, all'interno di una ragione, solo le zone eventualmente più colpite potrebbero veder applicate nuove restrizioni.

La nuova autocertificazione dovrà anche in questo caso essere accompagnato dalla documentazione comprovante le necessità sopra citate: i trasgressori rischiano un'ammenda che va dai 400 euro fino ai 3mila.

C'è grande attesa per la reazione da parte delle Regioni alla presentazione del Dpcm da parte del primo ministro Giuseppe Conte, che aveva comportato più di qualche malumore oltre alla già nota riunione con i governatori durata fino a tarda notte.

Commenti