Coronavirus, Brusaferro: "Covid-19 sopravvive su superfici da qualche ora a giorni"

Il direttore dell'Iss, Silvio Brusaferro, ricorda che l’igiene, personale e degli ambienti, è importante per contrastare l’epidemia di coronavirus

L'emergenza coronavirus in Italia"è una realtà che riguarda tutto il Paese, nessun cittadino può sentirsi esonerato e non coinvolto in questa sfida. L'appello è a rispettare tutte le misure, anche nei territori dove oggi i casi sembrano minori". È questo il monito lanciato dal direttore dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, nel corso dell’ormai consueto bollettino delle 18 della Protezione civile con gli aggiornamenti quotidiani sul Covid-19

Brusaferro ha spiegato che il seguire attentamente le disposizioni emesse delle autorità permetterà di "evitare scenari critici" anche perché "non c'è un punto nel nostro Paese o in Europa dove ci si possa rifugiare”.

Ma vi è un punto sul quale si sta discutendo. Il virus quanto può vivere sulle superfici? In questo caso non vi è una unica risposta perché esistono diverse variabili."Abbiamo dati sperimentali sui coronavirus- ha aggiunto il direttore dell'Iss-che mostrano come possano sopravvivere in tempi che vanno da qualche ora a qualche giorno su superfici diverse. Laddove non vengano esposti a disinfezione ma anche elementi come sole, pioggia, intemperie".

Lo stesso Brusaferro ha, però, sottolineato che il virus è molto sensibile ai disinfettanti e si trasmette con il contatto attraverso le mani. Pertanto, il miglior modo di arginare l’espandersi dell’epidemia è quello di "lavare spesso e correttamente le mani". Il direttore dell’Iss ha anche ricordato che "circolano audio sulla presenza del virus sulle superfici". "Accanto all'igiene personale- ha continuato- è importante anche la pulizia degli ambienti".

Brusaferro ha specificato che bisogna dimensionare correttamente il tipo di rischio. Guidare con guanti e mascherina con nessuna altra persona nell’auto non dovrebbe essere un elemento particolarmente giustificato. "Viceversa se uno viaggia in una macchina affollata e con sintomi respiratori questa misura risulta adeguata perché protegge da contagio".

L’emergenza coronavirus sta avendo anche un altro effetto estremamente negativo: quello della diminuzione delle donazioni di sangue, calato di circa il 10%. Secondo quanto ha riferito al fattoquotidiano.it dal presidente del "Centro nazionale sangue", Giancarlo Maria Liumbruno, due sarebbero i motivi del calo: da un lato forse qualche donatore si è ammalato, dall’altra c’è il timore nell’accedere a una struttura para-ospedaliera in questi tempi

Ma Brusaferro invita tutti i cittadini a continuare a donare sangue. "In questa fase è molto importante che i donatori, nelle modalità raccomandate, non interrompano questa loro abitudine in questo periodo. Vorrei fare un appello alle persone generose che mettono il proprio sangue a disposizione di non interrompere questa pratica, raccordandosi con i proprio centri sangue. Non ci sono motivi per non farlo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 16/03/2020 - 10:09

Mi meraviglia il fatto che dopo ormai più di un mese dall'esplosione Cinese,non esista ancora una "abbastanza precisa" idea sui tempi di contagio,attraverso varie superfici,temperature,umidità,luce,etc.etc.....Tutto ancora nel vago....Tutto ancora nel vago,sulle dimensioni di questo virus,per cui il dichiarare certi materiali,per la costruzione di mascherine "fai da te",idonei o non idonei,non tanto per un uso "continuato-professionale",ma "temporaneo"(1-2 ore),è estremamente VAGO.....Mi meraviglio,che in assenza di prodotti "commerciali" di "disinfezione",il "ministero della salute",non abbia diffuso "CHIARE" informazioni,sulla facilità di preparare "in casa",disinfettanti validamente alternativi(come quello della "OMS"),e/o non abbia dato disposizione alle Farmacie di farlo,ad un prezzo "ragionevole","conforme" al costo degli ingredienti,e del tempo per la sua "preparazione". Perchè non si dice questo,non si fa questo?

baio57

Lun, 16/03/2020 - 11:11

Che si mettessero d'accordo,fino ieri esimi virologi affermavano che il virus si disperde nell'aria pressochè istantaneamente e non attacca sulle superfici.....

leo_polemico

Lun, 16/03/2020 - 11:38

Con indicazioni così generiche e NON precise si può "sospettare" che, dando tempi più lunghi di sopravvivenza del virus, si voglia incrementare il consumo dei disinfettanti.

WmatteoSalvini

Lun, 16/03/2020 - 11:48

Cosa ci stanno a fare tutte quelle decine di grandi dottoroni dell' OMS, strapagati, oltre a dire le solite banalità, se a distanza di mesi ancora non ci sanno dire come si comporta questo virus !

buonaparte

Lun, 16/03/2020 - 17:43

ma questo non è lo stesso che solo 1 mese fa diceva le panzane sulle mascherine? sul fatto che ci si contagiava solo con gli starnuti? che solo gli ammalati trasmettevano il virus? che le mascherine erano dannose se messe dalle persone sane? che la quarantena da far fare a chi veniva dalla cina era razzismo? che le merci cinesi non portavano il virus? e ecc. credo che pinocchio abbia detto meno bugie ..quanto è lo stipendio di questo scienziato?