La Danimarca grazia il cane Iceberg: è salvo, può tornare in Italia

L'annuncio di Alfano via Facebook: "Il governo danese ha acconsentito a risparmiargli la vita, Iceberg può tornare nel nostro Paese"

Iceberg può tornare in Italia. Il cane di Giuseppe Perna, chef italiano che lavora a Copenhagen, avrà salva la vita: ad annunciarlo è stato il ministro degli Esteri Angelino Alfano, con un post esultante sul proprio profilo Facebook.

La storia del dogo argentino di proprietà del nostro connazionale espatriato nella capitale danese aveva commosso mezza Europa: dopo una zuffa con un altro cane, l'animale era stato condannato a morte senza possibilità di appello. Oltretutto la Danimarca vieta il possesso di esemplari di quella razza perché pericolosi.

Ma la decisione delle autorità danesi ha scatenato una vera e propria rivolta, in Italia e non solo. Attraverso la mediazione delle associazioni animaliste, in pochi giorni sono state raccolte oltre 340mila firme. L'ambasciata danese a Roma e il governo di Copenhagen sono stati sommersi di mail. Per salvare Iceberg si sono mobilitate perfino la cantante Noemi e l'ex ministro del Turismo Maria Vittoria Brambilla, ormai celebre per le sue campagne in favore dei diritti degli animali.

Alla fine tanto è stato detto e tanto è stato fatto che della questione si è interessato personalmene anche il titolare della Farnesina. Che, facendo leva anche sulla campagna di opinione che ormai aveva assunto dimensioni importanti, è riuscito a far breccia nei paludati ambienti della diplomazia. L'ambasciatore danese in Italia, Erik Lorenzen, ha comunicato la decisione del suo governo di rilasciare il cane.

"Non appena il governo danese avrà riformato la legge, Iceberg tornerà finalmente a casa - tranquillizza tutti - Invito chi fa di professione lo scettico o fa dell'inutile ironia a gioire".

E a gioire sarà sopratutto Perna. Che però, come ricorda giustamente la Brambilla, continuerà a domandarsi: ma perché mai nessuno lo aveva avvertito, alla frontiera, che in Danimarca il dogo argentino è un cane proibito?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di PinoLollo

PinoLollo

Gio, 29/06/2017 - 11:33

La Danimarca è in Europa dove non ci sono più le frontiere, tranne per i migranti, e non ci sono più controlli, non ci sono dogane o funzionari a controllare, ma Michela Vittoria Brambilla dice "...Ma non so spiegarmi perché, all'ingresso in Danimarca, nessun funzionario abbia avvertito Giuseppe che quel cane era proibito." La grande attenzione, che gli italiani hanno verso il mondo animale ma soprattutto i cani evidenzia una psicopatologia sociale, la ricerca di un simulacro dei rapporti umani reali. L'attenzione verso l'animale domestico è dato da un bisogno umano di dare cura a qualcuno. Non si fanno più figli, ancora meno nipoti, i rapporti con i vecchi sono faticosi e quindi mediati da badanti. Rimane il bisogno umano di cura e di averne gratificazione, ecco il simulacro: cosa c'e' di meglio di un cagnolino? E' una droga! Questa gente dovrebbe farsi curare! Sono un problema sociale. Il peggio sono quelli che di queste miserie ne traggono profitto

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 29/06/2017 - 13:40

Per salvare un cane, una tartaruga o un gattino si mobilita mezzo mondo. Si muove la rete, ambasciatori, ministri. Le persone anziane, sole e malate, non le vede nessuno; non si fanno appelli, sottoscrizioni, non si muovono le associazioni umanitarie, né ministri e ambasciatori. Così muoiono sole e dimenticate, e nessuno si accorge della loro assenza. Le ritrovano dopo mesi o anni, mummificate. In compenso Alfano può essere orgoglioso e può riportarlo nel suo curriculum. E' l’unica cosa buona e degna di nota fatta come ministro: salvare un cane.

Fjr

Gio, 29/06/2017 - 13:52

quanto clamore se le stesse energie fossero state riposte nel portare a casa i due maro' in tempi decenti,invece.....

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 29/06/2017 - 14:37

Non uccidere. Si tratta di un comandamento cristiano e non buddista, che vale anche per gli animali. Poi vi sono eccezionali motivazioni che confermano la regola, come per nutrirsi quando si deve uccidere una bestia o per legittima difesa quando si devono uccidere degli uomini micidiali.

i-taglianibravagente

Gio, 29/06/2017 - 14:47

Il giorno dopo la notizia sul bambino inglese Charlie, condannato a morire dai giudici inglesi ed europei.....questa notizia ci voleva... Ci salvi il Padre Eterno da questo manicomio infernale.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 29/06/2017 - 14:50

Che bello, un cane cattivo e violento potrà tornare in Italia insieme al suo padrone che come tutti i padroni di cane pensa di essere superiore a qualsiasi legge, tipo quella che vieta il possesso di quella razza di cani in Danimarca. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa il padrone del cane aggredito da questa bestia

Blueray

Gio, 29/06/2017 - 16:42

340.000 firme per un Dogo argentino aggressivo e proibito? Poi per forza che in Europa ci danno di matti e ci fanno i sorrisini compassionevoli, come dire sono italiani, lì è tutto sui generis.

emigrante

Gio, 29/06/2017 - 16:53

Signor i-taglianibravagente, Lei in poche parole ha delineato perfettamente la realtà.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Gio, 29/06/2017 - 18:11

Che bello! mentre Charlie Gard, un bambino, sarà ammazzato.

maria angela gobbi

Gio, 29/06/2017 - 18:32

volevo commentare con un Pensiero per il povero bambino Charlie, per il quale forse non è permesso firmare appelli,ma Dio lo attende con la sua Grazia,e sarà salvo ai commentatori che qui si sfogano contro chi ama i cani vorrei però dire di astenersi da commenti cattivi e/o sciocchi; è prprio un'idiozia disprezzare chi comunque ama qualcuno o qualcosa,non per servirsene,ma per servire... Prendetevela coi "cattivi" di ogni genere ma lasciate in pace chi ammira e fotografa i bei paesaggi o le nuvole,chi ama i fiori o i pesci,chi custodisce cani e/o gatti ,ecc ecc Ce n'è per tutti i gusti,vabbbene???

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 29/06/2017 - 18:41

i-taglianibravagente Gio, 29/06/2017 - 14:47 sono d'accordissimo con lei. Io chiuderei in una stanza buia la Brambilla col cane Iceberg. Povero cane !!

maria angela gobbi

Gio, 29/06/2017 - 22:31

volevo commentare con un Pensiero per il povero bambino Charlie, per il quale forse non è permesso firmare appelli,ma Dio lo attende con la sua Grazia,e sarà salvo per sempre. Ai commentatori che qui si sfogano contro chi ama i cani vorrei però dire di astenersi da commenti cattivi e/o sciocchi; è proprio un'idiozia disprezzare chi comunque ama qualcuno o qualcosa,non per servirsene,ma per servire... Prendetevela coi "cattivi" di ogni genere ma lasciate in pace chi ammira e fotografa i bei paesaggi o le nuvole,chi ama i fiori o i pesci,chi custodisce cani e/o gatti ,ecc ecc Ce n'è per tutti i gusti,vabbbene???

duca di sciabbica

Gio, 29/06/2017 - 22:52

maria angela gobbi trenta e lode per la sua risposta. Il segreto per proteggersi da attacchi di bile, come quelli che vedo incombere ad esempio su PinoLollo, è lasciare che ognuno ami ciò che gli pare e quanto gli pare