Bufera in Salento, due gay: "Ci hanno vietato i kart perché omosessuali"

Accusa di due ragazzi gay: "La dipendente di un kartodromoci ha vietato di salire sulla stessa vettura senza fornire spiegazioni"

Bufera in Salento, due gay: "Ci hanno vietato i kart perché omosessuali"

"Non ci hanno fatto correre sui go kart perché gay": con quest'accusa due ragazzi pugliesi, omosessuali, puntano il dito contro la "Pista salentina" di kart di Torre San Giovanni, in provincia di Lecce.

Donato, 27enne di Ugento, e Francesco, 25enne tarantino, avevano deciso di passare un sabato sera divertendosi sui kart in compagnia di amici. Ma secondo Donato, racconta la Gazzetta del Mezzogiorno, una dipendente del kartodromo si sarebbe rifiutata di farli salire sui mezzi. Dopo una discussione di qualche minuti, i due ragazzi e gli amici hanno dovuto abbandonare il circuito senza riuscire a sapere il motivo del diniego e senza essere riusciti a parlare con il titolare. Come unica spiegazione, Donato e Francesco si sarebbero sentiti rispondere che "il noleggio a coppie dello stesso sesso" non sarebbe stato autorizzato.

In poche ore la notizia è diventata virale e in molti hanno anche auspicato una denuncia contro i titolari dell'impianto di corse. Che però si sono difesi sostenendo che il divieto di far salire due uomini sul kart è dettato semplicemente da ragioni di sicurezza.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti