Brescia, vittima di revenge porn denuncia e perde il lavoro

La 40enne è stata licenziata per danno di immagine. I video hot sono passati anche tra agenti in divisa che non li hanno bloccati, ma solo commentati

Licenziata in tronco per “danno di immagine”. Oltre a essere stata vittima di revenge porn, una 40enne di Brescia si è ritrovata pure senza lavoro. Si tratta in poche parole della condivisione pubblica di immagini o video intimi tramite Internet, senza avere il consenso dei protagonisti degli stessi. Tre le persone finite nel registro degli indagati. Probabilmente però la lista è destinata ad allungarsi. La donna aveva presentato denuncia dopo che alcuni suoi video hot privati erano diventati pubblici e avevano iniziato a girare per il web.

Licenziata per danno di immagine

Uno degli studi per cui la professionista lavorava ha deciso di metterla alla porta. Il datore di lavoro avrebbe detto di aver ricevuto numerose chiamate di uomini che desideravano un appuntamento con la 40enne “senza far riferimento alla problematica da affrontare e senza lasciar recapito telefonico”. Certo un bel problema per l’azienda dover gestire certe chiamate rivolte a una propria dipendente.

Dopo la denuncia presentata dalla donna, la procura di Brescia ha iscritto tre persone nel registro degli indagati. In seguito altri nomi e contatti sono stati segnalati dalla stessa 40enne, sempre di soggetti che avrebbero contribuito a divulgare i video scottanti. Alcuni dei quali correlati da screen shot di chat di uomini in divisa, poliziotti e carabinieri, che si sono trovati le immagini osé sui propri telefoni e che si sarebbero limitati a commentarli senza bloccarli.

La lista fornita dalla donna includerebbe anche i nominativi di quelli che avrebbero fatto in modo che i video girassero senza problemi su internet, e senza cercare minimamente di limitarne la condivisione. Il Giornale di Brescia ha rivelato che le immagini hot della 40enne sarebbero arrivate anche nelle chat delle forze dell’ordine. Anche qui nessuno, nemmeno gli uomini in divisa, avrebbero pensato di fermarne la divulgazione. In pochissimo tempo sono quindi diventati virali.

I video girati dalla 40enne di Brescia

Secondo quanto emerso dalle indagini i video in questione sarebbero stati girati dalla donna stessa e inviati all’uomo che stava frequentando in quel periodo. Ovviamente erano privati e tali sarebbero dovuti rimanere. Qualcuno però ha pensato bene di renderli pubblici. Adesso la procura di Brescia ha iscritto tre nomi nel registro degli indagati e forse altri nominativi verranno aggiunti nei prossimi giorni. Doppio danno per la donna che, oltre ad essere stata vista da molte persone in atteggiamenti intimi sul web, è anche stata licenziata dallo studio per il quale lavorava.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mer, 19/02/2020 - 20:24

Onefirsttwo(alias Tutankhamon da Hokkaido(JAPAN)) : Hi !!! STOP Mxxxxxa , di hot si parla !!! STOP E ricordate : Una volta c'era Dracula , oggi c'è Giuseppi , il Cuonta mxxxxxate !!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh

Renadan

Mer, 19/02/2020 - 20:46

Cosa si fa per soldi. Che schifo

polonio210

Mer, 19/02/2020 - 22:48

La Signora è una vittima non è stata Lei a rendere i filmati pubblici ma bensì altre persone.Se qualcuno ha disturbato il lavoro dell'azienda,nella quale la Signora era una collaboratrice,costei non ne ha colpa alcuna e licenziarla,per danno d'immagine,pare una abnorme azione.Fare video privati,anche molto espliciti,non risulta che sia un reato a meno che gli interpreti non siano minorenni,ma non è questo il caso.E' reato,invece,renderli pubblici contro la volontà di chi,in quei filmati,ne è l'interprete.Consiglierei alla Signora di denunciare i Suoi ex datori di lavoro per licenziamento immotivato.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 20/02/2020 - 06:04

E la " gentile signora" che deve essere tutelata nella sua riservatezza, famigerata privacy, ovviamente se lei non avesse consentito alla generale divulgazione delle immagini.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 20/02/2020 - 09:14

"Secondo quanto emerso dalle indagini i video in questione sarebbero stati girati dalla donna stessa e inviati all’uomo che stava frequentando in quel periodo....CHI E' CAUSA DEL SUO MAL...smettetela di fare le santarelline,siete più che adulte e vaccinate!!

Ritratto di massacrato

massacrato

Gio, 20/02/2020 - 09:20

Il problema non è tanto del farsi dei video privati fuori dalle righe (anche se personalmente la ritengo una sxxxxxxxa), ma il fatto di affidarli alla rete. La digitalizzazione in rete non è controllabile come una pellicola di celluloide: è penoso che chi non lo ha ancora capito, pianga poi sul latte versato.

Gio56

Gio, 20/02/2020 - 10:15

polonio210,ma qualcuno li avrà resi pubblici questi video? Se come dice l'articolo " i video in questione sarebbero stati girati dalla donna stessa e inviati all’uomo che stava frequentando in quel periodo" come hanno fatto a capitare in mano ad altri? li ha diffusi il suo compagno? Se io mando un video o un messaggio ad un mio conoscente lo vede solo lui.