La città dove calano i migranti, grazie alle politiche di Salvini

Per anni il Friuli Venezia Giulia ha vissuto una situazione al limite. Ora a Udine i flussi e le presenze di migranti hanno cominciato a diminuire

"Le nuove politiche sulla gestione dei migranti messe in atto dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, stanno dando i primi risultati". Lo ha dichiarato il primo cittadino di Udine, Pietro Fontanini. "In città, rispetto ai picchi di questo autunno che hanno sfiorato il migliaio, i flussi e le presenze hanno finalmente cominciato a diminuire e oggi siamo a quota 722 richiedenti asilo", ha spiegato il sindaco leghista.

Per anni il Friuli Venezia Giulia ha vissuto una situazione al limite, con migliaia di migranti che entravano in regione dopo aver percorso la rotta balcanica. "Sono ottimista sul fatto che l'obiettivo dei 2,5 richiedenti asilo ogni mille abitanti stabilito dall’accordo tra l'Anci e il Viminale, all’epoca retto da Marco Minniti, sia non solo raggiungibile, ma raggiungibile entro i prossimi quattro anni", ha continuato Fontanini.

Come riporta il MessaggeroVeneto, sono in tutto 245 i migranti accolti nei centri di accoglienza straordinaria, mentre nei centri di prima accoglienza sono ospitati 422 richiedenti asilo. 55 invece gli stranieri che hanno trovato un ricovero nelle strutture dello Sprar. Un numero calato dopo la decisione di non rinnovare il progetto Aura per l'accoglienza dei richiedenti asilo negli appartamenti, voluto dalla precedente giunta di sinistra.

"Avere a Roma e a Trieste interlocutori che sul tema parlano la nostra stessa lingua ha aiutato", ha concluso soddisfatto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

seccatissimo

Dom, 03/02/2019 - 00:22

Io mi auguro che entro 4 anni, meglio molto prima, di clandestini invasori in Italia non ce ne sia più manco uno e mi auguro pure che tutti quei clandestini invasori NON PROFUGHI che, "in un modo o l'altro, più o meno fraudolentemente, senza seria motivazione se non faziosamente politica", hanno ottenuto un permesso di soggiorno siano stati nel frattempo espulsi (effettivamente), tutti !

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 03/02/2019 - 09:03

tutti sfuggiti dalla guerra lasciando combattere donne bambini e vecchi dice il PD.Un detto dice soldato che fugge è buono per la prossima volta..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 03/02/2019 - 09:05

certo che dare il voto al PD per me ci vuole un bel coraggio mettere al governo un partito di disfattisti, basta vedere la fatica del nuovo governo per rialzare il paese dalla cenere lasciata dal PD...