"C'è una fuga di gas". Evacuati 550 studenti, ma era colpa di un frutto esotico

"Siamo stati evacuati! Pubblicheremo un aggiornamento quando gli studenti potranno rientrare nell'edificio", è stato scritto nella pagina Facebook dell'ateneo per avvisare gli studenti

Attimi di panico a causa di un frutto esotico nella Biblioteca dell'Università di Canberra, capitale dell'Australia. Giovedì scorso, nell'edificio c'è stata un'evacuazione un po' particolare. "Siamo stati evacuati! Pubblicheremo un aggiornamento quando gli studenti potranno rientrare nell'edificio", è stato scritto nella pagina Facebook dell'ateneo per avvisare gli studenti. All'interno dello stabile, infatti, si è sparsa la voce di un'improvvisa perdita di gas e un fortissimo odore è stato sentito da studenti e lavoratori.

Come riporta Il Messaggero, dopo poco è emersa la verità. Qualcuno, a quanto pare, aveva gettato in un cestino dell'edificio il residuo di un durian, frutto esotico molto diffuso in Thailandia, Malaysia e Indonesia, che si contraddistingue per un forte odore e una buccia spinosa. L'episodio, così, si è risolto nei migliore dei modi: "Siamo aperti! Grazie a tutti per aver abbandonato il palazzo in modo rapido e sicuro - circa 550 persone hanno lasciato l'edificio in meno di 6 minuti. Fortunatamente la sospetta perdita di gas si è rivelata una parte di un durian - il frutto incriminato è stato rimosso", hanno scritto sempre sulla pagina ufficial della Biblioteca universitaria.

Il durian è considerato il frutto "più puzzolente del mondo" e il suo odore è così intenso e sgradevole da poter trasformare un ambiente accogliente in un luogo in cui è necessario tapparsi il naso. Ma il suo sapore, invece, piace a tantissime persone e sono in tantissimi ad apprezzare la sua polpa morbida. Negli ultimi anni le importazioni di questo frutto sono aumentate del 35 per cento all'anno secondo dati delle Nazioni Unite, con un mercato da 1,1 miliardi di dollari (940 milioni di Euro) nel 2017, contro i 243 milioni di dieci anni fa. Insomma, un frutto un po' particolare che è a quanto pare è riuscito a mettere a repentaglio un'intera giornata universitaria.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Lun, 13/05/2019 - 18:26

Il durian è considerato anche il frutto più buono del mondo dai suoi estimatori. Personalmente ho solo mangiato il gelato al durian, non male devo dire, ma fa troppa puzza per mangiare direttamente il frutto. In tantissimi alberghi del SE Asia vi sono cartelli che vietano espressamente l'avere e/o mangiare quel frutto in camera.

Divoll

Lun, 13/05/2019 - 18:45

Se un frutto o una pianta emettono un odore fetido, molto sgradevole all'olfatto degli umani e generalmente dei mammiferi (il durian fa letteralmente scappare anche gli animali domestici), e' perche' la natura lo ha predisposto per attrarre mosche e altri insetti. Il che vuol dire che non fa bene a noi. Consumarlo e' una specie di moda.

Divoll

Lun, 13/05/2019 - 18:49

Fa perfino venire conati di vomito a gatti e cani (e persone)

lolafalana

Lun, 13/05/2019 - 19:25

Un attentato vegano...

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 13/05/2019 - 20:12

Incredibile la differenza fra l'odore del frutto ed il sapore - afrodisiaco in senso lato - della polpa. Però é vero che l'introduzione del frutto in ambienti pubblici, alberghi, ristoranti, aeroplani ecc. é severamente proibito in tutto l'estremo oriente. Le confetture, i gelati, le caramelle al durian non rispecchiano minimamente il sapore della polpa del frutto. In Kuching, città malese del Borneo, hanno riservato una strada, una sola, ai carretti che vendono tale frutto o la sola polpa. Giusto per dire che neppure gli indigeni sanno resistere al suo fetore.

Mogambo

Lun, 13/05/2019 - 20:46

Questo frutto lo si poteva usare(lanciandolo con apposite catapulte) contro i nemici al posto dell'iprite(gas velenosissimo) durante la prima guerra mondiale.I suddetti sarebbero scappati dalle trincee e la vittoria presto raggiunta, in compenso nessuno si sarebbe fatto male.Strano che nessun Generale dell'epoca ci abbia mai pensato.