Evade l'Iva per 76mila euro ma viene assolto: colpa della crisi

Imprenditore di 56 anni ha evaso 76 mila euro di Iva. Assolto perché "il fatto non sussiste, non era possibile pagare"

Evade l'Iva per 76mila euro ma viene assolto: colpa della crisi

La  crisi economica può costringere anche ad evadere il Fisco. Ma la giustizia, almeno in questo caso, ha tenuto conto della "giusta causa", decidendo di assolvere l'evasore, un imprenditore di 54 anni che aveva una pendenza di 76mila euro con lo Stato per Iva non versata, per l'anno di imposta 2009. E' successo ad Aosta, il giudice monocratico Davide Palladino ha assolto l'imprenditore, Pierino Fratallone, titolare di "Io Bimbo", un negozio di articoli per l'infanzia. La motivazione è questa: il fatto non sussiste. "È stato riconosciuto - spiega l’avvocato Davide Sciulli,  - che non c’era la volontà di omettere il versamento, ma esso non era possibile per cause di forza maggiore dovute alla crisi dell’azienda". Non è la prima volta che succede che lo Stato si renda conto, sia pure in extremis, delle ragioni di chi è schiacciato dalla crisi. Speriamo che non sia l'ultima.

Tag

Commenti