Cronache

Comitato Schengen in missione a Ventimiglia per verificare rispetto accordi Francia

Il rispetto degli accordi di Schengen, la volontà di bloccare il transito dei migranti, il ripristino dei controlli documentali alla frontiera dietro la giustificata minaccia del terrorismo: sono alcuni temi all’ordine del giorno

Comitato Schengen in missione a Ventimiglia per verificare rispetto accordi Francia

Il rispetto degli accordi di Schengen, il ripristino dei controlli documentali alla frontiera dietro la giustificata minaccia del terrorismo, ma anche la volontà di imperidre il transito dei migranti. Sono alcuni temi all’ordine del giorno di una missione del Comitato Bilaterale Schengen Immigrazione Europol, che lunedì prossimo sarà al confine Italo-francese di Ventimiglia, in provincia di Imperia, come annunciato dal parlamentare locale, Flavio Di Muro (Lega), membro della Commissione.

"Ringrazio il Presidente Eugenio Zoffili e l'ufficio di presidenza per l'attenzione dimostrata", dichiara Di Muro. Le autorità italiane vogliano anche sapere, se la Francia chiederà una nuova deroga agli accordi Schengen, dopo la scadenza, a fine mese di quella attuale.

"Dal 2015 ad oggi, da parte della Francia c'è stata una totale elusione dell'accordo di Schengen, che porta ad avere un muro invisibile con l’Italia - ha aggiunto Di Muro -. Da quando è iniziato questo nuovo flusso di migranti, ma soprattutto da quando nel 2015 è stata chiusa la frontiera c'è stata una gestione abbastanza confusa dei flussi migratori".

Parlando dei rapporti con la Francia: "Con la scusa del terrorismo, le autorità transalpine hanno bloccato tutti i transiti alla frontiera dei migranti, in modo indiscriminato e creando disagi alla città di Ventimiglia”. In concomitanza con l'emergenza umantaria sono notevolmente aumentati i controlli e non solo nei confronti di chi cerca di attraversare il confine con l’auto, nel dubbio che possa nascondere qualche straniero; molti frontalieri italiani, infatti, hanno più volte dovuto mostrare i propri documenti anche sul treno.

Commenti