Bari, aggredirono passeggero e rubarono auto: finiscono in manette

Si trovano da oggi agli arresti domiciliari due pregiudicati. Il fatto è accaduto il 30 settembre scorso nel quartiere San Paolo del capoluogo pugliese

Hanno rapinato un'automobile dopo aver picchiato e minacciato il passeggero che era alla guida del mezzo, due uomini già noti alle forze dell'ordine. Il fatto è accaduto a Bari, in particolare nel quartiere San Paolo, in pieno giorno, il 30 settembre dello scorso anno. Oggi i due sono stati arrestati. Nel mirino dei criminali, all'epoca dei fatti, una "Volkswagen Golf" presa d'assalto per poi rubarla. I due, a distanza di quattro mesi, sono stati rintracciati e arrestati dagli agenti della squadra mobile della questura di Bari.

Si tratta di due pregiudicati finiti in manette con un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale del capoluogo pugliese su richiesta della procura della Repubblica di Bari. Si tratta di Dario Magaletti, di 33 anni, e Mario Milella, di 22 anni.

Entrambi sono ritenuti responsabili del reato di rapina aggravata in concorso commesso il 30 settembre scorso, come detto. Le manette sono scattate al termine delle indagini. Gli investigatori si sono avvalsi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona. In base alla ricostruzione fatta dagli inquirenti, i due indagati, quel giorno passeggiavano per le strade del quartiere San Paolo, alla periferia della città, quando hanno adocchiato un uomo intento a consultare il cellulare a bordo della sua Volkswagen Golf in sosta a margine della carreggiata con le chiavi inserite nel quadro.

Non si sa per quali motivazioni, ma con una mossa fulminea, i due rapinatori hanno aperto lo sportello dell'auto e, con calci e pugni, hanno spinto la vittima fuori dal veicolo per poi darsi alla fuga a bordo dello stesso e facendo perdere subito le proprie tracce. Non solo, i due avrebbero anche minacciato di morte l'uomo alla guida della sua auto. La vittima venne lasciata per terra, vicino alla carreggiata, ferita.

Dario Magaletti è stato trovato dagli agenti della squadra mobile. L'uomo si trovava già agli arresti domiciliari per un altro crimine. Per Mario Milella, invece, fermato dai falchi alle prime ore di questa mattina, dopo le formalità di rito, sono scattati gli arresti domiciliari.

Purtroppo il quartiere San Paolo non è nuovo a questo tipo di crimini. Conta oltre 30mila abitanti e viene anche chiamato "Cep" che sta per "centro di edilizia popolare", o sarcasticamente per "centro elementi pericolosi". O ancora, viene chiamato dai baresi "Il Quartiere". Inizialmente abitato da chi proveniva dalla baraccopoli di "Torre Tresca", continua, ancora oggi, ad essere una zona con un alto tasso di criminalità.