Carpi, stranieri oltraggiano monumento olocausto: l’ira dei cittadini

I ragazzini stavano bivaccando e giocando ad inseguirsi in mezzo alle stele commemorative: l’intervento dei carabinieri non ha portato nessuna conseguenza, l’ira dei cittadini

Carpi, stranieri oltraggiano monumento olocausto: l’ira dei cittadini

Un comportamento vergognoso quello tenuto da un gruppetto di giovani stranieri all’interno di uno dei chiostri di Palazzo Pio, nel comune di Carpi.

I ragazzini sono stati infatti sorpresi giovedì notte a bivaccare ed a divertirsi nel monumento dedicato alle vittime dell’Olocausto. Le loro risa ed i loro schiamazzi, in una zona in pieno centro storico, sono andate avanti per ore, almeno fino alle 2 del mattino, quando finalmente qualcuno si è deciso a contattare le forze dell’ordine.

Giunti sul luogo segnalato, i carabineri hanno trovato cinque minorenni stranieri (non è stata dichiarata la loro nazionalità) che gridavano e si rincorrevano, giocando a nascondersi fra le Stele di pietra che compongono una delle opere commemorative del Museo Monumento al Deportato. Questo, inaugurato nel 1973, voleva e vuole essere un modo per ricordare il dramma della deportazione e l’orrore vissuto all’interno dei campi di concentramento. Giovedi scorso, invece, si è trasformato nel parco giochi personale dei 5 ragazzini extracomunitari.

Questi ultimi, di un’età compresa fra i 16 ed i 17 anni, sono stati subito redarguiti dai militari, ma non hanno ricevuto alcuna denuncia. Nessuna norma, del resto, è stata violata, se non si considerano quelle morali. Una tale mancanza di rispetto e di senso civico ha suscitato non poche polemiche fra i cittadini, che anche in precedenti occasioni hanno segnalato il degrado che mano a mano sta cominciando a diffondersi fra gli spazi del museo, già diventati da tempo luogo di bivacco.

Commenti