Crollo ponte Morandi, l'esperto: "È stato progettato male"

Per Antonio Brencich, professore all'Università di Genova del corso di costruzioni in cemento armato, il crollo del ponte Morandi non è da addebitare alla carenza di manutenzione, ma ad evidenti difetti di progettazione

Il viadotto Polcevera, meglio noto come ponte Morandi, non sarebbe crollato a causa della poca manutenzione o per colpa di un fulmine, come sostiene qualche testimone oculare. Ma perché è stato progettato male. A sostenerlo è Antonio Brencich, professore all'Università di Genova del corso di costruzioni in cemento armato. In un'intervista rilasciata ad Askanews, il professor Brencich si è soffermato a lungo sulle "carenze strutturali" del ponte, definendolo un "fallimento dell'ingegneria".

"I tre ponti Morandi - Genova, Maracaibo e Wadi el Kuf, nda - sono esempi di come non si progettano i ponti". Sono le parole di Antonio Brencich, ingegnere e professore di costruzioni in cemento armato all'Università di Genova. Interpellato anche in passato sulle condizioni di degrado in cui versava il viadotto Polcevera prima del cedimento di martedì mattina, Brencich ha spiegato i reali motivi dietro al crollo della struttura. Dovuto non tanto alle poche manutenzioni, quanto a evidenti problemi di progettazione. "Molti lo ritengono un capolavoro dell’ingegneria, io lo ritengo un fallimento dell’ingegneria. [...] La storia ha dimostrato delle carenze strutturali su Genova e Maracaibo, non solo oggi ma nel passato. Sono esempi di come non si progettano i ponti", ha detto il professor Brencich, prima di andare nello specifico sulla storia del ponte del capoluogo ligure.

"Dopo vent’anni dalla sua apertura, e vent’anni nella vita di un ponte sono un battito di ciglia, hanno fatto un intervento sulla torre est. Oggi è crollata la torre ovest. Sono tre torri. Alla torre est hanno sostituito gli stralli, cioé il sistema che collegava il ponte alla torre, quei cavi inclinati. Hanno messo dei cavi esterni che si vedono bene. Il mio è un giudizio tecnico dall’esterno; quello è un intervento pesantissimo su un ponte, fatto dopo vent’anni di vita. Il collasso di oggi ragionevolmente, lo diranno le indagini, ha un’origine simile", ha spiegato Brencich, secondo il quale il bilancio delle vittime avrebbe potuto essere molto più grave se non fosse intervenuto un "santo per le strutture".

"C’era un mio vecchio professore di cemento armato che diceva che esiste un santo per le strutture, e il santo oggi ha fatto crollare la torre più lontana dalle abitazioni, per fortuna", le parole di Brencich, dalle quali risulta evidente la tesi di una fragilità strutturale. Il professore universitario, infatti, ha precisato che "Un ponte che ha 51 anni di vita non può crollare. Il maltempo di questi giorni per una struttura significa zero. Se lei mi dicesse una tempesta di neve a meno 40 gradi. Ma un po’ di pioggia non cambia niente. So che quel ponte ha sempre avuto manutenzione, è il caso in cui non si può dire che mancasse la manutenzione. Teniamo conto che non tutto si può prevedere - ha continuato Brencich - e resta sempre un’aliquota di imprevedibilità. Era sotto controllo da molto tempo. Non è un caso di disattenzione e mancanza di investimenti", ha concluso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Epietro

Mar, 14/08/2018 - 18:05

Sarà un professore, ma non ho capito, nemmeno per sommi capi dove stava la fragilità strutturale e chi l'ha approvata senza batter ciglio.

Ritratto di VittorioDettoToi

VittorioDettoToi

Mar, 14/08/2018 - 20:45

Purtroppo bisogna essere ingegneri che hanno avuto grandi maestri in "scienza delle costruzioni " per capire le cose, poi il progettista di questo manufatto aveva tanti "amici" a Roma... Vittorio in Lucca

stefi84

Mar, 14/08/2018 - 21:23

Se fosse stato progettato male sarebbe caduto 50 anni fa.

ESILIATO

Mer, 15/08/2018 - 04:29

In quel periodo atorico solo con l'approvazione della "cellula" ottenevi di vincere il progetto. Il compagno Marandi deve avere avuto molti santi in paradiso.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 15/08/2018 - 06:02

ma non sapete fare un caxxo in Italia , prima con la diga del Vajont ora con il ponte Morandi, autostrade distrutte al Sud, però c'è da dire che a rubare siete dei maestri.

rise

Mer, 15/08/2018 - 07:10

IL professore ha ragione, la torre è caduta per cedimento strutturale, si è letteralmente piegata alla base, i ferri sono in evidenza come se il cls dei manicotti avesse ceduto sotto uno sforzo a trazione. I carichi di progetto avranno tenuto conto di una soletta ricoperta di asfalto oltre lo spessore previsto, dei carichi viaggianti attuali, delle vibrazioni e di quant' altro?

giuliobi

Mer, 15/08/2018 - 08:53

"Se fosse stato progettato male sarebbe caduto 50 anni fa." Un ponte, progettato bene e che ha una corretta manutenzione non crolla. Questo ponte è stato progettato male. E' uno dei pochissimi ponti strallati al mondo dove i tiranti non sono in acciaio ma in calcestruzzo. E già soltanto pochi anni dopo l'inagurazione (51 anni fa) sono iniziati importantissimi lavori di manutenzione che non sono mai finiti e anche al momento del crollo si stava continuando a fare manutenzione. https://it.wikipedia.org/wiki/Durabilit%C3%A0_del_calcestruzzo L'Eurocodice prevede 6 classi strutturali, la S4 è quella di riferimento e corrisponde ad una vita utile di progetto della struttura di 50 anni.

Augusto@27

Ven, 17/08/2018 - 02:49

Al TG1 delle 20.30 del 16.08 finalmente ha parlato qualcuno che si intende di ponti, il Prof. M.P. Petrangeli (perché li ha costruiti, ci ha scritto libri sopra ed insegna Ponti da decenni agli studenti di Ingegneria)…… ascoltando questo video si può capire cosa sia la corrosione e la fatica delle opere di ingegneria.