Carabiniere ucciso, commento choc di una prof: "Uno in meno"

"Uno di meno, e chiaramente con uno sguardo poco intelligente: non ne sentiremo la mancanza". Questo il commento pubblicato da un'insegnante di 51 anni sulla morte dell'agente Cerciello. Poi le scuse: "Mi spiace, ho sbagliato"

Carabiniere ucciso, commento choc di una prof: "Uno in meno"

Il carabiniere Mario Cerciello Rega è stato ucciso due volte. La prima, fisicamente, da due ragazzi statunitensi, Elder Finnegan Lee e Christian Gabriel Natale Hjorth. La seconda, moralmente, da un commento apparso sui social subito dopo la sua morte. "Uno di meno, e chiaramente con uno sguardo poco intelligente, non ne sentiremo la mancanza", ha scritto su Facebook un'insegnante novarese di 51 anni, Eliana Frontini. Il commento - riporta l'Ansa, è stato prontamente segnalato da alcuni utenti e trasmesso a due deputati della Lega, Paolo Tiravani e Cristina Patelli, che hanno sollevato il caso. "Un commento vergognoso, a maggior ragione se davvero arriva da un’insegnante", scrivono i due esponenti leghisti annunciando un'interrogazione parlamentare.

"Vergognati, vigliacca"

Ma non è finita qui. Come sempre accade in questi casi, la polemica corre veloce sul web. E sul profilo Facebook della professoressa sono apparsi centinaia di messaggi di cittadini sdegnati. Critiche, insulti, inviti a chiedere scusa alla famiglia dell'agente ucciso a coltellate nel quartiere Prati di Roma nella notte tra giovedì e venerdì. L'insegnante, a un certo punto, non ha più retto alla vergogna e ha pubblicato un post (poi cancellato) dove ha scritto: "Amici, mi spiace per quanto sta accadendo, non me lo spiego proprio. Chi mi conosce spero sappia che non la penso così". Ma un impeto di rabbia divora chi proprio non riesce a mandar giù gli insulti dell'insegnante: "Da denuncia", "Vigliacca", "Vergognati", "Mi auguro un licenziamento per giusta causa".

"Chiedo scusa all'Italia, alla vedova e all'Arma"

Poco prima, la donna si era giustificata così: "Ho commesso un errore gravissimo, me ne sono resa conto appena ho cliccato su invia, ma ormai il danno era fatto. Ho scritto una cavolata, non c'è nulla da dire - ha detto - Mi sono lasciata guidare dalla sensazione che spesso le forze dell'ordine non intervengono quando serve, quando una donna è maltrattata o peggio, si muovono solo quando ormai è troppo tardi". La professoressa Frontini racconta di aver provato a correggere il post, "ma ormai... Ho scritto quell'enorme sciocchezza, senza nemmeno pensare alla vedova e a chi voleva bene al vice brigadiere, una sciocchezza". Fino al messaggio di scuse vero e proprio: "Voglio chiedere scusa a tutti. In particolare a chi era vicino al militare e ora è straziato dal dolore e chiedo scusa all'Arma dei carabinieri e all'Italia intera. Sono stata una stupida", le ultime parole della professoressa.

Salvini: "Un commento vomitevole"

Durissime critiche al commento della prof anche da parte del sistema politico. Se il ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, annuncia che saranno attivate "tutte le verifiche necessarie tramite gli Uffici territoriali del Miur", Mariastella Gelmini, presidente del gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati, chiede che l'insegnante venga "cacciata. Sono parole ignobili, le scuse non bastano". D'accordo anche il senatore della Lega, Roberto Calderoli ("Basta con i cattivi maestri: l'insegnante va radiata") e il ministro dell'Interno, Matteo Salvini: "Un commento vergognoso, vomitevole, ancora più grave perché viene da una insegnante. Che in un primo momento ha negato, poi, di fronte all’evidenza, si è scusata".

L'Ufficio scolastico regionale del Piemonte ha disposto accertamenti e sta avviando il provvedimento disciplinare nei confronti dell'insegnante che ha pubblicato il post choc offensivo nei confronti del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega.

Commenti