Chicago, il figlio di due anni fa rumore: papà gli taglia la gola

Dopo averlo ucciso, il 37enne ha gettato il corpo del piccolo in un sacchetto della spazzatura. Poi si è dato alla fuga

Chicago, il figlio di due anni fa rumore: papà gli taglia la gola

Un bambino di appena due anni è stato decapitato dal padre perché faceva troppo rumore in casa. Dopo aver tagliato la gola al figlio, l'uomo ha poi tentato il suicidio.

Come riporta il Chicago Tribune, un papà di 37anni si trova nella sua casa nel quartiere Little Village di Chicago in compagnia del figlio di soli di due anni. L'uomo vuole dormire ma il bambino cammina nell'appartamento e lo sveglia continuamente. Spazientito dal piccolo, il 37enne prende un coltello da cucina, mette il bimbo a testa in giù e gli taglia la gola.

Quando l'uomo si rende conto dell'atroce gesto appena compiuto prova a togliersi la vita tagliandosi le vene dei polsi con lo stesso coltello utilizzato per tagliare la gola al bambino. Tentativo non riuscito. Quindi il 37enne mette il corpo del piccolo dentro un sacchetto delle spazzatura.

Poi, non riuscendo a parlare con la moglie, telefona alla cognata per confessare l'omicidio. Prima dell'arrivo della polizia di Chicago, il papà prova però a far perdere le proprie tracce ma viene arrestato poche ore dopo e accusato di omicidio di primo grado.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica