Covid: il 77% dei pazienti è migliorato con il tocilizumab, farmaco anti-artrite

Ottime notizie dagli Asst Spedali Civili di Brescia: su 100 pazienti Covid con gravi problemi respiratori trattati con il tocilizumab, farmaco anti-artrite, nel 77% le condizioni generali sono migliorate o si sono stabilizzate. È la casistica più grande al mondo ed il numero più ampio in letteratura medica

Ottime notizie dal fronte di combattimento al Covid-19: il tocilizumab, farmaco anti-artrite in fase di sperimentazione anche contro il Coronavirus, sta dando risultati molto positivi: nel 77% dei pazienti trattati le condizioni respiratorie sono migliorate o si sono stabilizzate. Al momento, è la casistica più grande al mondo.

È un numero alto, il più ampio in letteratura medica, se si considera che il farmaco è nato con un'altra finalità clinica, quella di trattare la superinfiammazione in patologie come l'artrite reumatoide. Dopo una ventina di pazienti cinesi e i due dell'Ospedale Cotugno di Napoli, sono questi i risultati sui primi cento pazienti con il virus trattati all'Asst Spedali Civili di Brescia con grave insufficienza respiratoria.

Effetti benefici sul 77%

Come anticipato, nel 77% dei pazienti le condizioni respiratorie sono risultate migliorate o stabilizzate. Repubblica riporta che, a 24-72 ore e a 10 giorni dalla somministrazione di tocilizumab, il miglioramento della sindrome da distress respiratorio acuto è stata valutata usando la "Brescia-Covid respiratory severity scale" (i punteggi vanno 0 a 8 in ordine di gravità crescente).

Ecco i dati

"Su 100 pazienti - racconta Nicola Latronico dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione 2 e portavoce dello studio - 43 hanno ricevuto il tocilizumab nell'unità di terapia intensiva, 57 fuori dalla terapia intensiva per indisponibilità di letti. Di questi 57 pazienti, 37 (65%) sono migliorati ed hanno sospeso la ventilazione non invasiva, sette (12%) sono rimasti stabili nell'unità di terapia intensiva e 13 (23%) sono peggiorati (10 morti, 3 ricoverati in terapia intensiva)".

Regressione delle lesioni polmonari

"Dei 43 pazienti trattati in terapia intensiva - continua il dott. Latronico - 32 (74%) sono migliorati (17 sono stati tolti dalla ventilazione artificiale e sono stati trasferiti in reparto), 1 (2%) è rimasto stabile e 10 (24%) sono deceduti. Complessivamente, a 10 giorni, la condizione respiratoria è migliorata o si è stabilizzata in 77 pazienti (77%), di cui 61, in sede di esame di radiografia del torace, hanno mostrato una riduzione significativa delle lesioni polmonari e 15 sono stati dimessi dall'ospedale", conclude l'esperto.

Super infiammazione presente nei pazienti

Grazie a questi risultati, il farmaco sarà senz'altro utilizzato anche in numerosi altri pazienti vista la mancanza, al momento, di un'altra terapia più efficace. Le indagini di laboratorio fatte prima di somministrare il tocilizumab hanno dimostrato in tutti i pazienti livelli altissimi, a volte addirittura fuori scala, di proteina C reattiva (Pcr), ferritina, D-Dimero e trigliceridi, confermando l'ipotesi che una sindrome iper-infiammatoria fosse presente quando le condizioni respiratorie dei pazienti peggioravano e confermando il razionale per l'utilizzo del tocilizumab.

L'eccellenza italiana

Lo studio - portato avanti da un gruppo di specialisti di Anestesia e Rianimazione, Malattie Infettive, Reumatologia, Pediatria, Biochimica Clinica e Immunologia dell’Università degli Studi di Brescia (gruppo Cometa, acronimo di Covid-Mediated hyper-inflammatory state) sarà pubblicato sul numero di luglio della rivista Autoimmunity Reviews.

I precedenti del tocilizumab

Questo farmaco aveva già fatto capire di che pasta fosse fatto: i primi ad usarlo sono stati all'Istituto Pascale di Napoli dove si erano ottenuti ottimi risultati su due pazienti cinesi ricoverati e su altri quattro che erano stati estubati dopo la somministrazione del farmaco. I medici dell'ospedale avevano lanciato un appello per convalidare i positivi del tocilizumab.

In più, anche dalla Cina nelle scorse settimane erano arrivate notizie confortanti: per la ricerca dell'Anhui Provincial Hospital e dell'ospedale Anhui Fuyang, il tocilizumab potrebbe essere un trattamento valido ed è stato definito "efficace".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Mar, 21/04/2020 - 18:28

speriamo che possa migliorare anche la prestazione in termini percentuali....

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mar, 21/04/2020 - 18:38

Ai tempi dell'AIDS era utilizzato un cocktail di farmaci che bloccava lo sviluppo della malattia; se anche ora si potesse trovare una cura simile salveremmo l'uno o due percento delle persone che si ammalano gravemente (la maggior parte o non si accorge di essersi ammalata o se la sbriga in tempi rapidi) e ricominceremo a vivere e lavorare.

Gianca59

Mar, 21/04/2020 - 18:45

Riracconto: la suocera di un' amica di mia moglie a gennaio si è buscata una grave broncopolmonite; era in cura per l' artrite; l' amica di mia moglie è ancora li a chiedersi come la suocera ne sia uscita viva ! Ovviamente il piano segreto non prevedeva di fare alcuna verifica di covi.....

GeoGio

Mar, 21/04/2020 - 19:30

infatti i morti oggi sono calati. ...credo

antonmessina

Mar, 21/04/2020 - 19:41

a inizio gennaio ho avute febbre altissima oer una settimana che non passava con niente , sonnolenza spossatezza tosse mancanza di fiato e pcr che ho fatto fare per i miei soliti controlli era a 270 ! comincio a pensare di aver superato il corona senza saperlo